Cosenza - Pisa 1-1 | Sfida stregata, ma Gucher spinge i nerazzurri al pareggio

Tre pali, un rigore sbagliato e due miracoli del portiere cosentino. Il capitano però riacciuffa i padroni di casa, passati in vantaggio nel primo tempo con l'unica azione pericolosa

Quando in una partita riesci a fallire un calcio di rigore dopo neanche cinque minuti di gioco, colpisci due legni (uno da meno di un metro dalla porta) e ti ritrovi sotto all'intervallo al termine dell'unica azione di gioco costruita dagli avversari, c'è di che preoccuparsi. Il Pisa di pali ne colleziona tre, oltre a due miracoli del portiere del Cosenza Falcone. Perilli, dall'altra parte, non si sporca neppure i guanti. Ma lo spettro della sconfitta-beffa viene scacciato dal solito Gucher, autore del pareggio con un bel colpo di testa da attaccante consumato. La striscia positiva tocca le sei partite, e il Pisa può sorridere.

Se il buongiorno si vede dal mattino, sul prato del San Vito-Marulla ci sono tutti i segnali che lasciano intravedere una serataccia per il Pisa. I nerazzurri comandano il gioco e costruiscono tre palle gol colossali per portarsi in vantaggio. Altrettanto enormi sono gli errori di Vido (due volte) e Palombi: prima il numero 19 colpisce la traversa sul rigore conquistato da Gucher, poi il centravanti sbatte sul palo da neanche un metro, infine ancora Vido si fa ipnotizzare dal portiere avversario dopo essere stato lanciato in porta da Mazzitelli. E così il Cosenza, che ha badato esclusivamente a non prenderle ringraziando anche la fortuna, si ritrova in vantaggio all'intervallo: Bahlouli è bravo ad anticipare Birindelli e colpire di testa. Nella ripresa il Pisa continua a spingere con determinazione, ma quando Palombi centra il secondo palo del suo pomeriggio (il terzo della partita), anche i più ottimisti iniziano a pensare alla serataccia. Serve ancora la classe del capitano per raddrizzare il punteggio. Cross perfetto di Soddimo, incursione con i tempi giusti di Gucher e inzuccata sotto la traversa. Il match, di fatto, finisce qua. E per come si era messo profuma di punto guadagnato.

La partita

Perseverare e proseguire nella crescita: il Pisa si presenta al San Vito-Marulla con l'obiettivo di dare continuità alla striscia positiva avviata a inizio dicembre e continuare nel percorso di maturazione tecnico-tattica. I nerazzurri non perdono da cinque turni e hanno allontanato con decisione e ottime prestazioni gli spettri della bassa classifica. Per chiudere bene l'anno (la sfida del 30 dicembre all'Arena Garibaldi col Frosinone è in forse a causa del focolaio di Covid-19 scoppiato nello spogliatoio dei ciociari) c'è l'ostacolo Cosenza da superare. Nel 4-3-1-2 di D'Angelo si rivede dal 1' Luca Vido dietro alle punte, che sono Masucci e Palombi. In difesa si rivede invece Meroni accanto a Caracciolo, supportati da Belli e Birindelli.

Episodio dubbio in favore del Pisa subito dopo 4': Gucher entra in area e viene toccato da Bittante. L'arbitro prima estrae il giallo per simulazione, ma viene corretto dal guardalinee che segnala il penalty. Va Vido: traversa, palla in campo e gara sempre sullo 0-0. Il numero 19 nerazzurro tenta di farsi perdonare subito e ci prova un paio di volte con la conclusione da lontano. Il Pisa manovra bene, con scioltezza, e riesce a portarsi con continuità nella metà campo rossoblu.

I pali (e la scarsa precisione dei nerazzurri) salvano ancora il Cosenza. Al 18' il montante respinge il tap-in di Palombi sul corner di Gucher: l'attaccante è a un metro dalla porta ma non riesce a gonfiare la rete. Il Pisa continua a spingere senza farsi prendere dalla sfiducia e al 26' colleziona la terza occasionissima del pomeriggio. Mazzitelli si infila in un varco centrale e manda in porta Vido: Falcone vince il duello con l'attaccante deviando in corner la conclusione.

Il Cosenza si vede soltanto poco dopo la mezz'ora con due conclusioni più casuali che ragionate. Nella prima Carretta, da posizione defilata, manda la palla altissima. Nella seconda, dal limite, Bittante spara tra le braccia di Perilli. Ma è il Pisa che comanda il gioco e il ritmo: la squadra di D'Angelo accompagna le azioni offensive con almeno cinque uomini. Ma non riesce a bucare la porta di Falcone: anche Gucher colpisce con poca potenza al 42'. E così si concretizza la beffa proprio prima dell'intervallo, nell'unica azione costruita dai padroni di casa. Corsi dalla destra crossa di prima intenzione, Bahlouli anticipa Birindelli e di testa supera Perilli.

La trama del secondo tempo è un film già visto: il Pisa manovra a pieno organico nella metà campo del Cosenza, Falcone si esalta. Come al 54' quando Mazzitelli lo pesca due passi fuori dalla porta: il suo pallonetto è perfetto, il portiere rossoblu con un colpo di reni devia in corner. D'Angelo non vuole che la sua squadra abbassi i ritmi e quindi rinnova due terzi della linea offensiva: fuori Vido e Masucci, dentro Sibilli e Marconi.

Il Cosenza però adesso va in contropiede con più convinzione, sfruttando anche lo schieramento offensivo del Pisa (dentro anche Lisi al posto di Birindelli). Sciaudone però al 70' spedisce fuori il suggerimento di Carretta. Però le occasioni ghiotte capitano sempre ai nerazzurri, con D'Angelo che suona la carica gettando nella mischia anche Soddimo. Ma i pali della porta di Falcone sembrano nemici invalicabili. Al 75' Sibilli pesca Palombi a centro area: girata volante, palo fuori.

Batti e ribatti però il Pisa sfonda. Gucher pulisce la palla al limite dell'area e allarga per Soddimo. Il numero 10 controlla e disegna una parabola che si deposita proprio sulla testa del capitano: inzuccata e palla in rete. 1-1 al 79'. I minuti finali sono un continuo capovolgimento di fronte, con entrambe le squadre che tentano di assestare il colpo del KO. Soddimo e Marconi ci provano, ma i tiri sono fiacchi e Falcone ringrazia. Lisi ci va vicinissimo col destro a giro, e Falcone ringrazia per l'ultima volta la fortuna.

Il tabellino

Cosenza - Pisa 1-1

Cosenza (3-4-1-2): Falcone; Legittimo, Ingrosso, Idda; Corsi (81' Vera), Sciaudone, Petrucci, Bittante; Bahlouli (60' Sueva); Carretta (89' Sacko), Petre (60' Baez). All. Occhiuzzi

Pisa (4-3-1-2): Perilli; Belli (76' Marin), Meroni (76' Soddimo), Caracciolo, Birindelli (70' Lisi); Mazzitelli , De Vitis, Gucher; Vido (61' Sibilli); Masucci (61' Marconi), Palombi. All. D'Angelo

Reti: 43' Bahlouli (C), 79' Gucher (P)

Ammoniti: Vido (P), Ingrosso (C), Corsi (C)

Note: arbitro Antonio Di Martino; angoli 7-6 (3-2); recupero 0' e 5'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento