Sport

Carrarese Pisa 2-3 | Un rigore di Scappini al 94’ piega la Carrarese

Saliscendi continuo allo stadio dei "Marmi". Belcastro e Anzalone ribaltano l'iniziale vantaggio di Benedetti, ma i neroazzurri negli ultimi 5' ribaltano il risultato

Carrara. Al minuto 83’ di Carrarese-Pisa, negli occhi dei tifosi neroazzurri serpeggiava amarezza, sconcerto, incredulità. Gli apuani, ultimi in classifica e con una squadra quantomeno umile, stavano conducendo in porto una gara che aveva visto il Pisa dominare per mezz’ora per poi spegnersi in maniera inquietante. Altro che play-off, pensavano i supporters giunti nella vicina Carrara, qua c’è da salvarsi e anche alla svelta. Poi succede che i cambi effettuati da Pane decidono di non comparire solo sul tabellino ma di marchiare a fuoco un match che potrebbe far svoltare il campionato del Pisa. Prima Gatto e poi Scappini infatti gonfiano la porta di Piscitelli e portano sotto la Torre tre punti che hanno il profumo di quinto posto solitario, con la terza e la quarta a sole tre lunghezze. Carrara piange, Pisa ride, almeno per oggi, e sogna che la scintilla si sia nuovamente accesa.

Il match. Pane si copre e propone un 3-5-1-1 dove Favasuli appoggia Perez e Rozzio sostituisce lo squalificato Sbraga. Di Costanzo opta per un 4-2-3-1 che spesso si trasforma in un 3-4-3, dove Melucci guida la difesa e Vannucci con il suo costante incedere sulla corsia sinistra permette il cambio modulo con velocità. 
Il Pisa parte spigliato e con personalità, costringe la Carrarese sulla difensiva e al 7’ passa in vantaggio con un perfetto diagonale di Benedetti, abile ad agganciare un bel lancio di Barberis e a fulminare Piscitelli. La Carrarese è stordita, il pubblico di casa inizia a mugugnare ma il Pisa, pur quanto piacevole a vedersi, pecca di cattiveria negli ultimi sedici metri e anzi rischia al 22’ quando Sepe è attento a respingere un tiro-cross di Belcastro. Tre minuti più tardi grande contropiede di Perez, che imbecca Favasuli sulla destra; sul cross del capitano neroazzurro si avventa Benedetti il cui destro piega la mano a Piscitelli ma si stampa sul palo. La Carrarese vacilla ma è rianimata al 40’ da un’ ingenuità colossale di Pedrelli, che permette a Belcastro di vincere un rimpallo e battere Sepe con un destro potente.
Nella ripresa il Pisa accusa il colpo, abbassa i ritmi e si adegua alla pochezza dei locali. Ne scaturisce una prima parte di secondo tempo vietata a tutti coloro che amano il calcio, con le squadre incapaci di mettere insieme più di tre passaggi. Mingazzini prova a predicare nel deserto ma la scarsa vena di Favasuli e Perez affossa i tentativi del metronomo di Pane di creare gioco. E’ addirittura la Carrarese a passare in vantaggio, con Anzalone abile a sfruttare una torre di Merini e in acrobazia a mettere alle spalle di Sepe il vantaggio locale. Pane osa il tutto per tutto, inserendo Gatto, Tulli e Scappini, per un Pisa a trazione anteriore ma che sembra avarissimo di idee. 
All’84’ accade l’inimmaginabile: Sepe rinvia lungo, la palla arriva fra i piedi di Scappini che libera Gatto, bravissimo nel prendere il tempo a Vannucci e mettere alle spalle del portiere la rete del pareggio. Il Pisa inizia a credere nella contro-rimonta, Mingazzini si mette sulle spalle la squadra che schiaccia una Carrarese sulle gambe nella propria area. All’89’ Scappini centra la traversa con un gran colpo di testa; sembra il preludio a un altro boccone amaro ma al 93’, sugli sviluppi di un corner,ancora  Scappini viene cinturato in piena area: rigore ed espulsione per Pestrin. Dal dischetto lo stesso attaccante è lucido nello spiazzare Piscitelli e regalare al Pisa e ai suoi tifosi una domenica di sorrisi, in attesa di riprendere il cammino in campionato contro la Paganese, magari con la qualificazione alla finale di Coppa Italia in tasca.

CARRARESE – PISA 2-3

CARRARESE (4-2-3-1): Piscitelli 6; Lanzoni 5.5, Melucci 5.5, Anzalone 6, Vannucci 6; Pestrin 5.5, Corrent 6; Belcastro 6.5 (46′ st Bregliano S.v.), Cicirelli 5 (25′ st Tognoni 5.5), Mancuso 5; Merini 5 (35′ st Malatesta S.v.)
A disp. Cicioni, Benassi, Venitucci, Partipilo. All. Nello Di Costanzo 5.5.

PISA (3-5-1-1): Sepe 6; Rozzio 5.5, Carini 5.5, Sabato 6 (25′ st Scappini 7); Buscè 6, Mingazzini 7, Barberis 6 (14′ st Gatto) 6.5, Benedetti 6.5, Pedrelli 5; Favasuli 5.5 (32′ st Tulli 6); Perez 5.5.
 A disp. Pugliesi, Colombini, Suagher, Fondi. All. Alessandro Pane 6

ARBITRO: Oliveri della Sez. di Palermo 6.5 (Ass. Bottegoni-D’Amato)
RETI: pt 7′ Benedetti (P), 40′ Belcastro (C); st 22′ Anzalone (C), 40′ Gatto (P), 49′ st Scappini (rig.)
NOTE: giornata di sole, terreno in discrete condizioni. Ammoniti Anzalone, Melucci, Perez, Mingazzini, Gatto. Espulso al 47′ st Pestrin (C). Angoli 5-3 per il Pisa. Rec pt 0′; st 4′

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carrarese Pisa 2-3 | Un rigore di Scappini al 94’ piega la Carrarese

PisaToday è in caricamento