rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Calcio

Ansia, attesa, code, scaramanzia, adrenalina: Pisa a due passi dalla Serie A

Un'intera provincia avvolta dal nerazzurro per spingere lo Sporting Club verso un sogno atteso 31 anni

Pisa è così: burbera, brontolona, sempre pronta a trovare difetti e pecche. Ma poi te la ritrovi lì, unita e compatta all'inseguimento di un sogno. Quando lo Sporting Club si gioca un traguardo importante, al fianco dei giocatori in maglia nerazzurra si schiera una provincia intera. Un popolo che si identifica in quelle strisce verticali e nel simbolo che rappresenta una squadra e un intero territorio. Lo si è potuto apprezzare dalle file lunghe centinaia di metri che hanno scandito l'incedere del tempo nella prima parte di questa settimana di vera passione: sportiva, intima, collettiva. Tra i vicoli del centro, fino alle strade dell'hinterland pisano, era tutto un vociare e confrontarsi sulle due partite che decreteranno l'esito di una stagione emozionante, coinvolgente, con un finale da togliere il fiato.

Quando sono stati messi in vendita i biglietti per la sfida di andata, che si giocherà questa sera al U Power Stadium di Monza, c'è stato persino chi si è posizionato con il sacco a pelo vicino ai rivenditori del circuito Vivaticket pur di essere sicuro di acquistare uno dei 677 tagliandi messi a disposizione per il settore ospiti. E poi mercoledì 25 maggio è partita anche la prelazione per i tagliandi della sfida di ritorno, domenica 29 maggio, all'Arena Garibaldi: altre code infinite nei rivenditori della città e al Tifo Pisa di Fornacette. Migliaia di cuori nerazzurri accomunati dal sogno: rivedere il Pisa in Serie A a 31 anni di distanza.

Maxischermo in piazza dei Cavalieri: accesso consentito a 2.600 persone

Perché il Pisa è una questione intergenerazionale: è una fede che viene tramandata realmente di padre e madre in figlio, dai nonni ai nipoti, è un affare di famiglia che, quando si arriva alle partite che contano, catalizza le discussioni dentro alle pareti di casa. Quando giocano i nerazzurri ci sono babbi che, vinti dai morsi dell'ansia, abbandonano il televisore e si precipitano per strada in attesa di sentire il fragore liberatorio delle persone attaccate allo schermo. Ci sono uomini e donne che ripetono con scrupolosa attenzione i riti scaramantici da esaurire un attimo prima del fischio d'inizio della partita. Ci sono tifosi che durante la gara non abbandonano il loro posto fortunato, indossano la stessa maglia portata, magari, nella finalissima del 2007. Quando, ironia del destino, sulla strada verso il sogno del ritorno in Serie B c'era proprio il Monza.

Pisa, lo Sporting Club, il nerazzurro e i cuori di un'intera provincia sono legati indissolubilmente. Un intreccio di passione, gioie, delusioni, vittorie e scivoloni che non è mai stato scalfito dalle giravolte della sorte. E anche in questa nuova impresa da compiere e scrivere negli annali c'è un popolo schierato al fianco dei giocatori, dell'allenatore e della società. Ansie, scaramanzie, paure, sogni e desideri: ci si gioca tutto in quattro giorni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ansia, attesa, code, scaramanzia, adrenalina: Pisa a due passi dalla Serie A

PisaToday è in caricamento