Mercoledì, 28 Luglio 2021
Sport

Finale infinita: gol, rimonte, espulsioni. Il Cascina festeggia la promozione in Serie D

Al 'Masini' di Santa Croce la finale playoff del campionato di Eccellenza termina 3-2. Il Cascina batte il Fratres Perignano e conquista la Serie D

Copione rispettato: il derby che ha concluso la stagione calcistica dell'Eccellenza toscana è stato bello, vibrante, equilibrato, ricco di tensione. All'atto finale dei playoff, disputati questo pomeriggio sul prato del 'Masini' di Santa Croce sull'Arno, si sono presentati il Cascina e il Fratres Perignano. Da una parte una società con illustri trascorsi, da molti anni confinata nelle serie minori della provincia pisana; dall'altra una compagina 'self-made', venuta su dagli Amatori con oculatezza, passione e grande merito. In palio tra i nerazzurri cascinesi e i rossoblu del Fratres c'era la promozione in Serie D.

La formazione di Polzella doveva soltanto vincere per regalarsi lo sprepitoso finale: entro i 90' oppure al termine dei supplementari nel caso in cui l'equilibrio non fosse ancora rotto. Il Perignano invece, che ha terminato al primo posto il proprio girone proprio davanti agli avversari odierni, poteva contare sul vantaggio di due risultati su tre: anche con un pareggio i rossoblu avrebbero festeggiato l'approdo in D. Il primo della storia del club.

Gli uomini di mister Ticciati partono forte e dopo soli 10' di gioco conquistano un calcio di rigore. Sul dischetto va bomber Sciapi (14 reti stagionali): il centravanti però si fa ipnotizzare e fallisce. Da questo momento il Cascina gradualmente acquisisce metri in campo e fiducia, fino al penalty conquistato alla mezz'ora. Chiaramonti fa meglio: pallone in rete e Cascina avanti 1-0 all'intervallo.

La prima parte della ripresa è di marca cascinese, ma al 60' Sciapi si scrolla di dosso la negatività accumulata nel primo tempo e di testa sigla il pareggio. Su calcio d'angolo il centravanti del Perignano va più in alto di tutti e sigla l'1-1. L'inerzia della finale adesso è indirizzata verso Perignano, che al 75' prova a dare la spallata decisiva al match. Il Cascina fatica a chiudere la ripartenza centrale degli avversari, Sciapi si incunea in mezzo alla difesa e poi dal limite dell'area di rigore lascia partire un rasoterra poco potente ma precisissimo. Palla all'angolino, doppietta del bomber: 2-1 per il Fratres.

Una rete che pare segnare la parola 'Fine', e invece proprio all'ultima curva il Perignano sbanda e il Cascina rimette tutto in gioco. Sciapi si fa cacciare con la doppia ammonizione: il primo giallo è il risultato dell'eccessiva esultanza dopo l'1-1, il secondo arriva dopo un'azione di ostruzione alla battuta dell'ultima punizione dei tempi regolamentari. Siamo al 96', il Cascina lancia l'ultima preghiera del pomeriggio: la palla spiove nell'area del Fratres, il portiere Martinelli fa un miracolo ma sulla ribattuta il più lesto di tutti è Olivotto: tap-in, palla in rete, 2-2.

I tempi supplementari sono, se possibile, ancora più palpitanti. Il Cascina si riversa nella metà campo del Fratres alla ricerca del gol promozione. Martinelli per il Perignano è il protagonista assoluto: il portiere cancella due occasionissime costruite dai nerazzurri. Intorno al 120' però l'ennesimo colpo di scena del pomeriggio: il Cascina calcia l'ennesima punizione nel cuore dell'area del Fratres, Lucarelli stacca di testa ma indirizza la palla nella direzione sbagliata. Autorete, il Cascina è avanti 3-2. Poi gli uomini di Polzella difendono con le unghie e con i denti il vantaggio e al triplice fischio festeggiano la Serie D.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finale infinita: gol, rimonte, espulsioni. Il Cascina festeggia la promozione in Serie D

PisaToday è in caricamento