Juve Stabia - Pisa 0-2 | Nerazzurri d'acciaio: Gucher e Marconi sbancano Castellammare

I nerazzurri controllano in avvio di gara e mettono la freccia con la bordata di Gucher. Nella ripresa Marconi segna il raddoppio e poi controlla la reazione gialloblu in inferiorità numerica a causa del rosso di Benedetti

Il Pisa riparte da dove aveva lasciato: a Castellammare di Stabia centra la prima vittoria in campionato, e lo fa in trasferta. I nerazzurri segnano un gol per parte legittimando il successo con una fase difensiva impeccabile. Le Vespe chiudono la gara senza centrare mai lo specchio della porta difesa da Gori, mentre in attacco Marconi scaccia i fantasimi con il gol del definitivo due a zero. Meraviglioso il sigillo iniziale di Gucher su punizione.

La Juve Stabia inizia la partita con grande intensità, proponendo una pressione alta nella zona mediana del campo. Gucher e Minesso, schierato da D'Angelo nella posizione di mezzala sinistra, faticano ad entrare nella manovra nerazzurra e dare ritmo a Masucci e Marconi. L'impostazione della squadra di D'Angelo ne risente un po', anche se la prima occasione è di marca nerazzurra: Troest devia in porta la punizione di Minesso: Branduani sfodera un miracolo deviando la traiettoria sulla traversa. Al quarto d'ora le Vespe sbloccherebbero il parziale, ma il guardalinee segnala il fuorigioco sul tocco sotto misura di Di Gennaro: secondo l'assistente di Serra il numero 10 è partito al di là della linea difensiva nerazzurra. Dopo questa fiammata la squadra di D'Angelo prende gradualmente campo e fiducia, e alla mezz'ora trova la rete grazie ad una splendida punizione di Gucher dai 20 metri. La ripresa si apre con la Juve Stabia che accentua l'intensità della pressione in mezzo al campo, ma nonostante il grande impegno è il Pisa che trova il colpo del potenziale KO. I nerazzurri sfruttano tutta l'ampiezza del campo, partendo da destra, esplorando la fascia sinistra e concludendo poi con Marconi al centro dell'area. Le Vespe accusano visibilmente il colpo, con gli uomini di D'Angelo che sono padroni del campo. Caserta però riesce a ridare vivacità ai suoi inserendo Canotto, che al 75' provoca l'espulsione di Benedetti che rimedia il secondo giallo della sua gara. La parte finale del match è vissuta in trincea dai nerazzurri, che al 93' ringraziano Aya, provvidenziale sull'incursione a centrale di Canotto. I 200 pisani giunti a Castellammare fanno il resto, trascinando i giocatori e D'Angelo, espulso anche lui per proteste, alla prima vittoria in campionato.

La partita

Il Pisa è pronto a disputare la prima trasferta della stagione cadetta. Il calendario mette di fronte ai nerazzurri di Luca D'Angelo un'altra formazione neopromossa dalla Serie C: la Juve Stabia. Sul sintetico di Castellammare di Stabia andrà in scena una partita fra due squadre che al debutto hanno tenuto a battesimo due corazzate del torneo. Le Vespe hanno ceduto di misura, non senza polemiche verso l'arbitro, sul campo dell'Empoli, mentre i nerazzurri hanno sfiorato il colpaccio in casa con il Benevento. Entrambe non faranno calcoli e proveranno a centrare la prima vittoria stagionale. Luca D'Angelo riparte dal 3-5-2 del secondo tempo con i sanniti, variando un solo interprete rispetto all'undici titolare di nove giorni fa: nella posizione di mezzala agisce Minesso, con marin sulla destra al posto di Belli. Confermata la coppia offensiva composta da Masucci e Marconi, mentre De Vitis torna al centro della linea difensiva. Verna, a centrocampo, scende in campo per la centesima volta con la maglia nerazzurra (anche se oggi pomeriggio il Pisa gioca con la terza maglia verde). Fabio Caserta nella Juve Stabia conferma Cissè alla guida dell'attacco dopo il gol a Empoli.

La gara si apre con uno svarione della coppia De Vitis - Benedetti. La palla resta a mezza strada al limite dell'area, ne approfitta Cissè per incunearsi in mezzo ai due: Benedetti si aggrappa alla maglia per fermarlo rimediando il primo giallo della serata. Sulla punizione seguente Di Gennaro calcia nel settore occupato dai circa 200 sostenitori pisani. La risposta nerazzurra arriva immediatamente con una palla da fermo. Al 7' Minesso taglia a centro area da destra e rimbalza sul corpo di Troest, che devia verso la sua porta. Branduani è prodigioso a deviare sulla traversa. Trenta secondi dopo Verna arriva a rimorchio sulla sponda di Masucci: destro rasoterra dal limite che esce di poco.

L'avvio della partita è molto pimpante, e al 13' il guardalinee annulla il tocco sottomisura con il quale Di Gennaro sblocca il parziale. Mallamo calcia dalla trequarti, il numero 10 si inserisce sulla traiettoria da dietro: posizione dubbia, con Lisi che tarda a salire con il resto della linea difensiva. Nella prima metà della prima frazione i padroni di casa pressano molto in mezzo al campo, cercando di mettersi fra le linee di passaggio dei nerazzurri. I gialloblu lasciano l'impostazione alla retroguardia del Pisa, aggredendo con intensità Gucher e Minesso. Ma proprio il regista austriaco indovina la magia su punizione e porta in vantaggio il Pisa. Mallamo esce dalla barriera sul tiro di Minesso al 32': l'arbitro Serra lo sanziona con il giallo e Gucher si incarica della seconda battuta. Il numero 27 calcia forte sul palo difeso da Branduani, che non arriva a togliere la palla dall'angolino basso. La Juve Stabia accusa il colpo e al 38' rischia di capitolare per la seconda volta, ancora su calcio da fermo. Minesso taglia profondo sul secondo palo, Verna è pronto a colpire a botta sicura ma viene anticipato da Addae. Ancora Pisa prima dell'intervallo, quando Lisi da sinistra crossa in area il suggerimento profondo di Minesso: Marconi anticipa tutti ma il tocco è centrale e Branduani blocca.

La ripresa si apre con Caserta che toglie un mediano e inserisce un attaccante: fuori Addae, dentro Rossi e Juve Stabia che passa al 3-5-2. Il Pisa conquista immediatamente un calcio d'angolo ma lo sfrutta male, aprendo il campo alla ripartenza delle Vespe. Mallamo si invola sulla fascia sinistra e propone un pallone rasoterra a centro area per Rossi: Lisi ha seguito la sgroppata e chiude in angolo. La spinta dei gialloblu è più intensa e il Pisa fatica a ritrovare le giuste misure fra i reparti. Vitiello al 56' crossa in area dove Cissè gira verso la porta di prima intenzione: Aya devia in angolo in scivolata. I nerazzurri però riordinano le idee e con una migliore organizzazione portano più pressione in mezzo al campo. Infatti al 62' Marconi viene lanciato in profondità dopo la riconquista della palla di Marin. Il centravanti però sceglie la potenza dal limite e calcia altissimo.

D'Angelo per infortunio è costretto a togliere Marin: al suo posto entra Siega, con Asencio che rileva Masucci. Dalla protezione di palla dello spagnolo nasce l'azione del raddoppio al 70'. L'ex Benevento appoggia a Verna, sponda a Marconi che allarga a sinistra per Lisi. L'esterno punta al limite dell'area Vitiello e calcia forte in mezzo all'area, dove arriva puntuale all'appuntamento proprio Marconi: piattone destro e 0-2. I padroni di casa sembrano sparire dal campo, con Caserta che ricorre all'estrema risorsa di schierare contemporaneamente quattro punte. L'ultimo entrato, Canotto, al 75' punta Benedetti sul fondo: il difensore lo sdraia e Serra estrae il secondo giallo.

L'ultimo quarto d'ora è una difesa a oltranza dei nerazzurri, che giocano esclusivamente per proteggere il doppio vantaggio. Canotto sulla fascia destra crea più di qualche grattacapo, mettendo molti palloni tesi nell'area pisana. La retroguardia guidata da Gori però resiste bene, anche se il nervosismo è palpabile. A farne le spese è Luca D'Angelo che protesta all'indirizzo dell'arbitro che lo caccia dal campo senza esitazioni. L'unico pericolo reale è l'incursione centrale di Canotto, smarcato in area dal tocco di Carlini: Aya allontana il pericolo.

Il tabellino

Juve Stabia - Pisa 0-2

Juve Stabia (3-4-2-1): Branduani; Troest, Tonucci, Vitiello; Germoni, Calò, Addae (46' Rossi), Elia (68' Carlini); Mallamo, Di Gennaro (73' Canotto); Cissè. All. Caserta

Pisa (3-5-2): Gori; Benedetti, De Vitis, Aya; Lisi, Minesso (53' Belli), Gucher, Verna, Marin (63' Siega); Marconi, Masucci (68' Asencio). All. D'Angelo

Reti: 32' Gucher (P), 70' Marconi (P)

Ammoniti: Benedetti (P), Mallamo (J), Vitiello (J), Germoni (J), Tonucci (J)

Note: arbitro Marco Serra; angoli 8-2 (3-1); recupero 2' e 6'; al 75' espulso Benedetti (P) per doppia ammonizione; allontanato dal campo D'Angelo (P) all'86'

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 14 e 15 settembre

  • Spari al Cep: fermate due persone

  • Si schianta con lo scooter contro un'auto: muore 21enne bagnino

  • Ciak si gira: a Pisa il via alle riprese della seconda stagione de 'L'amica geniale'

  • Ragazzo cade dalle spallette sui lungarni

  • Mancano i permessi: salta il Metarock

Torna su
PisaToday è in caricamento