rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Altro

Festa di partecipazione e organizzazione: va in archivio la Coppa del mondo di scherma paralimpica

Il presidente dell'US Pisascherma, Giovanni Calabrò, stila il bilancio dell'ottava edizione della manifestazione ospitata sotto la Torre

A pochissimi giorni dall’assegnazione dell’ultima medaglia, l’US Pisascherma tira le somme della tappa di Coppa del mondo paralimpica svoltasi all’ombra della Torre, che dopo otto edizioni vede ancora crescere il numero dei partecipanti ma anche delle soddisfazioni che questo evento riesce a regalare. Quella di quest’anno è stata un’edizione speciale, attraverso la quale, grazie ai sindaci dei Comuni di Pisa e San Giuliano, si è riusciti a portare la valenza sportiva e sociale di questa manifestazione nelle scuole. L’esperienza che ne è scaturita ha fatto sì che il pubblico presente al PalaCUS fosse davvero numeroso e costituito da moltissimi bambini incredibilmente coinvolti nel tifo per gli atleti della nazionale, a loro volta emozionati per tanto affetto.

Pisa si è dimostrata una città accessibile, nella quale la mobilità si è mostrata un fiore all’occhiello per i team stranieri, che hanno ancora una volta testimoniato quanto questa tappa del circuito mondiale sia un punto fermo per la sua organizzazione. Tanti i ringraziamenti che continuano ad arrivare alla società schermistica pisana, la quale si dice pronta a ripartire subito dopo le Paralimpiadi di Parigi 2024.

Ma il successo di questa manifestazione, come osserva il presidente dell’US Pisascherma Giovanni Calabrò, "nasce dalla collaborazione delle tantissime persone che lavorano dietro le quinte di questa macchina organizzativa, dai conducenti dei moltissimi mezzi impegnati nei transfer accessibili, ai referenti dell’aeroporto di Pisa che ogni anno si mettono a disposizione per fornire una accoglienza puntuale e perfetta agli ospiti, tale da non creare mai intralci o ritardi dopo gli arrivi e nelle partenze, ai tecnici ed agli addetti alle pulizie che rendono il luogo di gara un posto sicuro ed accogliente in ogni giorno di questa competizione".

L’edizione 2023 si è mostrata come la più complessa logisticamente e quella con i migliori risultati da un punto di vista organizzativo, anche per l’enorme contributo che quest’anno lo Stato Maggiore della Difesa ha voluto incrementare, inviando donne e uomini dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dell’Arma dei Carabinieri per assistere gli atleti in gara, per allestire il campo gara prime dell’inizio della competizione e per affiancare gli autisti negli innumerevoli transfer tra aeroporto, hotel e luogo di gara. Innumerevoli sono giunti alla segreteria dell’US Pisascherma i complimenti per i militari che così tanto hanno contribuito in questa edizione.

Fondamentale per la riuscita della manifestazione è stato il supporto fornito dall’Università di Pisa, della Fondazione Pisa, da Pharmanutra, dalla Paim e da Devitalia, "ai quali va un ringraziamento particolare – così conclude il presidente del U.S. Pisascherma -. Adesso per la nostra società è tempo di tornare a concentrarsi sul calendario agonistico, che vede i nostri atleti entrare nella fase più calda dell’anno sportivo, pronti ad accogliere con lo stesso entusiasmo prossime nuove sfide".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa di partecipazione e organizzazione: va in archivio la Coppa del mondo di scherma paralimpica

PisaToday è in caricamento