Arezzo - Pisa 1-0 | Nerazzurri generosi ma ingenui: decide il rigore di Cutolo

Il Pisa controlla il gioco nel primo tempo, e ringrazia Gori per le due parate miracolose. Nel secondo tempo Cutolo trasforma il rigore della vittoria. A nulla servono gli assalti finali con Lisi e Pesenti

Buon Pisa ad Arezzo, meno brillante rispetto a sabato scorso, ma comunque ben messo in campo. A mancare però è la cattiveria negli ultimi metri: i nerazzurri ci mettono intensità ma poca precisione nelle conclusioni. E' l'Arezzo che trova lo specchio della porta nel primo tempo, imbattendosi però in uno straordinario Gori. Nel secondo tempo l'equilibrio è ancora più accentuato, e uno dei pochi episodi gira a favore dei padroni di casa. Un altro errore difensivo condanna la squadra di D'Angelo.

Il Pisa parte bene e si installa con personalità nella metà campo avversaria. Mister D'Angelo propone il modulo visto sabato scorso con il Siena: un 4-3-1-2 fluido nel quale Lisi ha libertà d'azione e può proiettarsi a sostegno della manovra avversaria, facendo tramutare la difesa in una linea a tre. La prima occasione della serata però porta la firma di Cutolo, pronto con il destro dal limite ad impegnare Gori. Ed è proprio l'estremo difensore nerazzurro a rendersi protagonista della prima frazione con altre due parate incredibili: una ancora su Cutolo, la seconda sull'inzuccata ravvicinata di Brunori. Il Pisa però non resta a guardare, e si mette in mostra per una manovra complessivamente più fluida di quella aretina. Benedetti di testa sfiora il gol sugli sviluppi di un corner di Gucher, ma la difesa amaranto sventa l'occasione proprio sulla riga di porta. Poi è Gucher che con la botta di destro lambisce il palo alla destra di Pelagotti. Nella ripresa l'Arezzo alza il baricentro e prova a mettere più coraggio nelle scelte e nelle giocate, ma le occasioni si contano con il contagocce. Il Pisa è ben messo in campo e concede con più difficoltà il tiro agli avversari, e come spesso accade nel calcio è un episodio fortuito che rompe l'equilibrio. La conclusione di Foglia si impenna nell'area pisana: Benedetti prova ad allontanare ma interviene con il braccio largo provocando il rigore. Stavolta Gori non riesce nel miracolo e viene spiazzato da Cutolo. La reazione nerazzurra arriva nell'ultimo quarto d'ora. Prima è Moscardelli che viene bruciato in uscita da Pelagotti, e poi è anciora l'estremo difensore amaranto che si esibisce in due strepitose parate su Lisi e Pesenti.

La partita

A quattro giorni dalla bella e sfortunata partita contro il Siena, il Pisa torna in campo in campionato. Lo fa su uno dei campi storicamente più ostici per i colori nerazzurri: al 'Città di Arezzo' va in scena il big match della ventiduesima giornata del Girone A di Serie C, Arezzo - Pisa. Gli amaranto arrivano alla sfida reduci dalla sconfitta di misura sul campo della Pro Vercelli, ma in casa in stagione non hanno ancora mai perso e sono determinati a mantenere questo record: sono infatti l'unica formazione del raggruppamento a non aver ancora visto festeggiare gli avversari sul proprio campo. Mister D'Angelo per provare a sfatare il tabù della vittoria nerazzurra (due soli successi nella storia dagli anni '30 a oggi) e interrompere la striscia positiva degli amaranto sceglie la formazione iniziale di quattro giorni fa. In campo quindi di nuovo Minesso alle spalle di Masucci e Moscardelli, con Verna Gucher e Di Quinzio a formare la cerniera in mediana. L'unico cambio è l'inserimento di Buschiazzo nel ruolo di 'terzino destro bloccato' in difesa, completata da Benedetti, De Vitis e Lisi sulla corsia mancina. L'Arezzo risponde con il 3-4-1-2, nel quale le invenzioni sono affidate all'estro di Cutolo. Fra i pali Pelagotti, in nerazzurro nella stagione 2014-2015.

Il Pisa ha un approccio positivo al match e riesce con personalità a tenere in mano il pallino del gioco. La prima occasione da gol della serata però porta la firma di Cutolo, che all'8' viene smarcato al limite dell'area dalla bella progressione di Foglia. Il capitano prende la mira e calcia di destro: c'è la potenza ma non sufficiente precisione, Gori devia con sicurezza. La risposta nerazzurra arriva già all'11', quando una bella apertura di Gucher smarca Masucci sulla corsia destra. Il cross del numero 26 spiove sul secondo palo: Lisi controlla al limite ma con il destro a giro non centra i pali. Una palla gol ancora più clamorosa capita a Moscardelli al 20', quando Di Quinzio sradica la palla dai piedi di Foglia e serve il capitano. Il numero 9 scarta sulla sinistra e dal limite cerca la porta: troppa potenza e palla in curva.

La pressione nerazzurra alla metà della prima frazione si intensifica, e al 25' la porta amaranto rischia di essere bucata. Il corner battuto da Gucher mette in difficoltà Pelagotti: la respinta corta è raccolta di testa da Benedetti, che di testa costringe due avversari al salvataggio sulla riga di porta. L'azione non termina qui: la sfera dopo un altro rimpallo spiove sulla sinistra, dove è rimasto Gucher: il destro al volo dai 20 metri lambisce il palo. L'Arezzo gioca sulla riconquista della palla e sulle ripartenze. Al 31' è Di Quinzio che si fa sorprendere dalla pressione della mediana amaranto, con Salifu bravo a ribaltare l'azione e servire al vertice sinistro dell'area Cutolo. Il numero 10 incrocia alla perfezione, ma Gori risponde ancora presente e devia fuori dallo specchio della porta. L'estremo difensore nerazzurro si ripete ancora al 38' con una parata ancora più difficile su Brunori. Cutolo pesca il centravanti al centro dell'area: il colpo di testa è a botta sicura, ma Gori respinge con riflessi pazzeschi. Sulla ribattuta spinge in rete Sala, ma il terzino era partito davanti a tutti e il guardalinee non ha indecisioni e segnala il fuorigioco. Nei minuti finali della prima frazione la squadra di D'Angelo allenta la pressione conquistando un paio di calci piazzati che portano nuovamente scompiglio nell'area amaranto, senza però essere convertiti in reali occasioni dai nerazzurri.

La seconda frazione si apre con il tracciante di Minesso dai 25 metri al 53'. Masucci lascia scorrere intelligentemente per il numero 11, che non ci pensa su due volte: Pelagotti è costretto a bloccare in due tempi. E' L'Arezzo però ad avere il controllo del gioco e del ritmo della gara adesso, e il Pisa agisce di rimessa. E al 66' i padroni di casa possono beneficiare dii un calcio di rigore provocato da Benedetti. Foglia converge sul destro e calcia in porta: la palla si impenna dopo il contrasto di due giocatori nerazzurri e spiove al centro dell'area. Il numero 33 prova ad allontanare, ma tocca la sfera con il braccio largo. Rigore netto: dal dischetto Cutolo non sbaglia e spiazza Gori. E' 1-0.

L'episodio del pareggio vede protagonista Moscardelli al 79'. Il lancio di Benedetti coglie impreparata la linea difensiva amaranto, ed il capitano nerazzurro si invola verso l'area avversaria. Lo stop non è perfetto e Pelagotti in uscita gli prende il tempo, bloccando la sfera. Il Pisa prende coraggio, l'Arezzo arretra leggermente il baricentro e concede una doppia chance all'84'. Punizione di Di Quinzio respinta corta: Lisi al volo calcia dal limite e chiama al primo miracolo Pelagotti, sulla ribattuta Pesenti appoggia di piatto ma ancora il portiere amaranto devia sulla traversa con un riflesso clamoroso. Nel primo minuto di recupero è Pesenti che prova a correggere di testa il cross di Di Quinzio, ma ancora Pelagotti arriva a deviare all'angolino basso. E arriva poi la beffa finale: Birindelli al 94' atterra Persano da ultimo uomo. Amabile non ha dubbi: rosso diretto: il terzino salterà sicuramente la sfida di domenica 27 gennaio contro il Piacenza all'Arena Garibaldi.

Il tabellino

Arezzo - Pisa 1-0

Arezzo (3-4-1-2): Pelagotti; Pinto, Pelagatti, Burzigotti; Sala, Foglia, Salifu, Luciani; Serrotti; Cutolo (80' Persano), Brunori (93' Zini). All. Dal Canto

Pisa (4-3-1-2): Gori; Lisi, De Vitis, Benedetti, Buschiazzo (69' Birindelli); Di Quinzio, Gucher, Verna (60' Marin); Minesso; Moscardelli, Masucci (56' Pesenti). All. D'Angelo

Reti: 66' Cutolo (rig.)

Ammoniti: De Vitis (P), Luciani (A), Benedetti (P)

Note: arbitro Daniel Amabile; angoli 3-7 (3-6); recupero 0' e 4',; espulso al 90' D'Angelo per proteste; espulso al 94' Birindelli (P) per fallo da ultimo uomo

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 12 e 13 ottobre

  • Lutto a Pisa: è morto l'ex sindaco Oriano Ripoli

  • La pizza di Luca D'Auria riconosciuta dal Gambero Rosso

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

  • Fi-Pi-Li, mezzo pesante a fuoco in galleria: superstrada chiusa fra Pontedera e Montopoli

Torna su
PisaToday è in caricamento