Sport

Pisa S.C. 1909: una vittoria in meno, ma nerazzurri con il pieno di fiducia

La Lega Pro ha escluso dal campionato il Pro Piacenza, togliendo al Pisa i tre punti dell'andata conquistati sul campo. Squadra al completo in vista del big match con la Pro Vercelli del 24 febbraio

Era nell'aria già dalla serata di domenica, dopo lo scempio pensato dalla società emiliana e autorizzato dalla Lega Pro: il Pro Piacenza è stato cancellato dal campionato di Serie C ed eliminato dalla classifica del Girone A. Un atto dovuto, effettuato con delittuoso ritardo da parte dei dirigenti del calcio italiano, che va a riscrivere la classifica del raggruppamento di cui fa parte anche il Pisa. I nerazzurri dopo la decisione della Lega si ritrovano con una vittoria in meno sul campo ma tre punti in più in classifica. Impossibile? No, c'è una spiegazione.

Vittoria a tavolino

Dal comunicato emesso nella giornata di lunedì 18 febbraio dal giudice sportivo della Serie C, emerge che il Pro Piacenza è stato cancellato dal campionato per aver infranto i valori di correttezza e lealtà. Nella fattispecie, la goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo dei numerosi inadempimenti economici e delle mancanze finanziarie della società rossonera è stata la decisione di presentarsi alla partita di Cuneo con soli sette giocatori. Ben quattro dei quali, ad una verifica successiva operata dagli ispettori della Lega, risultati non tesserati con il Pro Piacenza.

Un danno gravissimo arrecato non soltanto al campionato di Serie C, ma all'intero calcio italiano, deriso da mezza Europa all'indomani del fattaccio. Ecco quindi motivata la scelta di eliminare la società emiliana dalla competizione: decisione tardiva, che sa tanto di toppa sopra ad un buco molto più grosso. Ma tant'è, si va avanti cercando di guardare il lato positivo della faccenda: una grossa problematica è stata eliminata, portandosi dietro però l'adeguamento della classifica. Tutte le partite disputate dal Pro Piacenza fino al 30 dicembre 2018 compreso sono state considerate nulle, e di conseguenza i punti raccolti sul campo dagli avversari sono stati tolti. Ecco perché il Pisa si è ritrovato senza una vittoria conquistata meritatamente nel match dell'Arena Garibaldi dello scorso 17 ottobre. Le gare del girone di ritorno invece verranno assegnate a tavolino, di volta in volta, all'avversario di turno della formazione piacentina. Ecco svelato il motivo per cui il Pisa, nonostante tutto, ha 39 punti in classifica. Da calendario avrebbe dovuto giocare contro il Pro Piacenza esattamente una settimana fa: vittoria a tavolino quindi, e tre punti assegnati dal giudice sportivo.

Serve a poco dirlo, poiché ci sono ancora tantissime partite da recuperare e diverse squadre che precedono i nerazzurri devono ancora usufruire dei tre punti d'ufficio, ma la situazione attuale mostra un Pisa a sole sette lunghezze dalla vetta. Un distacco virtuale, che però mentalmente può regalare ulteriori stimoli alla truppa di mister D'Angelo.

La nuova classifica

Ecco quindi come appare la nuova classifica dopo l'esclusione del Pro Piacenza, al netto dei vari recuperi da disputare e delle vittorie a tavolino da assegnare:

Arezzo 46 punti
Pro Vercelli*** 46 punti
Virtus Entella***** 46 punti
Piacenza* 46 punti
Robur Siena** 41 punti
Pro Patria 40 punti
Carrarese 40 punti
Pisa* 39 punti
Novara 35 punti
Pontedera 33 punti
Gozzano 30 punti
Olbia* 27 punti
Juventus U23 26 punti
Alessandria* 26 punti
Pistoiese** 24 punti
Albissola 19 punti
Cuneo** (-15) 18 punti
Arzachena (-1) 17 punti
Lucchese** (-16) 10 punti

(*) partite in meno

Rientri pesanti per il big match

Stimoli e fiducia accresciuti, soprattutto, dalla vittoria ritrovata sul prato dell'Arena Garibaldi. Anzi, sarebbe meglio dire le vittorie: i due successi consecutivi ottenuti nel giro di sette giorni contro Pistoiese e Gozzano hanno definitivamente riportato il sereno in casa nerazzurra. La squadra ha dimostrato di saper soffrire, combattere con orgoglio e gestire con personalità anche le situazioni più complicate. Nonostante le assenze derivanti da infortuni e squalifiche, il gruppo è uscito rafforzato: si è ritrovato capitan Moscardelli, Gucher è sempre più padrone del centrocampo e la difesa con De Vitis garantisce una grande affidabilità.

Con la partita di domenica 24 febbraio inizierà per i nerazzurri il periodo cruciale della stagione. Il campionato del Pisa entrerà nel vivo, con sfide decisive per capire le reali ambizioni e potenzialità dello spogliatoio. Il primo esame di maturità sarà il campo della Pro Vercelli (ore 14.30): Gori e compagni se la vedranno con la prima della classe, che come il Pisa in casa ha perso una sola volta. Contro le bianche casacche piemontesi torneranno a disposizione sia Benedetti in difesa che Di Quinzio in mezzo al campo, dopo le rispettive squalifiche di una e due giornate. Questi rientri si affiancano a quelli di Marconi e Liotti, rimasti fuori due mesi per infortunio. Mister D’Angelo può così preparare il big match del 'Piola' con l’intera rosa a sua disposizione: un fatto che non si verificava dal mese di novembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa S.C. 1909: una vittoria in meno, ma nerazzurri con il pieno di fiducia

PisaToday è in caricamento