Sport

Scherma: la campionessa del mondo Martina Batini diventa ambasciatrice di Pisa

Una grande festa a Palazzo Gambacorti dove il primo cittadino Marco Filippeschi ha voluto celebrare gli ultimi grandi successi della fiorettista pisana, reduce dall'oro a squadre ai campionati del mondo

Martina Batini è diventata 'ambasciatrice di Pisa nel mondo'. Questa mattina il sindaco Marco Filippeschi ha ricevuto a Palazzo Gambacorti la campionessa di scherma che ha riportato in alto la tradizione del fioretto pisano con i grandi successi ai campionati europei e mondiali.

La 25enne, astro nascente del fioretto azzurro, è stata premiata insieme ai maestri Simone Piccini, che la segue da anni, e Antonio Di Ciolo, il decano dei maestri di scherma pisani e fondatore della straordinaria scuola pisana di fioretto.
Alla campionessa del mondo il sindaco di Pisa Marco Filippeschi ha consegnato una targa con incastonata la medaglia bronzea realizzata in occasione dell’800° anniversario di fondazione della Torre e la scritta 'a Martina Batini, ambasciatrice di Pisa nel mondo': "Un atto doveroso e dovuto per un atleta che ha portato il nostro Paese e la città a livelli altissimi in una disciplina, come il fioretto, in cui Pisa primeggia a livello mondiale ormai da decenni grazie alle gesta dei campioni, ma anche al lavoro oscuro ma non meno straordinario dei maestri della scuola pisana fondata oltre cinquanta anni fa da Antonio Di Ciolo - ha detto il primo cittadino - sono certo che questo riconoscimento, che è anche un modo per esprimere a Martina la gratitudine di tutta la città, non sarà l’ultimo che gli consegneremo e per noi sarà solo un onore averla di nuovo qui per festeggiare nuovi trionfi".

Accanto a Filippeschi anche Salvatore Sanzo, ex campione di scherma, che, nei panni istituzionali di assessore comunale allo sport, ha premiato con il fiorino d’argento della città di Pisa il 'suo' maestro Antonio Di Ciolo, che nelle settimane scorse ha festeggiato 80 anni, insieme a Simone Piccini, allenatore della Batini e tecnico destinato a proseguire la tradizione dei grandi maestri di scherma pisani: "Per me - ha detto Sanzo - celebrare i successi di Martina, oltrechè festeggiare i successi di un’amica e una grande atleta, vuol dire soprattutto riconoscere gli straordinari risultati raggiunti dalla scuola pisana di fioretto e la sua capacità di non accontentarsi mai continuando a crescere e migliorarsi; finora, infatti, avevamo ottenuto i più grandi risultati con gli uomini, ma grazie a Martina, ecco la novità, cominciamo a lasciare il segno anche nel fioretto rosa".

Felice, ovviamente, anche la campionessa. "E non potrebbe essere altrimenti perchè, anche se mi capita di trascorrere molto tempo in giro per il mondo, Pisa rimane la mia città, quella in cui sono cresciuta e dove torno ogni volta che posso - ha detto - il fatto, quindi, che la città, a cominciare dalle sue istituzioni, abbia scelto di festeggiare i miei risultati è cosa che, non solo mi rende orgogliosa, ma mi sprona anche a fare meglio in futuro. Sicuramente soprattutto per me e per l’Italia, ma un po’ anche per la mia città e per quella grande tradizione che, io come gli altri pisani della scherma, rappresentiamo quando saliamo in pedana. Prossimi obiettivi? Adesso soprattutto un bel po’ di riposo, ma da settembre metteremo nel mirino la qualificazione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scherma: la campionessa del mondo Martina Batini diventa ambasciatrice di Pisa

PisaToday è in caricamento