Giovedì, 17 Giugno 2021
Sport

Maceratese-Pisa, le probabili formazioni | Il big match che vale il secondo posto

Mister Gattuso non teme la Maceratese e vuole una squadra spregiudicata. Il suo futuro a Pisa è però incerto. Si va verso la conferma della formazione del derby col Pontedera

Foto di Alessandro Scatà

Il primo posto, anche se la matematica non condanna e gli scontri diretti sono a favore, per il Pisa sembra ormai una chimera. La Spal ha già un piede in Serie B e una partita – quella contro l’Arezzo – che sulla carta le sorride: i nerazzurri sembrano quindi già proiettati in ottica playoff, e la sfida che li vedrà impegnati domani, sabato 23 aprile, all’'Helvia Recina' contro la Maceratese sarà una gara chiave proprio in vista degli spareggi promozione. 58 i punti il Pisa, 57 i marchigiani, la lotta per il secondo posto è più viva che mai e per mantenerlo l’unico risultato possibile è la vittoria. 

Si affrontano due tecnici, Gattuso e Bucchi, ex giocatori di spessore che hanno guidato alla perfezione le proprie squadre. Il mister nerazzurro domani non sarà in campo a seguito delle tre giornate di squalifica inflittegli dal giudice sportivo: "Di questa squalifica ci ho capito poco anche io, mi ero allontanato per evitare di esser cacciato ma son stato espulso ugualmente. Il ricorso è stato inoltrato, adesso vedremo l’evolversi della vicenda, ma intanto chiedo scusa all’ambiente: rappresento un’azienda non mia, devo controllarmi di più".

E a proposito di aziende, Gattuso puntualizza un aspetto che indirettamente tocca anche il suo futuro: "Non ho niente contro Terravision, ma loro hanno un’idea di calcio troppo diversa dalla mia, non mi convince neppure il College. Con Lucchesi si era parlato di progetto biennale, e all’inizio c’era un rapporto familiare, ma ora è tutto cambiato".

QUI PISA. Tutti disponibili in casa Pisa, eccezion fatta per lo squalificato Crescenzi, che rientrerà la prossima settimana, e l’infortunato Polverini, che rimarranno a San Rossore per lavorare in vista del prossimo turno. Ipotizzabile, pertanto, lo stesso undici visto contro il Pontedera, con Bindi tra i pali, la difesa a 4 con Golubovic, Rozzio, Lisuzzo e Mannini, il centrocampo formato da Verna, Di Tacchio e Ricci e Peralta dietro le due punte Varela e Cani, quest’ultimo in ballottaggio con Eusepi: 4-3-1-2, quindi, ma la duttilità di Mannini potrebbe portare a un modulo più aggressivo per giocarsela quanto più possibile a viso aperto. Considerando poi che questo, come detto dall’allenatore, sarà un primo esame playoff.

QUI MACERATESE. Più mistero quest’oggi in casa biancorossa. Non ci dovrebbero però essere stravolgimenti nel consueto 4-4-2 con il quale i marchigiani stanno procedendo il cammino in questo campionato quasi giunto al termine: Forte tra i pali, Fissore e Fiasca Teixeira al centro della difesa, con probabilmente Karkalis in sostituzione dello squalificato Imparato e Sabato sulle fasce. Centrocampo a con D’Anna, Togni, Foglia e Buonaiuto e tandem d’attacco con Fioretti e Kouko, senza però dimenticare che la mobilità di Buonaiuto potrebbe far cambiare l’assetto tattico dei marchigiani spostandolo a un 4-3-3.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maceratese-Pisa, le probabili formazioni | Il big match che vale il secondo posto

PisaToday è in caricamento