rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Calcio

Pisa-Benevento 1-0 | Magia di Cohen: vittoria di platino per i nerazzurri

Riparte la marcia degli uomini di D'Angelo grazie a una gemma dell'israeliano su calcio piazzato: il Pisa ritrova la vittoria dopo un mese e mezzo

Il Pisa scaccia le streghe con una prestazione solida, arrembante, quadrata, entusiasmante per la dedizione con cui protegge la gemma di Cohen (la prima in casa per il giocatore israeliano). Torna finalmente il successo in casa nerazzurra, dopo un mese e mezzo di attesa, al termine di una battaglia sportiva che Gucher e compagni interpretano nel migliore dei modi. Con il coltello fra i denti.

Primo tempo di battaglia e di grande agonismo, con le due squadre che si affrontano a viso aperto e si regalano sberle senza risparmiare niente. Il Benevento schiaccia immediatamente il piede sull'acceleratore e porta tanti uomini nella metà nerazzurra. Gli uomini di D'Angelo si difendono senza andare in affanno e al primo affondo passano in vantaggio. Cohen si guadagna e calcia una punizione dai 30 metri che si tramuta in una meraviglia: parabola telecomandata all'incrocio dei pali e l'Arena Garibaldi esplode. La palla circola con velocità tra i nerazzurri quando riescono a conquistarla e interrompere la manovra degli ospiti. Beruatto e Gucher in tandem costruiscono la seconda occasionissima della serata: Masucci riceve il suggerimento del terzino ma da sei metri non trova clamorosamente lo specchio della porta. Poi il Benevento prende in mano il comando delle operazioni, con Gucher e compagni che si ritirano per ripartire di slancio. Per andare al riposo in vantaggio però servono tutti i riflessi di Nicolas, che vola a deviare in corner un missile di Ionita indirizzato verso l'incrocio dei pali. La seconda parte della gara è una resistenza a oltranza ancora più accentuata. A dire il vero i nerazzurri soffrono le imbucate del Benevento soltanto nei primissimi minuti, quando Improta si ritrova a tu per tu con Nicolas da posizione defilata ed esalta i riflessi del portiere brasiliano. Poi dalla panchina campana si alza anche Lapadula a incrementare il peso offensivo giallorosso. Ma il muro nerazzurro regge l'urto, va in leggero affanno soltanto nei cinque minuti di recupero, e poi parte finalmente la festa.

La partita

Tornare a giocare con spensieratezza e brillantezza mentale, per ritrovare il dolce gusto della vittoria e scacciare i brutti pensieri nati nel corso delle cinque settimane trascorse senza il successo. Il Pisa riparte dopo la sosta per le nazionali affrontando una corazzata della B: il Benevento. Una gara tutt'altro che semplice per Gucher e compagni, che oltre al coefficiente difficoltà presentato dall'avversario, dovranno anche fare i conti con molte assenze nel reparto mediano. D'Angelo opta per uno schieramento 'leggero' disposto sul 3-5-2 con Beruatto e Birindelli impegnati a spingere a tutta forza. Il terzetto difensivo è composto da Hermannsson, Caracciolo e Leverbe e in mezzo al campo Piccinini si gode la prima maglia da titolare. Masucci guida l'attacco supportato da Cohen.

Il Benevento parte forte e presenta il suo biglietto da visita fatto di grandi firme e tanta esperienza. I sanniti portano sei uomini nella metà campo del Pisa senza dare punti di riferimento alla retroguardia nerazzurra. Gli uomini di D'Angelo non stanno a guardare e rispondono con un corner conquistato da Beruatto e una punizione guadagnata da Cohen. Siamo al 7', l'israeliano posiziona la sfera sui 30 metri dalla porta, in una posizione leggermente defilata: il suo mancino è telecomandato all'incrocio dei pali. Paleari resta a guardare, la palla è in rete: nerazzurri avanti. Gli ospiti accusano il colpo, sbandano e al 14' il Pisa si mangia il raddoppio. Gucher da rimessa laterale smarca Beruatto sulla linea di fondo: il suggerimento per Masucci a sei metri dalla porta è un cioccolatino, ma l'attaccante non lo scarta e lo getta nel cestino.

Dopo questo brivido gli ospiti tornano a spingere con convinzione e poco prima della mezz'ora chiamano all'intervento Nicolas: il colpo di testa di Improta è fiacco ma ben indirizzato sotto la traversa, dove il portiere nerazzurro vola a deviare in corner. E' una fase della partita nella quale i sanniti cercano di muovere la retroguardia del Pisa spostando il pallone da una fascia all'altra, per creare la superiorità numerica sugli esterni. Poi, però, quando Gucher e compagni rientrano in possesso della palla si lanciano in profondità per colpire il Benevento in ripartenza. In un paio di occasioni Beruatto e Gucher spediscono in area due ottimi cross che però non portano risultati. E serve ancora Nicolas in formato deluxe per disinnescare la sassata di Ionita sotto all'incrocio dei pali.

Il secondo tempo parte con gli stessi ventidue in campo e la medesima traccia tattica: Benevento padrone del gioco e nerazzurri che si difendono con tutti i giocatori di movimento con l'intenzione di spingersi in profondità alle spalle della difesa giallorossa. Improta al 53' viene lanciato in area: diagonale che Nicolas respinge a mano aperta. Poi Caserta decide di schierare l'artiglieria pesante: dentro Lapadula al centro dell'attacco. D'Angelo risponde togliendo Masucci per Sibilli e ridisegnando i suoi con il 4-4-2. Piccinini e Birindelli sono gli esterni alti, al centro si muovono Mastinu (al posto di Gucher) e Marin, con Cohen e Sibilli in attacco.

La fase finale del match è molto 'sporca', con il Benevento che prova a riempire gli ultimi venticinque metri offensivi e i nerazzurri stringono i denti per proteggere il vantaggio. Servono ossigeno e forze fresche e così si accomodano in panchina Birindelli, Cohen e Piccinini: dentro Di Quinzio, Cisco e Marsura. Fioccano i calci piazzati, l'ultima arma con cui gli ospiti vanno alla ricerca del pareggio. Nicolas guida i suoi in modo magistrale, Marin alza il muro sulla mediana e l'Arena spinge i suoi beniamini.

Il tabellino

Pisa-Benevento 1-0

Pisa (3-5-2): Nicolas; Hermannsson, Caracciolo, Leverbe; Birindelli (80' Marsura), Gucher (71' Mastinu), Marin, Piccinini (80' Di Quinzio), Beruatto; Cohen (80' Cisco), Masucci (61' Sibilli). All. D'Angelo

Benevento (4-3-3): Paleari; Foulon (34' Elia), Vogliacco, Barba, Letizia; Acampora, Calò (70' Viviani), Ionita (55' Lapadula); Improta, Sau (70' Di Serio), Insigne. All. Caserta

Reti: 7' Cohen (P)

Ammoniti: Insigne (B), Cohen (P), Letizia (B), Barba (B), Sibilli (P)

Note:arbitro Maurizio Mariani; angoli 5-9 (3-4); recupero 3' e 5'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa-Benevento 1-0 | Magia di Cohen: vittoria di platino per i nerazzurri

PisaToday è in caricamento