Venerdì, 17 Settembre 2021
Calcio

Pisa-Alessandria 2-0 | Nerazzurri straripanti: doppietta di Lucca e secondo successo di fila

Il centravanti decide la gara nei dieci minuti finali con due gol da bomber vero. Decisivi i cambi nella ripresa dopo un primo tempo bloccato

Due partite in casa, sei punti in cascina e zero reti incassate. E scusate se è poco. Noi ci teniamo stretti l'entusiasmo del secondo successo in fila nel giro di cinque giorni e le prime due reti in maglia nerazzurra di Lorenzo Lucca. Il centravanti classe 2000 arrivato dal Palermo decide la sfida con l'Alessandra mandando in visibilio i 4mila dell'Arena Garibaldi. Gara bloccata nel primo tempo, spumeggiante nella ripresa: D'Angelo schianta gli avversari con la qualità dei cambi e si gode il primato provvisorio in classifica.

La prima frazione è tremendamente bloccata: l'Alessandria gioca principalmente per non prenderle, costruendo una linea difensiva a cinque quando a manovrare è il Pisa; i nerazzurri provano a manovrare con ritmi alti e qualità nel palleggio ma non trovano molta fortuna. E così nella prima mezz'ora di gioco sono gli ospiti, sfruttando la ripartenza dal basso, a costruire le prime due conclusioni verso la porta nerazzurra. Prima Casarini, poi Palombi con un rasoterra dai sedici metri trovano l'intervento sicuro di Nicolas. L'ultimo quarto d'ora del primo tempo invece porta la marca dello Sporting Club: sale in cattedra la mediana e la qualità di Mastinu e Marsura. Quest'ultimo va al tiro a giro dallo spigolo destro dell'area ma spedisce la palla di poco a lato. Poco dopo sceglie il rasoterra col mancino, ma Pisseri risponde presente allontanando con i piedi. E un attimo prima dell'intervallo è ancora il portiere ospite a mettersi in evidenza deviando in corner un diagonale velenoso di Tourè. Nella ripresa D'Angelo schiera l'artiglieria pesante, gettando nella mischia Lucca, Cohen, De Vitis, Beruatto e Masucci. I nerazzurri ci mettono qualche minuto a trovare l'assetto giusto, tempo che l'Alessandria sfrutta per far correre un paio di brividi all'Arena Garibaldi con due bei cross di Beghetto. Sul secondo Mustacchio impatta in totale libertà ma spedisce altissimo. Poi gli ospiti spariscono dal campo e la marea nerazzurra monta. Cohen in transizione va vicinissimo al gol al debutto con un bel sinistro di prima intenzione su suggerimento di Marin. Nei dieci minuti finali sale in cattedra il fiuto del gol di Lucca: doppietta d'autore del numero 9 che decide la gara. La rete che rompe l'equilibrio è un sunto di tempismo e qualità: il taglio in area sul cross di Marsura è perfetto, il tocco di destro nell'angolino è letale. Poi il numero 9 va di potenza: accelerazione che brucia Benedetti sul suggerimento in verticale di Masucci in rovesciata: destro in controbalzo, palla in buca, Arena Garibaldi in delirio.

La partita

Dopo il bel successo nella gara d'esordio contro la Spal, il Pisa va alla ricerca di continuità provando a sfruttare a pieno l'effetto, e l'affetto, dell'Arena Garibaldi. La seconda giornata del campionato cadetto si disputa ancora di fronte al pubblico nerazzurro e gli uomini di Luca D'Angelo cercano di tramutare questa variabile in fattore positivo: di fronte c'è un Alessandria neopromosso in Serie B, sconfitto al debutto in casa del Benevento ma in grado di impensierire la truppa guidata da Robert Gucher.

D'Angelo dà continuità alla retroguardia del debutto: quindi avanti con Hermannsson terzino bloccato a destra, con Leverbe e Caracciolo centrali e Birindelli a sinistra. Diverse novità invece dalla metà campo in su, dove trova una maglia da titolare Mastinu e si accomoda in panchina Lucca. Un 4-3-1-2 leggero che va alla ricerca del palleggio e del dinamismo più che della profondità. Le prime fasi della gara sono molto spezzettate, con l'Alessandria che applica un pressing sistematico a tutto campo per non far prendere ritmo alla manovra nerazzurri. E sono gli ospiti che per primi si fanno vedere: botta centrale dal limite dell'area di Casarini al 9', Nicolas blocca senza problemi.

La risposta dei padroni di casa si lascia attendere. Il Pisa lentamente prova a prendere in mano le redini del gioco ma lo scacchiere predisposto dall'Alessandria regge l'urto. E così le azioni dei nerazzurri finiscono per infrangersi sul muro eretto dai grigi all'altezza dei venticinque metri dalla porta. Dall'altra parte, per la verità, dopo l'occasione sporadica sfruttata da Casarini, anche l'Alessandria non si fa mai vedere. Almeno fino alla mezz'ora, quando le maglie della difesa nerazzurra non si stringono a dovere sul lancio in profondità sul quale si fionda Corazza. Il centravanti grigio apre la via centrale all'inserimento di Palombi, che di prima intenzione calcia verso la porta: Nicolas blocca a terra. Il campanello d'allarme stavolta scuote il Pisa che si distende sulla sinistra con Marsura: l'attaccante converge sul destro e dal limite dell'area calcia a giro sul secondo palo. Palla fuori di poco.

Gli uomini di D'Angelo alzano i giri del motore e chiudono in avanti la prima frazione. Al 37' Tourè e Mastinu puliscono un buon pallone in mezzo al campo, che viene rifinito da Sibilli per Marsura. Il numero 77 dall'interno dell'area di rigore incrocia rasoterra col mancino: Pisseri allontana con i piedi. Adesso il Pisa ha più sicurezze e si vede al 43' quando da una situazione di pressione difensiva la manovra si allunga in bello stile fino al diagonale rasoterra di Tourè dal limite dell'area. Bravo ancora Pisseri nella deviazione.

La seconda frazione si apre con due fiammate, una a testa. Prima è l'Alessandria che fa correre un brivido a tutta l'Arena Garibaldi con il cross di Beghetto che attraversa tutta l'area senza trovare deviazioni. Sul ribaltamento di fronte Sibilli fa secco Parodi ed entra in area dalla sinistra: l'attaccante inquadra il palo lontano ma colpisce malissimo e spedisce la palla quasi in fallo laterale. La catena mancina degli ospiti sembra funzionare meglio perché al 50' è di nuovo Beghetto che pennella sul secondo palo: Mustacchio è tutto solo, libero di colpire, ma spedisce clamorosamente alto.

D'Angelo cambia la prima carta della gara richiamando Mastinu e gettando nella mischia Lucca, per alzare il peso offensivo: il centravanti si presenta con una botta dal limite che trova la respinta con i pugni di Pisseri. Altri cambi intorno all'ora di gioco: dentro Beruatto a sinistra e in attacco Cohen. L'israeliano debutta così in Italia. Gli slot delle sostituzioni vengono esauriti con gli inserimenti di De Vitis e Masucci: il Pisa chiude con un 4-4-2 ultraoffensivo per cercare la vittoria. I frutti rischiano di arrivare immediatamente quando Marin in combinazione con Masucci accelera in mezzo al campo, spezzando in due tronconi l'Alessandria. Il romeno allarga per Cohen che non ci pensa su due volte: sinistro di prima intenzione sul secondo palo, palla fuori di pochissimo.

Il peso offensivo, dicevamo. Si vede tutto all'80' quando i nerazzurri stringono l'Alessandria negli ultimi venti metri. La punizione di Beruatto è calciata male, ma la pressione del Pisa propizia la riconquista della sfera proprio del terzino che serve Marsura sulla trequarti. L'attaccante disegna un bel cross nel cuore dell'area piemontese sul quale si fionda Lucca: il centravanti brucia tutti sul filo del fuorigioco e con un tocco felpato spedisce la palla nell'angolino. 1-0 per i nerazzurri. I giocatori sono in trance agonistica adesso: Masucci addomestica la palla sulla trequarti e in rovesciata manda in porta Lucca. Il numero 9 si scrolla di dosso Benedetti e poi lascia partire un destro rasoterra che fulmina Pisseri. Doppietta, 2-0.

Il tabellino

Pisa-Alessandria 2-0

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Hermannsson, Leverbe, Caracciolo, Birindelli (67' Beruatto); Tourè (72' De Vitis), Marin, Gucher (72' Masucci); Mastinu (54' Lucca); Sibilli (67' Cohen), Marsura. All. D'Angelo

Alessandria (3-5-2): Pisseri; Benedetti, Mantovani, Parodi; Mustacchio, Ba (88' Bruccini), Casarini, Beghetto (88' Lunetta); Palombi (62' Arrighini), Corazza (75' Marconi), Chiarello (75' Orlando). All. Longo

Reti: 80' Lucca (P), 85' Lucca (P)

Ammoniti: Mantovani (A), Benedetti (A), Marin (P), De Vitis (P)

Note: arbitro Francesco Cosso; angoli 3-1 (2-1); recupero 1' e 3'

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa-Alessandria 2-0 | Nerazzurri straripanti: doppietta di Lucca e secondo successo di fila

PisaToday è in caricamento