Sabato, 23 Ottobre 2021
Sport Barbaricina / Largo Catallo

Pisascherma: doppio oro ai Campionati Italiani Cadetti e Giovani di fioretto

Imprese di Irene Bertini, che vince anche un bronzo fra le Giovani, e di Matteo Iacomoni

Impresa storica per il Pisascherma agli ultimi Campionati Italiani Cadetti e Giovani: la società pisana trionfa nei Cadetti di fioretto e conquista un bronzo fra i Giovani. Dall’albo d’oro federale si evince che mai nessuna società nel fioretto è riuscita a vincere il titolo Italiano Cadetti sia nei maschi che nelle femmine.

La prima medaglia d’oro arriva dalla prestazione eccellente del talento pisano Irene Bertini, che con un’ottima gara conquista il gradino più alto del podio. Già numero uno nella classifica dopo i gironi, ha superato senza troppe difficoltà tutte le avversarie fino all’assalto di finale che la vedeva contrapposta alla forte Guia Di Russo del Frascati Scherma. Un bell’assalto combattuto fino alla fine dove decisiva è risultata l’ultima stoccata della Bertini che ferma di fatto il tentativo di rimonta della frascatana con il punteggio finale di 15-13.

Ma le soddisfazioni per la Bertini non si esauriscono con l’oro fra le Cadette e il giorno successivo nella categoria maggiore delle Giovani dimostra una voglia incredibile di ritagliarsi uno spazio anche fra le più grandi e con caparbietà e una bella scherma conquista il bronzo, terminando la gara in semifinale con l’atleta della Raggetti (FI) Anna Cristino alla priorità, con il punteggio di 9-10.

Il secondo oro arriva per mano dell’altro Cadetto pisano, Matteo Iacomoni, che conquista il titolo di campione italiano al termine di una gara sofferta e per niente facile. Assalto decisivo negli ottavi con l’atleta modicano Spampinato, compagno di squadra in nazionale U17 e n.4 del ranking di categoria. Dopo un iniziale equilibrio fra le parti lo Iacomoni alzando il ritmo è riuscito a trovare la chiave giusta per portarsi a casa il match che termina cosi 15-11 a favore del pisano. Nell’assalto successivo la superiorità di Matteo ha fatto fin da subito la differenza proiettandolo in una semifinale con Raimondi (Frascati scherma) certamente più combattuta che si è risolta difatti soltanto all’ultima stoccata. Bella anche la finale contro l’altro frascatano Ciani che si conclude con il punteggio di 15-11.

Grande la soddisfazione tra le fila dello staff tecnico e dirigenziale della società, che si evince anche dalle parole del Presidente Giovanni Calabrò: "Questi successi di Riccione ci ripagano dei grandi sacrifici fatti negli ultimi mesi per garantire una preparazione di altissimo livello ai nostri baby campioni nonostante le restrizioni imposte dalla pandemia. Ma sono anche il giusto riconoscimento allo straordinario lavoro del nostro staff tecnico. E' merito soprattutto dei nostri Maestri Simone ed Elisa Vanni, Marco Ramacci e Veronica Mantovani se siamo diventati uno dei club più medagliati d'Italia".

matteo iacomoni

Non deve passare inosservato l’ottimo risultato dell’altra cadetta pisana Lucilla Delitala, che termina il suo Campionato Italiano al settimo posto conquistando una bella finale ad otto sfiorando di poco la zona medaglia, perdendo alla priorità con la livornese Karen Biasco, a sua volta sconfitta in semifinale dalla Bertini. Ottima la gara di Lucilla che dopo un inizio non proprio brillante ha saputo trovare la concentrazione giusta che le ha permesso di superare senza troppe difficoltà gli assalti seguenti fino a quello perso nei quarti con il punteggio di 11-12.

Buonissima la prova delle neo cadette Emilia Campus (31° fra i cadetti e 78° nei giovani) e Federica Daidone (37° nei cadetti) che non si sono fatte troppo intimorire dal debutto fra le 'grandi'. Un po' di rammarico per Ginevra Manfredini che si colloca al 35° posto fra le cadette, reduce e convalescente da un brutto infortunio muscolare che l’ha tenuta lontana dalle pedane per più di un mese. Un risultato che di certo le va un po' stretto essendo attualmente la n.11 del ranking nazionale di categoria. Altalenante la prestazione di Silvia Pieroni che dopo un buon girone non è riuscita a mantenere lo stesso livello nelle dirette classificandosi 51° fra i cadetti. Lucrezia Guerrazzi è artefice di una prestazione fra i giovani che non le rende merito e si classifica al 73° posto, sicuramente senza un fastidioso problema ad una mano avrebbe fatto sicuramente di più. Diego Nika fra i cadetti si piazza all’83° posto, in una gara che lo vedeva comunque al debutto nazionale in questa categoria. Fra i maschi spiccano le due sconfitte a 14 nei sedicesimi per Francesco Sidoti e Francesco Bandini nella gara cadetti. Per entrambi teste di serie della gara come n.3 e n.10 della classifica nazionale il risultato lascia tanto amaro in bocca per il punteggio ma soprattutto perché entrambi artefici di prestazioni eccellenti durante il test event nazionale di Lignano Sabbiadoro. Risultato quindi molto al di sotto delle loro reali capacità. Gli stessi poi concludo la gara Giovani ripettivamente al 46° e 70° posto.

pisascherma: eccellenza pisana, doppio oro ai campionati italiani cadetti e giovani di fioretto. irene bertini e matteo iacomoni vincono due ori e un bronzo bellissimi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisascherma: doppio oro ai Campionati Italiani Cadetti e Giovani di fioretto

PisaToday è in caricamento