Buche nerazzurre: il Footgolf Pisa sogna un 2020 ricco di successi

La formazione pisana presieduta da Fabio Nepi ha interrotto per il momento il campionato e offre allenamenti di prova al Golf club di San Miniato

L'avventura del Footgolf Pisa tra i giganti nazionali e internazionali delle buche prosegue con grandi successi e obiettivi sempre più ambiziosi. Nata grazie alla passione e all'intuizione del presidente Fabio Nepi, la società pisana nel giro di pochissimi anni si è imposta tra le protagoniste della regione e si è ritagliata un ruolo di primo piano anche nel palcoscenico italiano. Fondato nell'ottobre del 2016 quasi per caso ("Era il compleanno di uno dei miei amici più cari, al quale avevamo regalato un pomeriggio di footgolf al Golf Club di Pontremoli" spiega Nepi), il Footgolf Pisa in poco più di tre anni ha bruciato le tappe.

"Con molti sacrifici il nucleo iniziale degli appassionati si è allargato fino agli attuali 30 iscritti - commenta con soddisfazione il presidente del club nerazzurro - molti sponsor locali hanno scelto di supportare il nostro progetto ambizioso e gradualmente abbiamo migliorato i nostri risultati". La particolarità del footgolf (che, come suggerisce il nome, consiste nell'infilare la palla da calcio in buca con il minor numero di colpi) è che unisce il fascino dello sport individuale alle emozioni della disciplina di squadra. Le tappe regionali, interregionali e nazionali alle quali prende parte il Footgolf Pisa, infatti, contribuiscono a stilare la classifica individuale e quella di squadra.

"Dopo i primi risultati incoraggianti - prosegue Nepi - siamo riusciti a toglierci delle soddisfazioni veramente importanti. Nel 2019 abbiamo ottenuto il terzo posto regionale al termine delle dieci tappe del torneo, e nei playoff siamo arrivati fino alla finalissima persa contro Siena. Nel torneo nazionale invece ci siamo piazzati al dodicesimo posto". E i primi mesi del 2020 erano stati ancora più promettenti, con il secondo posto nella tappa regionale di Gavorrano e il primo in quella di San Miniato, campo di casa dei nerazzurri.

"Grazie al supporto della federazione regionale Footgolf Toscana siamo riusciti a stringere una bella partnership con il Golf Club San Miniato - sottolinea Fabio Nepi - il quale per tutto l'anno farà da quartier generale per i nostri allenamenti. Sarà la nostra casa". Il lockdown ha colpito anche questa disciplina, imponendo dapprima la chiusura di tutte le strutture, riaperte da qualche giorno con un protocollo sanitario dettagliato, e poi lo stop alle manifestazioni sportive fino al 14 giugno prossimo. "L'auspicio è di poter tornare quanto prima a competere con le altre squadre, nel rispetto delle regole anticontagio - afferma Nepi - nel frattempo però ci siamo organizzati con un nuovo servizio per i nostri iscritti e tutte le persone che intendono avvicinarsi a questo sport".

Tutti i mercoledì, dalle 14 alle 20, chi vuole sperimentare il footgolf può farlo con la preziosa compagnia e la guida dei giocatori della formazione pisana, pronti a consigliare i neofiti in una disciplina che unisce contatto all'aria aperta, strategia e tecnica. "Non occorre essere abili calciatori per giocare a footgolf - specifica Fabio Nepi - ciò che più conta è una buona capacità di analisi delle differenti situazioni e la scelta migliore del colpo più adeguato. Si gioca con il pallone regolamentare da calcio, gli scarpini di calcetto e un abbigliamento sportivo ma non calcistico: siamo pur sempre ospiti dei Golf club, il rispetto del dress code è fondamentale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prenotazione per questi allenamenti è obbligatoria: tutte le istruzioni si possono consultare sul sito e sulla pagina Facebook della società. "Ad ogni buca abbiamo installato un dispenser di gel igienizzante - conclude Nepi - in modo che i giocatori possono sanificarsi le mani dopo aver recuperato il pallone dalla buca. L'attenzione alla sicurezza è massima: giochiamo nel pieno rispetto delle regole e chiediamo ai partecipanti il massimo senso di responsabilità verso sé stessi e il prossimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Cisanello, ambulanze in fila per l'area Covid: "In piena fase emergenziale, serve la collaborazione di tutti"

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento