rotate-mobile
Calcio

Pisa-Monza: le probabili formazioni | D'Angelo: "Noi e la nostra gente: andiamo a conquistare qualcosa di eccezionale"

Il tecnico nerazzurro suona la carica per la finale di ritorno di domenica 29 maggio: tutti a disposizione, serve soltanto vincere

C'è poco da dire o da presentare: siamo a pochissime ore dal fischio d'inizio della partita più importante degli ultimi 31 anni. Un'intera provincia è in febbrile attesa della partita di domenica 29 maggio per poter urlare tutto il proprio amore nei confronti dei colori nerazzurri. Facendo un giro per la città è impossibile non captare, nei crocchi di persone e negli incontri fugaci sulla soglia dei negozi, uno scambio di battute sulla finale di ritorno dei playoff o sul colpo d'occhio che offrirà l'Arena Garibaldi. Ma è un'attesa rispettosa dei tempi, riservata, le bandiere esposte ai balconi, alle finestre, alle vetrine non sono tantissime. Scaramanzia, certamente. Ma anche la pazienza di chi sa attendere il momento giusto. Pisa e la sua gente attendono da 31 anni il maggior palcoscenico calcistico italiano: tutti, in fondo, sanno che il momento è arrivato.

"Andiamo a vincere"

Il primo a essere consapevole della portata della sfida di domani è Luca D'Angelo, che con la consueta pacatezza presenta il confronto con il Monza partendo dal finale della sfida di andata: "Il gol di Berra ci ha dato inevitabilmente una grande scarica di adrenalina e fiducia. Ma sapevamo di poter ribaltare il confronto anche partendo dal 2-0 in favore dei brianzoli. Dentro al nostro stadio può realmente succedere di tutto. Ovviamente il 2-1 è un risultato migliore del 2-0: vincendo con due gol di scarto saremmo in Serie A". La rete della 'speranza' l'ha messa a segno "un ragazzo che durante la stagione ha avuto molta sfortuna - prosegue il tecnico nerazzurro - ma credo che il gol sia la giusta ricompensa e che possa essere anche l'emblema dello spirito che anima questo gruppo. Sacrificio, attaccamento alla maglia, orgoglio, altruismo".

Poi l'attenzione si focalizza su ciò che potrebbe accadere domani sul prato dell'Arena: "Dovremo offrire un'ottima prestazione collettiva, al pari di quella sfoderata in Brianza. Soltanto così riusciremo a mettere in risalto le qualità di cui disponiamo e potremo impensierire gli avversari". D'Angelo prosegue: "Il Monza ha già dimostrato di essere un rivale fortissimo, in grado di metterci in difficoltà. Però sono certo che se li attaccheremo nel modo giusto, con la dovuta intensità, li constringeremo a difendersi e limiteremo le loro sortite offensive". Per questo servirà un'ottima condizione atletica, "che il gruppo possiede. I ragazzi stanno bene, naturalmente nelle gambe hanno le tossine di un'intero campionato, ma vale lo stesso per i giocatori del Monza. Credo che ancor più della forza nelle gambe, conterà la brillantezza mentale. La testa molto spesso fa girare le gambe ancora più forte".

A garantire le risorse necessarie per disputare una gara maiuscola ci sarà uno stadio esaurito in ogni ordine di posto: "E' un privilegio giocare di fronte alla nostra gente. Ci sosterranno, dal primo all'ultimo minuto, ci aiuteranno nei momenti di difficoltà e ci metteranno le ali ai piedi quando attaccheremo. Siamo a pochi metri da un risultato eccezionale: conquistiamolo insieme". In campo si dovrebbe vedere la stessa linea difensiva del U Power Stadium, al pari della mediana dove Mastinu dovrebbe essere confermato accanto a Nagy e Marin. Anche se Siega si candida con forza per una maglia da titolare. In attacco le scelte sono più incerte, anche se uno degli interpreti dovrebbe essere sicuro: Torregrossa al posto di Lucca, che a Monza ha giocato 95 minuti. Le altre due maglie sono in ballottaggio tra Puscas, Benali e Sibilli: l'impressione è che l'attaccante partenopeo partirà ancora una volta dalla panchina.

L'arbitro e le curiosità della partita

Dirige Maurizio Mariani di Roma 1, un internazionale che in carriera vanta ben 122 gettoni in Serie A, 79 in Serie B e ben 22 in competizioni internazionali. Nonostante questi numeri, il fischietto romano ha incontrato soltanto una volta i nerazzurri: a novembre, quando Cohen ha sfoderato la magia che ha abbattuto il Benevento.
L'Arena Garibaldi si presenta ancora una volta con il vestito delle grandissime occasioni: tutto esaurito, con circa 700 sostenitori provenienti da Monza. 

Le probabili formazioni

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Birindelli, Leverbe, Hermannsson, Beruatto; Mastinu, Nagy, Marin; Benali; Torregrossa, Puscas. All. D'Angelo

Monza (3-5-2): Di Gregorio; Caldirola, Marrone, Pirola; Molina, Mazzitelli, Barberis, Machin, Carlos Augusto; Gytkjaer, Dany Mota. All. Stroppa

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa-Monza: le probabili formazioni | D'Angelo: "Noi e la nostra gente: andiamo a conquistare qualcosa di eccezionale"

PisaToday è in caricamento