rotate-mobile
Martedì, 20 Febbraio 2024
Calcio

Pisa-SudTirol 0-1 | Ancora una delusione per i nerazzurri: seconda sconfitta interna di fila

Il guizzo di Belardinelli in apertura decide una sfida in cui il Pisa non riesce a trovare ritmo e intensità: nel 2023 i nerazzurri sono ancora a secco di successi

Il 2023 resta stregato per lo Sporting Club, ancora a secco di successi e fermo a due sconfitte consecutive in casa. Dopo il blitz del Cittadella, è il SudTirol che trionfa in uno scontro diretto che lancia la formazione bolzanina in orbita, al quarto posto solitario. La gara è partita malissima, ma poi il Pisa non è riuscito a imbastire una reazione concreta e ben costruita.

Ancora una partenza ad handicap per il Pisa che va sotto dopo appena 11'. Gli uomini di D'Angelo cercano di prendere il comando delle operazioni dal fischio d'inizio, ma si dimenticano completamente di marcare stretto gli avversari sul secondo corner del pomeriggio in favore degli ospiti. Belardinelli così ha vita facile nella correzione aerea alle spalle di Nicolas. Le due linee difensive strettissime schierate da Bisoli consentono poi al SudTirol di mantenere praticamente inoperoso il portiere Poluzzi. L'unico sussulto lo regalano Gliozzi e Moreo quando dialogano al limite dell'area di rigore: il numero 9 apparecchia la conclusione al 32, che però col destro strozza il diagonale.

Nella ripresa D'Angelo tenta di scuotere l'inerzia della gara attingendo a piene mani dalla panchina, ma il pomeriggio è di quelli stregati. Lo si capisce all'ora di gioco quando Rus su punizione pesca una traiettoria perfetta che scavalca la barriera. Poluzzi si distende in tuffo e con l'aiuto del palo prima e della traversa poi impedisce alla sfera di varcare la riga. Gli ospiti non si smuovono di un centimetro: le due linee difensive rimangono al limite dell'area di rigore e risputano lontano il pallone ogni volta che Morutan e compagni riescono ad avvicinarsi.

La partita

Gli scontri diretti, soprattutto nel girone di ritorno, valgono doppio. Perché, se vinti, consentono di infliggere anche un forte scossone alla classifica oltre che incamerare punti pesanti. Il Pisa e mister D'Angelo lo sanno bene: dal ritorno del tecnico abruzzese i nerazzurri non hanno mai perso confronti di questo tipo. Quello odierno con il SudTirol, a dispetto del curriculum dell'avversario, è a tutti gli effetti uno di questi match: serve la versione migliore dello Sporting Club per avere la meglio della quarta forza del torneo. D'Angelo sceglie di andare con la batteria pesante là davanti: Moreo e Gliozzi dal 1' insieme a Morutan, con De Vitis che si installa in cabina di regia al posto dello squalificato Marin.

Le prime battute della gara sono molto equilibrate, con gli ospiti che rispondono colpo su colpo alla manovra nerazzurra. Il Pisa guadagna un paio di corner che però non portano a reali pericoli per la difesa bolzanina, pareggiati dai biancorossi grazie alle sgasate di Siega e Odogwu sugli esterni. E proprio al secondo giro dalla bandierina il SudTirol passa: Belardinelli anticipa tutti sul primo palo e gonfia la rete all'11'. La reazione dei padroni di casa si concretizza soltanto un quarto d'ora dopo, quando Gliozzi in area addomestica il suggerimento di Nagy e apparecchia la conclusione a Moreo. Il centravanti strozza il destro e spedisce la palla fuori di un metro abbondante.

Resta però un fuoco di paglia perché le due linee difensive strettissime predisposte da Bisoli riescono a intercettare quasi tutte le geometrie pensate da Morutan e compagni. Il numero 80 insieme a Gliozzi è il più attivo ma, una volta che la manovra arriva sulla trequarti, la muraglia eretta dagli ospiti rispedisce lontano il pericolo. Soltanto alcuni cross di Tourè e Beruatto arrivano nel cuore dell'area, ma Zaro e Masiello reggono l'urto.

Per cambiare l'inerzia della gara in apertura di secondo tempo arrivano i primi cambi: fuori De Vitis e Tourè, dentro Matteo Tramoni e Gargiulo. E all'ora di gioco i nerazzurri vanno veramente a centimetri dal pareggio. Rus su punizione disegna una parabola perfetta sulla quale Poluzzi si esalta: il suo intervento è al limite, il Var decide che la palla non ha varcato completamente la linea e si resta sullo 0-1. L'equilibrio trovato dopo il vantaggio ospite comunque non si sblocca e allora D'Angelo attinge ancora dalla panchina: dentro Masucci e Mastinu. Subito dopo però il Pisa rischia per la seconda disattenzione del pomeriggio. Proprio Mastinu e Morutan a metà campo non si capiscono e spalancano la volata di Odogwu verso la porta di Nicolas. Il centravanti a tu per tu con il portiere nerazzurro spara centrale Nicolas devia in corner.

I minuti finali vedono il forcing del Pisa, che chiude anche con Lisandru Tramoni sul terreno di gioco al posto di Beruatto. Il SudTirol però non si smuove di un centimetro e prosegue nella sua prestazione di sola opposizione al limite della propria area di rigore.

Il tabellino

Pisa-SudTirol 0-1

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Esteves, Rus, Barba, Beruatto (83' Tramoni L.); Tourè (51' Gargiulo), De Vitis (51' Tramoni M.), Nagy (72' Mastinu); Morutan; Moreo (72' Masucci), Gliozzi. All. D'Angelo

SudTirol (4-4-1-1): Poluzzi; De Col, Zaro, Masiello, Celli; Siega (62' Larrivey), Belardinelli, Tait, Casiraghi (88' Fiordilino); Rover (62' Carretta); Odogwu (75' Eklu, 88' Vinetot). All. Bisoli

Reti: 11' Belardinelli (S)

Ammonizioni: Siega (S), Larrivey (S), Rus (P), Gliozzi (P), Poluzzi (S), Mastinu (P), Belardinelli (S)

Note: arbitro Marco Piccinini; angoli 6-6 (3-4); recupero 1' e 6'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa-SudTirol 0-1 | Ancora una delusione per i nerazzurri: seconda sconfitta interna di fila

PisaToday è in caricamento