Questione capienza Arena Garibaldi: la Curva Nord 'Maurizio Alberti' chiede "impegno straordinario"

Il tifo organizzato nerazzurro richiede nuovamente a società e autorità di valutare interventi rapidi per aumentare in via eccezionale la capienza dello stadio cittadino

La Curva Nord 'Maurizio Alberti' torna a far sentire la propria voce sulla questione della capienza dell'Arena Garibaldi. I gruppi del tifo organizzato nerazzurro attraverso un comunicato pubblico si rivolgono alla società di via Battisti e all'amministrazione comunale, chiedendo che il problema del numero di posti in concessione alla tifoseria e venga affrontato in maniera concreta nel minor tempo possibile.

"La questione è caduta nel dimenticatoio"

I gruppi della Curva Nord sottolineano l'immobilità che caratterizza la situazione dell'Arena Garibaldi nelle ultime settimane. "L’avanzamento del progetto per il nuovo impianto sembra in fase di stallo, se ne parla poco e comunque, come avevamo previsto, molto meno che in campagna elettorale; questo lo rende una soluzione lontana e utopica a fronte di criticità quotidiane e immediate, pronte a riproporsi all’apertura dei cancelli", argomentano gli ultras nerazzurri, che ricordano come in occasione della gara di playoff contro la Viterbese dello scorso maggio, in via del tutto eccezionale, le autorità concessero con una deroga straordinaria circa 500 posti in più in Curva Nord. "[...] una soluzione intelligente che ha consentito a molti tifosi di vedere la partita dal settore popolare senza caos nel pre-gara e senza creare scontenti e malumori".

La preoccupazione del tifo organizzato è che il tema della capienza del maggiore impianto sportivo cittadino e la gestione delle straordinarietà che si presenteranno nei prossimi mesi, dopo l'avvio del campionato, cada ancora una volta nel dimenticatoio, rimpallato fra intoppi burocratici e problemi strutturali. I gruppi della curva sottolineano come, a fronte di un'ottima campagna abbonamenti, il settore popolare del tifo nerazzurro corra il serio rischio di andare esaurito ancor prima dell'inizio della stagione. "Ennesima stagione con prevendita chiusa per la curva, e zero possibilità di accesso per chi lavora nel week-end e non può 'investire' nel calcio senza sapere se potrà effettivamente presentarsi alle gare, per i giovani e ragazzi, i nuovi tifosi, che vorrebbero accedere al settore per loro più congeniale".

Gli ultras nerazzurri prendono quindi ad esempio proprio la soluzione messa in pratica in occasione della gara di playoff dello scorso maggio, esprimendo un pensiero molto preciso e definito: "Non capiamo perché se per una partita è sicuro e regolare che entrino cinquecento persone in più, questo diventi proibito e rischioso nella gara successiva". Da qui la richiesta mossa direttamente a chi sarà chiamato, nelle prossime settimane, a prendere una decisione sulla capienza dell'Arena Garibaldi: "Chiediamo che si consideri la possibilità di estendere la deroga sulla capienza all’intera stagione e fino a diversa soluzione. [...] In alternativa, chiediamo che venga promesso alla tifoseria un impegno straordinario per nuove saltuarie deroghe per quanto riguarda perlomeno i derby ed eventuali partite di cartello (non solo play-off)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comunicato diramato dai gruppi organizzati della Curva Nord 'Maurizio Alberti' termina con un appello accorato: "Chiediamo che la questione torni al centro (delle cronache, delle analisi, e dei tavoli delle istituzioni) e vi rimanga per il tempo necessario a non cadere più nel dimenticatoio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento