Pisa - Chievo 1-1: le pagelle | Lisi magico, Benedetti e Caracciolo invalicabili

Il numero 23 trova il primo gol all'Arena con un destro da campione. I due centrali mettono la museruola all'attacco del Chievo; apprensione per Gori

Un punto guadagnato o un punto perso? Probabilmente, come ci hanno insegnato gli antichi Romani, la verità sta nel mezzo. Il Chievo per individualità e tasso tecnico fa vedere le azioni migliori, ma per intensità, personalità, coraggio e ritmo è il Pisa che fa la partita. Ne esce fuori un pareggio tutto sommato attinente all'andamento dei 96' giocati sul prato dell'Arena Garibaldi, anche se sull'1-1 finale pesano molto le decisioni arbitrali.

Soddimo espulso

Gori 7: ci rimette pure l'incolumità personale pur di sbarrare la strada a Djordjevic lanciato verso la sua porta. Non può nulla sulla magia di Meggiorini, poi risponde da campione sull'inzuccata di Segre tenendo a galla i compagni. Termina la partita con il collare contenitivo e la barella: in bocca al lupo.

Lisi 7 (il migliore): quando si ingobbisce e sprigiona tutti i suoi cavalli sulla fascia sinistra, tutta l'Arena trattiene il fiato in attesa che accada qualcosa di positivo. Invece lascia il segno non con la potenza ma di finezza, con un destro a giro dal limite dell'area che ricorda illustri predecessori.

Caracciolo 6.5: debutta al cospetto di un attacco che farebbe bene anche in categoria superiore. Non si scompone e con mestiere e qualità tampona tutte le falle del filtro di centrocampo.

Benedetti 6.5: impotente sull'invenzione di Meggiorini, per tutto il resto della partita è praticamente perfetto.

Birindelli 6: nel primo tempo Giaccherini gli fa venire il mal di testa. Nonostante la giovanissima età si aggrappa all'esperienza e rimane in partita con ludicità. Nel secondo tempo spinge in modo costante.

Gucher 6.5: va a sprazzi. Parte benissimo, sfiora il gol, poi va in difficoltà nella morsa di Giaccherini e Garritano. Nella ripresa comanda il gioco con personalità.

Marin 6: il Chievo lo assalta da tutte le parti. I palloni persi però si contano sulle dita di una sola mano. Meno brillante in fase di impostazione, ma oggi serviva l'elmetto da guerriero.

Pinato 6: come il compagno di reparto, anche lui viaggia a sprazzi. Nel primo tempo con la sua esuberanza fisica crea qualche scompiglio nelle maglie difensive del Chievo. (Dal 61' Soddimo 5: entra in campo con la voglia di 'spaccare' la partita. Finisce per scontare la foga agonistica con un rosso evitabile. Probabilmente la sanzione dell'arbitro è eccessiva, ma il numero 10 non fa niente per ingraziarselo).

Siega 6: nel vivo del gioco fino a che agisce da trequartista. Alla qualità individuale abbina anche un'ottima fase di pressione sui portatori di palla avversari. Più in affanno nel ruolo di mezzala.

Masucci 6: stavolta non riesce a trasformare in oro tutto ciò che tocca come gli era accaduto a Cremona. Solita prestazione di cuore e generosità, senza però calciare con pericolosità verso la porta. (Dall'82' Moscardelli sv).

Vido 6: prende una quantità industriale di botte e si mette a disposizione dei compagni. Negli ultimi sedici metri, però, si vede troppo poco. (Dal 54' Marconi 6: i difensori del Chievo lo seguono anche sotto la doccia dopo il fischio finale. Nonostante queste calde attenzioni, il numero 31 va a centimetri dal bersaglio grosso con il suo marchio di fabbrica: il colpo di testa in sospensione).

All. D'Angelo 6.5: il suo Pisa ormai è un concentrato di personalità, qualità e coraggio. Neanche di fronte ad un Chievo in giornata i suoi uomini si scompongono. Non vacillano nemmeno quando, dopo aver sfiorato il vantaggio, si ritrovano sotto alla prima giocata avversaria. I nerazzurri sbuffano, premono sull'acceleratore, caricano a testa bassa in sinergia con i decibel crescenti dell'Arena Garibaldi. La manovra non è pulita ed elegante come a Cremona, ma anche l'avversario ha uno spessore totalmente differente. Alla fine dei 96' arriva il quarto pareggio nelle ultime cinque partite e anche l'appuntamento con la vittoria casalinga è rimandato, ma il tecnico abruzzese può essere pienamente soddisfatto dall'approccio alla gara e dalla tenuta atletica e psicologica dei suoi calciatori.

Chievo

Semper 6.5, Renzetti 6, Cesar 6.5, Leverbe 6, Dickmann 6 (dal 73' Frey 6), Garritano 6, Esposito 6, Segre 6.5, Giaccherini 7 (dal 76' Vignato 6), Meggiorini 6.5 (dal 19' Djordjevic 5.5), Ceter 5.5. All. Marcolini 6.5

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Muore in bici travolto da un'auto

  • Travolto in bici da un'auto: la vittima aveva 22 anni

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Cede il fondo stradale: chiuso cavalcavia della superstrada

  • A Marina di Pisa sbarca il 'tempio' degli hamburger di qualità

Torna su
PisaToday è in caricamento