Sport

Pisa - Cosenza: le probabili formazioni | D'Angelo: "Tre punti vitali per chiudere il discorso salvezza"

Il tecnico nerazzurro spinge la squadra a ritrovare l'entusiasmo e la spensieratezza smarriti da qualche tempo. Un successo con il Cosenza darebbe la certezza virtuale della permanenza in Serie B, che si potrebbe fermare dal 25 aprile al 6 maggio

Via la paura, lo stress, l'ansia e la preoccupazione. Il Pisa vuole dimostrare che la squadra capace di incappare in tre sconfitte consecutive nel giro di dieci giorni è soltanto la lontana parente del complesso trascinante che, fino alla metà di marzo, aveva messo nel mirino la qualificazione ai playoff. La sfida con il Cosenza di domani, sabato 17 aprile (ore 14), è diventata d'improvviso cruciale anche nella corsa alla salvezza. Un obiettivo che, almeno sulla carta, sembrava di fatto in tasca, adesso è ritornato improvvisamente al centro dei pensieri. Il margine di sicurezza con la parte bassa della graduatoria è ancora ampio, ma i segnali negativi intravisti nelle ultime uscite hanno riaperto il fronte delle preoccupazioni. Conquistare i tre punti domani significherebbe, di fatto, la salvezza matematica.

"Ritroviamo compattezza ed entusiasmo"

Mancheranno ancora Gaetano Masucci e Marco Varnier, entrambi alle prese con il recupero dall'operazione al ginocchio. Il resto del gruppo si è allenato con convinzione sotto lo sguardo di Luca D'Angelo, che domani sconterà la seconda e ultima giornata di squalifica dopo il rosso rimediato in occasione della gara con il Lecce. Proprio il tecnico abruzzese introduce così il match di domani: "Il primo passo da compiere è evitare di incassare colpi nei primi minuti, come accaduto invece a Verona. La squadra sicuramente non ha giocato bene, ma ha dimostrato comunque tanta voglia di recuperare il risultato".

D'Angelo fa anche un mea culpa sul rendimento dei suoi uomini: "Dopo la sosta ero convinto di poter puntare ai playoff. Abbiamo ricevuto invece segnali in senso opposto e quindi, ora come ora, dobbiamo pensare esclusivamente a ottenere i punti che mancano per centrare la conferma in categoria". Anche se la porta a traguardi più ambiziosi non viene chiusa: "Abbiamo ancora sei partite di fronte a noi e dovremo spingere al massimo. I colpi di scena sono all'ordine del giorno in questo campionato, influenzato in primis dalla pandemia. Noi dobbiamo pensare esclusivamente al campo".

D'Angelo insiste: "La prestazione incide al 99% sul risultato finale. All'interno ci metto tutto: qualità, entusiasmo, organizzazione, determinazione, cattiveria agonistica. Nelle ultime settimane alcune di queste componenti sono mancate, ma il mio gruppo è composto da uomini veri, uniti e fortemente coesi attorno al bene della squadra e della piazza".

Ultime chance per la salvezza

All'Arena Garibaldi arriva un Cosenza con le spalle al muro. Le possibilità di centrare un'altra, clamorosa, salvezza di rincorsa sono pochissime. Dopo l'impresa della passata stagione, mister Occhiuzzi anche in questo campionato si è ritrovato a guidare una formazione costantemente alle prese con la lotta per evitare i playout. Con 32 punti in 33 giornate il quadro è decisamente critico: le chance di riagganciare la zona tranquilla, per il mantenimento della categoria senza passare dalla lotteria degli spareggi, passano tutte (o quasi) per la gara di domani.

L'arbitro e le curiosità della partita

La gara sarà diretta da Rosario Abisso: il fischietto palermitano ha arbitrato i nerazzurri nella vittoriosa trasferta di Monza dello scorso febbraio (0-2, doppietta di Simone Palombi). Il bilancio complessivo del Pisa con questo direttore di gara è quasi in perfetta parità: 3 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte.

I nerazzurri arrivano alla sfida con la terribile striscia di tre sconfitte consecutive alle spalle. Nelle ultime dieci giornate gli uomini di Luca D'Angelo hanno raccolto 12 punti, mentre il Cosenza ha percorso appena 9 lunghezze. I calabresi non vincono in trasferta dal 30 gennaio, quando violarono il campo della Virtus Entella. Nell'ultimo degli 8 precedenti ufficiali disputati all'Arena, disputato il 22 dicembre 2019, i rossoblu si imposero 3-1: il Pisa non batte il Cosenza dal febbraio del 1994 (3-0 in Serie B). Complessivamente il bilancio evidenzia 3 vittorie del Pisa, 2 successi del Cosenza e 3 pareggi.

Slittamento delle ultime giornate

Il focolaio esploso in casa Pescara e lo stop a tutte le attività sportive imposto alla formazione biancazzurra dalla Asl locale ha gettato nello scompiglio l'intera Serie B. Ancora una volta il campionato è finito nel turbinio delle interpretazioni sanitarie, con il protocollo sottoscritto da tutte e 20 le società a inizio stagione lasciato nel cassetto. Un ordine sparso di decisioni e posizioni che ha imposto all'assemblea della Lega B un riallineamento deciso e forzato, nell'ottica di salvaguardare la regolarità del finale di stagione.

La decisione alla quale sono arrivati i consiglieri della Lega B è di fermare il campionato dal 25 aprile al 6 maggio, mettendo in ghiaccio, di fatto, soltanto la giornata prevista per il 1 maggio. In questo lasso di tempo dovrebbero essere disputati diversi recuperi, fra i quali la trasferta del Pisa in casa del Pordenone. Il nuovo calendario nerazzurro dovrebbe (il condizionale è obbligatorio) apparire così: 

- 17 aprile, 33° Pisa - Cosenza ore 14
- 20 aprile, 35° Frosinone - Pisa ore 17
- 24 aprile, 36° Pisa - Venezia orario da definire
- 27 aprile, recupero 30° Pordenone - Pisa ore 16
- 7 maggio, 37° Brescia - Pisa orario da definire
- 10 maggio, 38° Pisa - Virtus Entella orario da definire

Le probabili formazioni

Pisa (4-3-1-2): Gori; Birindelli, Benedetti, Caracciolo, Beghetto; Gucher, Quaini, Marin; Sibilli; Palombi, Marconi. All. D'Angelo

Cosenza (3-4-1-2): Falcone; Ingrosso, Idda, Tiritiello; Corsi, Sciaudone, Kone, Crecco; Bahlouli; Gliozzi, Sacko. All. Occhiuzzi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa - Cosenza: le probabili formazioni | D'Angelo: "Tre punti vitali per chiudere il discorso salvezza"

PisaToday è in caricamento