rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Altro

Cetilar Racing mastica amaro dopo la '12 Ore di Sebring'

Un problema tecnico costringe la scuderia pisana a chiudere la gara al 14° posto di classe

E' stata una '12 Ore di Sebring' a due facce, quella del team Cetilar Racing. Dopo la vittoria ottenuta lo scorso anno nella classe GTD, l'unica squadra tutta italiana al via del secondo appuntamento della serie Michelin Endurance Cup dell'IMSA WeatherTech Sportscar Championship nutriva sicuramente grandi ambizioni. Invece per Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Antonio Fuoco la loro seconda partecipazione alla grande classica della Florida, che era poi la prima con la nuova Ferrari 296 GT3 numero 47, si è conclusa con un 14° posto. Un risultato che non gli rende il giusto merito, al termine di una gara che li ha visti costantemente viaggiare a ridosso delle prime sette posizioni.

Una condotta impeccabile, priva di errori, per i tre piloti (Fuoco era tra l'altro reduce dal bel podio condito anche dalla pole messa a segno con la Ferrari 499P nella tappa del FIA WEC disputatasi sullo stesso tracciato il giorno prima). Così come perfetta è stata la gestione di AF Corse dal muretto. Ma un problema tecnico evidenziatosi nelle fasi finali, ha reso necessaria una lunga sosta ai box e definitivamente retrocesso l'equipaggio tricolore. Peccato, perché fino ad allora tutto aveva funzionato bene. E nonostante una qualifica non particolarmente entusiasmante, che aveva visto Sernagiotto (poi autore del primo stint di guida) posizionarsi in ogni caso nella top-10, le speranze di potersi inserire tra i primi cinque sembravano essere concrete.

"Quando ti ritrovi ad avere una gestione perfetta da parte dei tecnici e meccanici di AF Corse ed i piloti che onestamente fanno un bel lavoro, senza commettere alcun errore, e poi vieni penalizzato da problemi di affidabilità, non è ovviamente il massimo per tutti - è stato il commento di Roberto Lacorte - Sapevamo che la 296 GT3 ha bisogno di tanto lavoro ed ormai questa stagione ci servirà a sviluppare la vettura. Di sicuro oggi ci meritavamo qualcosa di più e potevamo puntare a un quinto o un sesto posto finale. Tutto ciò comunque non ci demoralizza. Viceversa, ci porta a lavorare tutti, Cetilar Racing, AF Corse e Ferrari, sempre più uniti per potere dire presto anche la nostra".

"Sapevamo dall'inizio che sarebbe stata dura. Poi però, quando vedi che sei lì a giocartela bene, migliorando costantemente anche in termini di performance, dispiace - ha dichiarato Giorgio Sernagiotto - Sicuramente la vittoria non era alla nostra portata, ma a una top-5 o giù di lì si poteva anche sperare. Un risultato che, considerando il tipo di percorso che stiamo facendo con questa vettura, sarebbe stato davvero molto bello. Dispiace perché il livello di impegno di tutti noi, piloti e squadra, non è forse mai stato così alto". Prossima fermata per la Michelin Endurance Cup e per il team Cetilar Racing il 24 e 25 giugno, in occasione della '6 Ore di Watkins Glen'. Un'altra classica cui farà seguito la 'Petit Le Mans' di Road Atlanta in programma nel mese di ottobre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cetilar Racing mastica amaro dopo la '12 Ore di Sebring'

PisaToday è in caricamento