Calcio

Vicenza-Pisa: le probabili formazioni | D'Angelo: "Grazie per i complimenti, ma non dobbiamo sentirci arrivati"

Il tecnico dei nerazzurri predica calma e concentrazione: sabato 18 settembre il Pisa, da capolista, affronterà il Vicenza, ancora inchiodato a quota 0

Testa-coda al Menti di Vicenza: la quarta giornata del campionato di Serie B mette davanti al Pisa di Luca D'Angelo un'altra partita dalle mille insidie, nella quale però, a giudicare dal modo con il quale le due formazioni si sono avvicinate all'impegno, saranno i padroni di casa ad avere molto di più da perdere. Sabato 18 settembre, alle ore 16.15, i nerazzurri scenderanno in campo da capolisti, imbattuti e a punteggio pieno. Di fronte si troveranno un avversario assetato di punti e condannato a cancellare le prestazioni opache archiviate nelle prime tre uscite della stagione.

Tranquillità e concentrazione

"La squadra è serena e concentrata sui compiti da svolgere in campo. Non c'è spazio per voli di fantasia o autocelebrazione": è netto nelle sue affermazioni il tecnico Luca D'Angelo alla vigilia della sfida in casa dei biancorossi vicentini. Le tre vittorie consecutive hanno proiettato Gucher e compagni in vetta alla classifica cadetta, in coabitazione con il Brescia e l'Ascoli, ma non hanno cambiato di una virgola il metodo di lavoro del gruppo e l'approccio alle gare: "Non siamo diventati di colpo dei fenomeni - commenta D'Angelo - fanno piacere i complimenti ricevuti dopo i tre successi in fila. Siamo contenti, ma restiamo consapevoli del fatto che soltanto attraverso il lavoro quotidiano potremo proseguire su questa strada".

Il prossimo avversario non ha ancora racimolato neppure un punto da inizio campionato, "ma non significa che sia una squadra mediocre" sottolinea l'allenatore abruzzese. "In questo campionato ci sono delle insidie in tutti i match - prosegue - chiunque può metterci in difficoltà. Il livello è molto alto: se una formazione come il Vicenza, che reputo molto buona a livello individuale e di gruppo, non è riuscita a fare neppure un punto, significa che la qualità globale degli avversari è altissima".

Sul fronte delle alternative tra le quali pescare per la formazione titolare l'unica defezione è rappresentata dal terzino Berra: "E' ormai vicinissimo al pieno rientro in gruppo. Tutti gli altri sono a disposizione". Anche Nagy, l'ultimo arrivato in ordine di tempo dal mercato estivo, che si candida per un posto nella mediana: "Sta mettendo minuti nelle gambe e sta entrando nei meccanismi di gioco. Può essere della partita: o dall'inizio o dalla panchina". Probabile però che si vada verso la conferma del centrocampo visto a Terni, con l'unica variazione di Gucher retrocesso sulla mediana al fianco di Marin e Tourè, con Sibilli di nuovo in campo sulla trequarti. In attacco in rampa di lancio Cohen come partner di Lucca.

Spalle al muro

Mimmo Di Carlo è letteralmente all'ultima spiaggia: o contro il Pisa arriva una prestazione diametralmente opposta alle gare piatte e prive di sussulti d'orgoglio viste nei primi tre turni di campionato, oppure il tecnico saluterà i colori biancorossi. A dire la verita, la settimana che ha portato il Lanerossi alla sfida di domani è stata molto turbolenta e interlocutoria: dopo la sconfitta di Cosenza la dirigenza berica si era convinta a sollevare dall'incarico Di Carlo, ma dopo aver interpellato almeno tre profili per la sua successione, ha scelto di tornare sui suoi passi e confermare almeno per altri 90' il tecnico. Provocando la contestazione aperta della tifoseria, già stufa di una squadra potenziata in tutti i reparti nel corso del mercato ma ancora lontana dall'amalgama vincente.

L'arbitro e alcune curiosità della partita

La gara sarà diretta dall'arbitro internazionale Davide Massa. Il fischietto di Imperia in carriera vanta 160 direzioni in Serie A e decine di presenze europee, ma non ha mai incrociato né il Pisa né il Vicenza.

I nerazzurri per la terza volta consecutiva da inizio campionato si ritrovano ad affrontare una formazione ferma a quota 0. Dopo la vittoria dell'esordio contro la Spal, il Pisa ha sfidato l'Alessandria e poi la Ternana. Gucher e compagni saranno accompagnati da circa 550 sostenitori: quasi esaurito il settore ospiti del Menti, che può contenere 650 spettatori (al 50% della capienza). 
I numeri messi insieme da Pisa e Vicenza da inizio stagione sono opposti: tre vittorie nerazzurre e altrettante sconfitte per i biancorossi, un solo gol concesso su rigore dal Pisa, così come uno soltanto dagli undici metri è stato segnato dai veneti.

I precedenti ufficiali dello Sporting Club in casa del Lanerossi sono 15: il bilancio evidenzia 7 vittorie del Vicenza, 4 del Pisa e 4 pareggi. Nella sfida dello scorso campionato le due squadre dettero vita a uno spettacolare 4-4.

Le probabili formazioni

Vicenza (4-3-3): Pizzignacco; Cappelletti, Padella, Brosco, Calderoni; Proia, Taugourdeau, Pontisso; Giacomelli, Meggiorini, Dalmonte. All. Di Carlo

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Birindelli, Leverbe, Caracciolo, Beruatto; Gucher, Marin, Tourè; Sibilli; Lucca, Cohen. All. D'Angelo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza-Pisa: le probabili formazioni | D'Angelo: "Grazie per i complimenti, ma non dobbiamo sentirci arrivati"

PisaToday è in caricamento