Sport

Pisa – Bari 0-0 | La traversa ferma i nerazzurri

Varela ha un'occasione clamorosa nel secondo tempo, ma colpisce il legno. Nella prima davanti a Corrado la squadra di Gattuso convince e guadagna un altro punto sulla zona playout

La Curva Nord in occasione di Pisa - Bari

Se Varela avesse spinto dentro il pallone nell'occasione migliore della partita probabilmente saremmo a raccontare della prima vittoria del Pisa dell'era Corrado. Invece Lores colpisce la traversa e al 51' fallisce una specie di match point, in una gara che comincia su ritmi altissimi per poi spegnersi lentamente e arrivare al sesto 0-0 in campionato dei nerazzurri. La squadra di Gattuso avrebbe meritato qualcosa di più nel posticipo della 18esima giornata, ma 'Ringhio' non può non essere soddisfatto del terzo risultato utile consecutivo, contro una delle favorite per la promozione in Serie A. Un punto guadagnato attraverso un gioco propositivo, abbinato alla solita solidità difensiva. Il gol che arriva col contagocce (uno solo nelle ultime otto partite) continua a essere un problema, Ma la sensazione è che il Pisa abbia imboccato la strada giusta per la salvezza.

LA PARTITA. Gattuso sceglie un tridente inedito, con Gatto (all'esordio in campionato dal 1') e Varela a sostegno di Cani. Golubovic e Mannini sono gli esterni nel 3-4-2-1 che vede Del Fabro, Lisuzzo e Longhi in difesa. Un modulo praticamente a specchio rispetto a quello del Bari. Colantuono infatti disattende le indicazioni e sceglie la difesa a tre, per un 3-4-1-2 che davanti vede Brienza e De Luca alle spalle di Maniero. A centrocampo scelti Cassani e Daprelà sulle corsie laterali.

PRIMO TEMPO. Si comincia su ritmi indiavolati e le squadra collezionano subito un'occasione per parte. Al 4' Cani calcia in diagonale trovando la deviazione in corner di Di Cesare, mentre sul ribaltamento di fronte è De Luca a mandare fuori dal limite. Al 6' va vicino al gol il Bari, con il colpo di testa di Daprelà, che sfrutta la torre di Di Cesare da calcio d'angolo e di testa manda fuori di pochissimo. Gli 8.500 dell'Arena Garibaldi contribuiscono a rendere il clima infuocato, e col passare dei minuti è il Pisa a prevalere a centrocampo. Con una gara di sacrificio la squadra di Gattuso intercetta ogni pallone e affonda spesso grazie ai movimenti degli attaccanti, mentre nel Bari sono soprattutto gli strappi di Brienza e De Luca a creare problemi alla difesa nerazzurra. Può starci un rigore per il Pisa al 28': Di Cesare trattiene Del Fabro in area, ma l'arbitro lascia correre. Per un'azione da gol sfumata, i nerazzurri rischiano seriamente sul contropiede del Bari. Ci pensa Ujkani a salvare la porta deviando il diagonale di Maniero, poi sulla ribattuta Del Fabro riesce ad anticipare l'intervento di Brienza. Prima dell'intervallo Colantuono è costretto a giocarsi il primo cambio a causa dell'infortunio di Moras. Al posto del capitano biancorosso entra il giovane Capradossi al centro della difesa.

SECONDO TEMPO. La ripresa si apre con il Pisa all'attacco e più lucido nella manovra. Il Bari fa attenzione a coprire gli spazi e al 51' viene graziato dall'errore clamoroso di Varela, che in contropiede chiede l'uno-due a Gatto e riceve palla tutto solo davanti a Micai, ma calcia sulla traversa. Sul ribaltamento di fronte invece è Ujkani a respingere il tentativo da fuori di Fedele. La partita resta comunque nelle mani del Pisa e Gattuso prova a rinvigorire l'attacco inserendo Eusepi e Montella al posto di Cani e Gatto, che esce in preda ai crampi. Rispetto al primo tempo la partita è meno intensa. I nerazzurri continuano a stazionare nella metà campo pugliese e difendono bene, ma le occasioni da gol scarseggiano. Nemmeno il Bari punge e Colantuno manda dentro una punta più rapida come Boateng al posto di Maniero. Al 76' Eusepi riesce a trovare uno spiraglio e col sinistro calcia sull'esterno della rete, poi il Pisa si ritrova in superiorità per l'espulsione di Valiani. Il centrocampista riceve la seconda ammonizione per un fallo su Verna e costringe il Bari a un finale di sofferenza. Colantuono si copre con Romizi al posto di De Luca, mentre Gattuso prova a vincerla inserendo Peralta per Longhi e passando alla difesa al 4-2-3-1. Nell'assedio finale Micai salva i pugliesi al 92', deviando sopra la traversa il sinistro da fuori area di Varela.

PISA – BARI 0-0

PISA (3-4-2-1): Ujkani 6.5; Del Fabro 7, Lisuzzo 7, Longhi 6.5 (86' Peralta s.v.); Golubovic 6.5, Verna 6.5, Di Tacchio 6, Mannini 6.5; Varela 6.5, Gatto 6 (65' Montella 6); Cani 5.5 (61' Eusepi 5.5). A disp.: Cardelli, Giacobbe, Birindelli, Favale, Sanseverino, Fautario. All.: Gennaro Gattuso

BARI (3-4-2-1): Micai 6.5; Tonucci 7, Moras 6.5 (40' Capradossi 6.5), Di Cesare 6; Cassani 5.5, Valiani 5, Fedele 6, Daprelà 6.5; Brienza 6, De Luca 5.5 (83' Romizi s.v.); Maniero 5 (72' Boateng s.v.). A disp.: Ichazo, Gori, Fedato, Doumbia, Furlan, Castrovilli. All.: Stefano Colantuono

ARBITRO: Riccardo Ros di Pordenone, assistenti: Enrico Caliari di Legnago e Antonio Santoro di Catania

NOTE: ammoniti: Varela, Di Cesare, Cassani. Espulso all'82' Valiani. Angoli: 7-3. Recupero: 2' + 4'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa – Bari 0-0 | La traversa ferma i nerazzurri

PisaToday è in caricamento