Sport

Ac Pisa 1909, Petroni: "Il fondo è inadempiente, vogliamo garanzie"

Al termine dell'incontro in San Rossore Petroni ha sottolineato il fatto che il fondo non ha versato la caparra pattuita. E sullo stadio afferma: "Stiamo lavorando"

E' ancora tutto in alto mare. Dall'incontro convocato dal sindaco Marco Filippeschi tra Britaly Post e Equitativa, che si è svolto nel pomeriggio di mercoledì 14 settembre a San Rossore, per la cessione delle quote dell'Ac Pisa 1909, è emersa la volontà della famiglia Petroni di vendere e del fondo d'investimento arabo, rappresentato da Isabella Pedroni, di acquistare, ma al momento non sembrano esserci i presupposti affinchè il passaggio di proprietà avvenga.

"Il fondo d'investimento è inadempiente perché non ha versato la caparra e nemmeno ha effettuato il deposito vincolato della somma pattuita e se non si risolve questo aspetto la trattativa non si sblocca - ha detto Lorenzo Petroni, figlio del patron del Pisa Fabio - la nostra volontà resta quella di una cessione rapida delle quote, ma senza garanzie non possiamo farlo. Noi il 4 settembre abbiamo sottoscritto l'accettazione dell'offerta con la caparra e il fondo a garanzia. Questo non ci sarà per gli inadempimenti da parte del fondo, quindi si dovranno organizzare se vogliono comprare in altri modi. Il triumvirato ci sarà nel momento in cui ci saranno le dovute garanzie, sarebbe come mettersi in casa uno sconosciuto".

Nel corso della riunione si è discusso anche del problema legato ai lavori di adeguamento dell'Arena Garibaldi e alla sottoscrizione della convenzione con il Comune. "E' una priorità sulla quale stiamo lavorando - ha sottolineato Petroni - e alla quale faremo fronte direttamente".

"Sul problema dell'agibilità - ha sottolineato il sindaco, Marco Filippeschi - attendiamo una risposta entro 24 ore da parte della famiglia Petroni per poter perfezionare la bozza di convenzione che il club ha ricevuto gi il 12 agosto scorso. Da parte mia ho lamentato i ritardi evidenti di cui la proprietà della società è unica responsabile. Riguardo alla trattativa, Isabella Pedroni ha riconosciuto l'inadempienza rispetto alle clausole indicate nell'offerta e garantito che si sta lavorando per superarla".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ac Pisa 1909, Petroni: "Il fondo è inadempiente, vogliamo garanzie"

PisaToday è in caricamento