Sport

AC Pisa, Piero Camilli vende le quote, ma i tifosi vogliono chiarezza

I problemi sorti negli scorsi giorni sul progetto cittadella hanno influito molto su questa decisione di Camilli che adesso sembra definitiva. Intanto i tifosi chiedono chiarezza per non passare un'altra estate difficile

Dopo il fulmine a ciel sereno dell'uscita dal progetto cittadella arriva, quasi conseguentemente, l'intenzione di Piero Camilli di vendere le sue quote del Pisa. Si è spesso detto che i due progetti andavano a braccetto e se il Comandante non fa più parte di uno è scontato che voglia uscire anche dall'altro. Da qui l'annuncio della messa in vendita della sua quota azionaria della società, non si sa ancora se interamente in favore di Carlo Battini, se spartita tra tutti i soci o consegnata ad un socio totalmente nuovo. Resta ancora da capire quanto le intenzioni siano ferme al 100% anche se Camilli ha ribadito che questa sua decisione è irrevocabile, ma la riunione dei soci, che probabilmente si terrà lunedì ad Acquapendente, potrebbe fare molta chiarezza in questo senso.

I TIFOSI VOGLIONO CHIAREZZA: Se Piero Camilli cede le suo quote il futuro dei nerazzurri potrebbe cambiare, e molto. Per questo i tifosi della Curva Nord attraverso un comunicato chiedono che si faccia subito chiarezza in merito a queste e altre situazioni: "Dopo le ultime vicende societarie, legate anche alla costruzione della Cittadella dello sport, e soprattutto dopo le ultime esternazioni dei proprietari dell’Ac Pisa, chiediamo subito chiarezza alla società nerazzurra e in particolare a Piero Camilli". Questo è l’inizio della nota inviata dai gruppi della Curva Nord. “Ricordiamo a tutti - proseguono i tifosi nerazzurri - quello che abbiamo già espresso l’ultima di campionato con un semplice ma significativo striscione: dopo una sofferta salvezza vogliamo un futuro da protagonisti".
"Vedendo gli ultimi sviluppi societari - è la conclusione dei gruppi della Nord - siamo preoccupati: ad oggi non sembra che stiamo progettando un futuro da protagonisti come la Pisa sportiva si aspetta e merita”.


DATI SPETTATORI: Intanto la Lega Pro ha emesso i dati delle presenze in questa stagione e, come spesso accade, Pisa si ritrova ai vertici della classifica. Nelle prime tre posizioni ci sono Hellas Verona (11.363 spettatori di media con 94.882 € di incassi medi), Foggia (6.764) e Salernitana (5.214). In quarta posizione invece si trova proprio il Pisa con una media di 4.731 spettatori e 39.095 € di incassi, tenendosi dietro altre squadre come Taranto (4.406), Nocerina (4.193), Benevento (3.729) o Spezia (3.143). Più indietro le altre toscane Lucchese (2.489) e Viareggio (973), mentre la classifica è chiusa dal Lumezzane (438). Per la seconda divisione davanti a tutti c'è l'Avellino (2.815), seguito da Trapani (2.356) e Latina (2.249).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

AC Pisa, Piero Camilli vende le quote, ma i tifosi vogliono chiarezza

PisaToday è in caricamento