Mercoledì, 28 Luglio 2021
Sport

Ansia, tensione, sogni: Cascina e Fratres Perignano a un passo dalla Serie D

Sabato 19 giugno si giocherà lo storico derby pisano sul neutro di Santa Croce sull'Arno. Fratres col vantaggio dei due risultati su tre a disposizione, ma è gara aperta

Tutto in novanta minuti. Centoventi se l'equilibrio dovesse permanere al triplice fischio. Sogni, ansie, timori, speranze: tutto racchiuso sul rettangolo verde del 'Libero Masini' di Santa Croce sull'Arno. La promozione in Serie D dall'Eccellenza Toscana passa da questo stadio sabato 19 giugno (ore 16.30): all'ultima fermata di una stagione, la seconda consecutiva, martoriata dall'emergenza Coronavirus, si presentano il Cascina Asd e il Fratres Perignano Asd. Due formazioni della provincia pisana: la prima storicamente legata all'hinterland cittadino, dai trascorsi illustri e con tanta voglia di ripercorrere quella strada; la seconda all'appuntamento con la storia per un paese che non fa neppure Comune, abitato da 3200 anime.

Ci sono loro sul tetto dell'Eccellenza regionale, l'anticamera al semiprofessionismo della Serie D: il percorso per arrivare all'epilogo del campionato è stato, com'era inevitabile, condizionato dal Covid. "Grazie alla disponibilità e al supporto della Federazione toscana della Lega Nazionale Dilettanti - commentano il presidente cascinese Valerio Sisti e il Direttore generale del Perignano Mirco Ragoni - abbiamo potuto stilare e attuare il protocollo anticontagio. Con questo regolamento la stagione è ripartita il 18 aprile e adesso siamo alle porte di un appuntamento eccezionale".

fratres perignano eccellenza calcio

Da entrambe le parti prevale "un'ansia positiva, tipica dell'attesa del grande evento sportivo" confermano il tecnico nerazzurro Luca Polzella e il dirigente del Perignano Ragoni. "Può sembrare una frase scontata, perché ripetuta molte volte, ma ci apprestiamo a vivere l'atto finale di una stagione storica - proseguono - sia il Cascina che il Perignano non sono partiti con l'ambizione di arrivare fino alla finalissima dei playoff. C'era la consapevolezza di aver allestito rose solide e con ottime qualità, ma le aspettative più alte erano riposte nella Massese o nel Tau Altopascio".

Proprio le due formazioni eliminate in semifinale rispettivamente dal Cascina, che ha chiuso il girone di qualificazione al secondo posto con 4 vittorie e 4 pareggi, e dal Fratres Perignano, primo con 5 successi e 3 pareggi. "Un percorso netto che è stato un costante crescendo di entusiasmo e convinzione dei nostri mezzi" prosegue Mirco Ragoni. "Purtroppo strada facendo abbiamo pagato un dazio pesantissimo alla sfortuna - aggiunge - in termini di infortuni siamo stati fra le compagini più penalizzate. Ma non ci concediamo alibi: arrivati a una sola partita dal sogno della Serie D, ciò che conta è gettare in campo tutte le residue energie, sfruttare le qualità di tutti i giocatori a disposizione e provare a superare l'avversario".

Sarà un derby comunque vissuto all'insegna del rispetto e del fair play, "perché siamo consapevoli di rappresentare l'apice del dilettantismo pisano: sabato prossimo tutti gli occhi della provincia saranno concentrati sul 'Masini' per seguire l'andamento della finalissima" sottolinea Valerio Sisti. "Il Fratres parte con il vantaggio dei due risultati a disposizione in virtù del migliore piazzamento nel girone - continua il presidente del Cascina - ma è un aspetto marginale della finale. Entrambe le formazioni partiranno con l'intento di vincere: giocheremo a viso aperto e vincerà il migliore, ne sono certo".

cascina asd eccellenza calcio

La stagione, per entrambe le formazioni pisane, è stata caratterizzata in negativo "dal timore di non riuscire a tornare in campo" spiegano Ragoni e Polzella. "Soprattutto quando a marzo il quadro generale dei contagi lasciava presagire il peggio" continua il Dg del Perignano. "I ragazzi sono stati bravi a non mollare mentalmente - proseguono il tecnico del Cascina e il dirigente avversario - sintomo di uno spessore umano importante. Naturalmente la gestione della condizione atletica, penalizzata da una preparazione praticamente assente e dalla ripresa molto rapida degli impegni agonistici, è stata molto complessa. I risultati fortunatamente ci hanno aiutato a superare anche gli acciacchi".

Vincere, si sa, aiuta a vincere: in tutti gli ambiti, compreso il campionato di Eccellenza. "La consapevolezza di aver spiccato il volo - sottolinea Luca Polzella - è arrivata dopo il punto raccolto a Camaiore in inferiorità numerica. Nonostante le difficoltà del momento riuscimmo a imporre il nostro gioco: lì capimmo che saremmo potuti arrivare fino alla finale". Gli ribatte Ragoni: "La vittoria in trasferta con la Cuoiopelli, a tempo quasi scaduto, è l'immagine perfetta del gruppo. Un squadra che non molla mai, che crede sempre nella possibilità di vincere, unita. In quel pomeriggio abbiamo compreso la nostra reale forza".

E adesso non resta che vivere questo epilogo così bello e affascinante. In una sola partita saranno racchiusi i sogni di due paesi e le ambizioni dell'intera provincia pisana. Soltanto una compagine potrà festeggiare, una finale non ammette deroghe a questo 'crudele' verdetto, "ma siamo comunque entusiasti di poter provare sulla pelle queste emozioni - conclude Valerio Sisti - soltanto il Cascina e il Fratres Perignano potranno dire di aver vissuto questi momenti. Comunque vada sarà un grandissimo successo per tutto il calcio dilettantistico pisano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ansia, tensione, sogni: Cascina e Fratres Perignano a un passo dalla Serie D

PisaToday è in caricamento