Sport

Pisa 1909, mercato in fermento: vicini Ingrosso e Armellino dal Matera, si tratta Caturano

Prosegue a passo serrato il lavoro del Ds Ferrara, diviso fra il fronte degli ingressi e quello delle uscite. Nel frattempo è partita a buon ritmo la campagna abbonamenti

Impazza il calciomercato in casa nerazzurra, dove a breve sono attesi gli annunci di almeno un paio di nuovi innesti. Il Direttore sportivo Raffaele Ferrara, contestualmente alle trattative ed ai colloqui che dovranno portare sotto la Torre elementi funzionali al gioco di Carmine Gautieri, sta lavorando anche per sfoltire il plotone dei reduci dalla passata stagione.

Ingrosso, Armellino, e altri due centrocampisti

Il Pisa sembra aver scelto anche il nome del nuovo jolly difensivo. Sarà Gianmarco Ingrosso, poliedrico difensore classe '89 attualmente al Matera. I nerazzurri hanno corteggiato a lungo il giocatore, che gradisce ampiamente la piazza e le attenzioni di un club che sta suscitando l'attenzione della platea nazionale per organizzazione, puntualità e precisione. I lucani sono un osso molto duro con i quali trattare, ma l'affare è in dirittura d'arrivo. 

Il giocatore si è accordato con il Pisa sulla base di un accordo triennale, restano da capire le variabili: se tre anni secchi o due anni con possibilità di allungare l'ingaggio di un'ulteriore stagione. Adesso la partita si gioca fra le due dirigenze, ma l'impressione è che la volontà del giocatore costituirà la discriminante decisiva. Forte fisicamente, Ingrosso nasce come difensore centrale, ma all'occorrenza sa disimpegnarsi anche come esterno difensivo in una difesa a quattro. A Pisa ritroverebbe il suo compagno di squadra in Basilicata, Maikol Negro.

Ma gli ingressi dalla Lucania non sono finiti. I nerazzurri sono con il fiato sul collo anche su Marco Armellino, altro classe '89 attualmente al Matera. Si tratta di un centrocampista centrale dai piedi buoni e dalla grande visione di gioco. Il classico playmaker tanto invocato nella scorsa stagione, quando la manovra del Pisa presentava un'asfissia eclatante in fase di costruzione della manovra. Il regista nella scorsa stagione ha collezionato 31 presenze e ben 9 reti: proprio il 'vizio' del gol costituisce quel particolare in più che ha convinto la dirigenza e Gautieri a puntare su di lui.

Anche per Armellino pare ormai conclusa la trattativa sull'ingaggio. Il ragazzo gradisce la nuova destinazione ed il progetto presentatogli. Anche in questo caso resta da trovare l'accordo fra le due società, ma l'esito positivo della trattativa è più di una speranza.

Per quanto riguarda altri nuovi possibili arrivi, proseguono i colloqui fra Ferrara ed il suo entourage e Giovanni Bia, procuratore di Daniele Capelli. L'esperto difensore centrale (31 anni) ex Cesena è attualmente svincolato. Il Pisa ha messo gli occhi su questo giocatore che in carriera non è mai sceso sotto la Serie B: la concorrenza è ovviamente folta, ma i nerazzurri proveranno ad affondare il colpo decisivo anche per lui.

A metà campo un nuovo nome caldo è quello di Nicolas Izzillo. Classica mezzala sgusciante, dalla corsa facile e con un ottimo tempo d'inserimento, nell'ultima stagione ha giocato nella Juve Stabia, 28 presenze e 7 reti in campionato per questo 23enne che potrebbe trovare a Pisa la definitiva consacrazione. Le sue caratteristiche si sposano alla perfezione con il 4-3-3 di Gautieri, e nei prossimi giorni potrebbe arrivare la fumata bianca. Leggermente più ingarbugliata la situazione di Mirko Bruccini, esperto centrocampista in forza alla Lucchese. Il 31enne ha rotto con la società rossonera, e gli ultimi contatti con il Pisa lo hanno convinto a sposare la causa nerazzurra. Nei prossimi giorni Ferrara proverà a trovare l'accordo migliore con la Lucchese, e regalare così a Gautieri un'altra pedina importante per il reparto mediano.

In attacco tutto su Caturano

Non è più un mistero per nessuno: il Pisa vuole Salvatore Caturano. La dirigenza nerazzurra e Carmine Gautieri hanno individuato nel centravanti napoletano classe '90, di proprietà del Lecce, la figura perfetta per occupare il ruolo di terminale offensivo. Lo sforzo economico che il Pisa proverà a fare per portare il giocatore sotto la Torre è ingente per la Serie C, ma i 18 gol e 13 assist messi a segno nella scorsa stagione sono una valida giustificazione.

Al di là delle smentite di rito, alle quali la società salentina non poteva sottrarsi dopo aver riscattato poche settimane fa il cartellino del giocatore dal Bari, la trattativa è in piedi ed ha buone possibilità di arrivare ad una conclusione positiva per il Pisa. Caturano gradirebbe il passaggio in Toscana, grazie anche ad un ottimo ingaggio propostogli dalla dirigenza nerazzurra. Nei prossimi giorni le due società si incontreranno di persona per provare a trovare un accordo. Qualora andasse in porto, sarebbe senza dubbio l'affare dell'estate, a conferma del fatto che l'intenzione di costruire una grande squadra da parte di Giuseppe Corrado non è soltanto un sogno, ma una solida realtà.

Entusiasmo in città

La presentazione delle nuove maglie, abbinate in offerta alla sottoscrizione dell'abbonamento per la nuova stagione, ha fatto montare ulteriormente l'entusiasmo in città. Dopo soli tre giorni di dall'apertura della campagna, sono già 459 le tessere staccate dagli appassionati nerazzurri. Un attestato di stima e di fiducia che non può far altro che spronare la società a proseguire sulla strada intrapresa.

Ottima anche la risposta per il ritiro che partirà il prossimo 15 luglio a Storo, in Trentino. Prese d'assalto le strutture alberghiere della zona, che presentano il tutto esaurito per gli undici giorni che il Pisa trascorrerà al fresco delle Alpi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa 1909, mercato in fermento: vicini Ingrosso e Armellino dal Matera, si tratta Caturano

PisaToday è in caricamento