rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Sport Pontedera

U.S. Città di Pontedera, è il giorno di Maraia: ufficializzato il nuovo tecnico

Presentato il nuovo allenatore dei granata, insieme a tutto lo staff. Dopo cinque anni l'ex vice prende il posto di Indiani. "Lo ringrazio tantissimo, ora tocca a me"

Il Pontedera trova in casa l’erede di Paolo Indiani. Sarà Ivan Maraia ad allenare i granata nella prossima stagione. L’ex vice del tecnico di Certaldo è stato presentato ufficialmente con una conferenza stampa allo stadio ‘Mannucci’, insieme allo staff tecnico (confermati Fabio Ristori, Maurizio Ribechini e Mauro Mugnaini) e al nuovo allenatore in seconda Matteo Rossi. Dopo le dimissioni annunciate da Indiani, il Pontedera riparte da due ex giocatori che hanno indossato la maglia granata negli anni ’90.

Per Maraia, che in carriera ha allenato Larcianese, Sestese e San Gimignano in Eccellenza e Promozione, è la prima esperienza nel campionato di Lega Pro, ma negli ultimi cinque anni si è seduto sulla panchina del Pontedera come vice di Indiani, e ad Arezzo nella stagione 2009-2010 come secondo di Semplici (il tecnico che ha portato in Serie A la Spal).

“Sono contento di questa scelta - dice Maraia - ringrazio tutta la società e il dg Paolo Giovannini per l’opportunità che mi è stata concessa. Dopo gli anni da collaboratore ora mi aspetta un ruolo più difficile e gratificante. Voglio giocarmi questa possibilità con le mie caratteristiche: umiltà, determinazione e coraggio. Queste doti non mancheranno ai miei collaboratori, che per me sono importantissimi da un punto di vista professionale e umano: Fabio Ristori, Michele Ribechini e Mauro Mugnaini”.

Uno staff confermato al 100%, nel segno di un lavoro che negli ultimi anni ha dato i suoi frutti a Pontedera. La squadra ha sempre raggiunto l’obiettivo della salvezza. Solo nell’ultima stagione i granata hanno sofferto più del solito per evitare i playout. “Questo campionato appena terminato ci ha insegnato qualcosa: si può uscire dai momenti difficili tutti insieme. Faccio un saluto molto sentito a Paolo Indiani - continua il nuovo allenatore - perché in questi anni mi ha dato tantissimo sotto più punti di vista e per questo lo ringrazio. Sotto la sua gestione abbiamo vissuto partite indimenticabili, ci lascia una grande eredità e il mio stimolo sarà quello di cercare di avvicinarmi a quello che ha fatto lui”.

Il volto nuovo è quello di Matteo Rossi. Da giocatore è stato compagno di squadra di Maraia nel Pontedera. Ora lo affiancherà in panchina nel ruolo di viceallenaore. Anche per Rossi (che in carriera ha allenato la Pecciolese in Promozione, il Forcoli in Serie D e gli Juniores Nazionali del Ponsacco) è la prima esperienza in Lega Pro. “Anch’io sono contentissimo per questa possibilità - dice - a Pontedera ho vissuto anni molto belli da calciatore, e ora ho la possibilità di ricominciare come allenatore in seconda. È un ruolo difficile, ma ce la metterò tutta, ho grande voglia e motivazioni”.

Il direttore generale Paolo Giovannini spiega invece come è maturata la scelta di Maraia: “Dopo l’avvicendamento societario la cosa più grave che possa succedere a un club è l’avvicendamento di un tecnico. A noi è successo un po’ a sorpresa, ma dopo cinque anni ci poteva stare che Indiani prendesse un’altra strada. Per questo avevo maturato l’idea di affidare la squadra a Maraia da circa due mesi, non è stata una decisione improvvisata. Quando si verificano queste situazioni bisogna scegliere tra continuità e rivoluzione, ma questa società non ha bisogno di cambiare radicalmente. Il Pontedera deve continuare con gente che ha senso di appartenenza alla maglia e in grado di proseguire il percorso di valorizzazione dei giovani. Maraia, insieme al suo staff che per cinque anni ha affiancato Indiani, incarna alla perfezione queste caratteristiche”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

U.S. Città di Pontedera, è il giorno di Maraia: ufficializzato il nuovo tecnico

PisaToday è in caricamento