Domenica, 26 Settembre 2021
Sport

Pisa - Ancona 2-1 | Ritorna la vittoria all'Arena, gol decisivo di Finocchio

Serviva la vittoria in casa e finalmente è tornata grazie ai gol di Iori e Finocchio. All'Arena Garibaldi il Pisa supera di misura l'Ancona, rimesso in partita da una disattenzione difensiva. Nel complesso successo meritato per la squadra di Braglia

L'ennesimo esperimento di formazione questa volta porta gli agognati 3 punti. Ha meritato il Pisa, esprimendo un gioco non certo esaltante ma ordinato, di sicuro migliore di quello dell'Ancona. Salta agli occhi come ai nerazzurri non piaccia “vincere facile”: una partita in controllo, dopo aver segnato il raddoppio, è stata messa in discussione da un calo di tensione sul gol avversario che (come sempre) i ragazzi di Braglia hanno pagato caro. L'importante però era vincere, solo dopo convincere. La formazione messa in campo dal tecnico grossetano ha mostrato anche aspetti positivi, come il solido duo Sini-Rozzio e buone potenzialità con Frediani e Finocchio esterni larghi. Un nuovo schieramento tattico su cui lavorare.

Il Pisa infatti si schiera con un 4-3-3, con Mandorlini terzino destro, trio di centrocampo con Iori, Morrone, Misuraca e tridente con Frediani, Finocchio, Arma. Molto larghi gli esterni offensivi, con compiti sia di ripiegamento difensivo che di allargare il fronte d'attacco per far aprire la difesa ospite. Risponde Mister Cornacchini con un 3-4-3 che diventa 5-4-1 in fase difensiva, Di Ceglie e San Pietro davanti la difesa e Bondi al centro dell'attacco a far gioco, con Tulli-Mordibelli sulle fasce.

PRIMO TEMPO. Fasi iniziali di studio fra le due squadre, attente più a non scoprirsi che a cercare giocate offensive. Deve ancora decollare il match quando, dopo un primo tentativo di Arma al 9' con una girata in area facilmente parata da Aprea, arriva il gol: al 12' la difesa biancorossa respinge male un cross basso dalla destra e il pallone finisce sui piedi di Iori, che da un paio di metri dentro l'area di rigore batte di sinistro, rasoterra sul primo palo. Aprea vede tardi il pallone, che si insacca lento e preciso facendo la barba al montante.

Un 1 a 0 a freddo che congela la partita. L'Ancona infatti non ha una reazione veemente, se non con qualche accelerazione di Tulli, il più propositivo dei suoi. I biancorossi hanno evidenti problemi di impostazione e il Pisa ha gioco facile a presidiare tutte le zone di campo. L'intesa dei centrali Rozzio e Sini funziona e non ci sono rischi per i nerazzurri. I ragazzi di Braglia però sembrano accontentarsi del risultato, cercando verticalizzazioni per Arma piuttosto che allargare il gioco, che pure nei primi 20/25 minuti aveva trovato buono sbocco con la dinamicità di Finocchio e Frediani. Al 40' ci riprova Arma di testa su cross di Iori dalla 3/4 su calcio di punizione, Aprea si allunga e respinge.

SECONDO TEMPO. Accade tutto in 5 minuti. L'Ancona parte bene: il solito Tulli cerca Bondi in mezzo al 2', stop e girata dal dischetto, tiro smorzato facile per Pelagotti. Ora i dorici sono schierati con un 4-4-2 con Tulli e Morbidelli ai lati e il neo-entrato Cognini di punta. Al 4' però è Finocchio a infiammare l'Arena: l'esterno raccoglie sulla 3/4 centrale il pallone e punta la difesa biancorossa, doppiopasso e dal limite scarica il sinistro a incrociare. Palla all'agolino sinistro di Aprea, gran gol per il 2 a 0.

Nemmeno il tempo di esultare e l'Ancona accorcia le distanze. Battono i biancorossi e palla a sinistra per l'ottimo Tulli, cross basso, Rozzio liscia (l'unico errore praticamente) e Cognini stoppa e si gira bene in mezzo all'area. Tiro forte e centrale che però l'estremo difensore azzurro devia solamente, 2 a 1. I ritmi adesso sono alti e le due squadre si fronteggiano a viso aperto, pressando con più insistenza. E' il momento dei biancorossi, che con il duo Tulli-Bondi fa soffrire il Pisa, che cerca quando può di ripartire in contropiede.

C'è però poca lucidità da parte delle due formazioni. La sfuriata degli ospiti pian piano cala e il passaggio di Braglia al 3-5-2 più coperto lentamente addormenta la partita che però si fa più nervosa, con i tifosi che cominciano a temere la beffa. Il Pisa però non subisce più serie minacce, ed anzi al 40' Arma guadagna un cartellino rosso su Paoli, che lo abbraccia quando il marocchino era lanciato a rete su un contropiede. Di lì a poco arriva il fischio finale dell'arbitro, che calma i fischi di paura del pubblico contro l'Ancona e lo scatenato Battini in tribuna, molto teso nelle fasi finali del match.

TABELLINO

Formazione Pisa (4-3-3): Pelagotti, Rozzio, Mandorlini, Sini, Costa, Misuraca, Iori, Morrone, Frediani (Pellegrini 19' st), Finocchio (Stanco 34'st), Arma. A disp: Adornato, Pellegrini, Giovinco, Beretta, Nuti, Marcon, Stanco. All: Braglia.

Formazione Ancona (3-4-3): Aprea, D'Orazio, Parodi, Paoli, Maini (Cognini 1' st), Mallus (Barilaro 36' st), Di Ceglie, Sampietro (Pizzi 25' st), Tulli, Borbidelli, Bondi. A disp: Lori, Basilaro, Gelonese, Arcuri, Paponi, Pizzi, Cognini. All: Cornacchini.

Arbitro: Lorenzo Illuzzi (Molfetta), Francesco Semperboni (Bergamo), Marco Bresmes (Bergamo)

Marcatori: Iori (12' pt), Finocchio (4' st), Cognini (5' st)

Angoli: 3 - 0

Ammoniti: Maini (9' pt), Misuraca (24' pt), D'Orazio (39' st), Parodi (10' st), Morrone (11' st), Finocchio (28' st), Arma (29' st)

Espulsi: Paoli (40' st)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa - Ancona 2-1 | Ritorna la vittoria all'Arena, gol decisivo di Finocchio

PisaToday è in caricamento