Pisa - Cremonese 4-1: le pagelle | Uragano Lisi a sinistra, Marconi bomber implacabile

Nerazzurri troppo forti, la Cremonese viene spazzata via. Lisi sulla fascia sinistra travolge tutti, Marconi gioca a tutto campo: costruisce, protegge, gonfia la rete

Da stropicciarsi gli occhi per la meraviglia. Il Pisa fa sognare i suoi tifosi. Poco importa se siamo appena alla terza di campionato: i nerazzurri hanno superati indenni un primo mini-ciclo di ferro, rifilando addirittura quattro reti a una delle più grandi accreditate per la vittoria finale del torneo. Tutto ciò senza mai discostarsi dalle caratteristiche evidenziate ormai da nove mesi: organizzazione di gioco, brillantezza fisica, personalità e intensità agonistica. 

Imprendibili

Gori 7: praticamente sonnecchia per tutta la partita, non potendo praticamente fare niente sul tocco ravvicinato di Mogos in occasione del gol del 3-1. Poi diventa Superman quando vola a deviare lontano dai pali il destro di Palombi che avrebbe potuto complicare la serata.

Meroni 6.5: dalla sua parte spesso incrocia Ciofani, e il centrale nerazzurro lo annulla con precisione. Peccato per il duello perso con Soddimo in occasione del gol dei grigiorossi. (Dal 72' Birindelli 6.5: un paio di discese palla al piede che creano scompiglio nella retroguardia della Cremonese).

De Vitis 7: vederlo uscire palla al piede o anticipare il centravanti avversario a testa alta è un piacere per gli occhi. Perfetto in tutte le letture del gioco. (Dal 65' Varnier 6.5: debutto in nerazzurro per l'ex Cittadella. Si piazza al centro della difesa a protezione del risultato).

Aya 7: un muro. Dalla sua parte sbattono senza risultati tutti gli avversari. 

Lisi 8: una furia. Come un uragano, abbatte tutto ciò che si frappone fra lui e l'area di rigore avversaria. Se poi inizia anche a sfornare assist al bacio come quello offerto a Marconi per il 2-0, sono veramente dolori per chiunque.

Marin 7: è un classe '98, ma gioca con la tranquillità di un vecchio bucaniere della mediana. Corre, 'morde', disegna assist (si veda il gol di Masucci): indispensabile per questo Pisa. (Dal 55' Siega 7: si cala immediatamente nella partita senza far rimpiangere il compagno sostituito. Contribuisce alla costruzione delle perfette geometrie in mezzo al campo, e si concede l'assist per il quarto gol della serata).

Gucher 8: un maestro. Ogni altra parola o definizione è superflua. A tratti sembra giocare con il frac per l'eleganza delle giocate e la pulizia dei passaggi.

Verna 7.5: prima si mangia due gol davanti al portiere avversario, poi chiude i conti con un bel sinistro nell'angolino dopo aver messo a sedere un difensore. Nel mezzo la solita prestazione fatta di corsa e recuperi della palla.

Belli 6.5: concede meno allo spettacolo rispetto a Belli, ma azzera anche i pericoli potenziali sulla sua fascia. Chiude da difensore centrale contribuendo a difendere il successo rotondo.

Masucci 7.5: perfetto nella scelta del tempo per anticipare il diretto marcatore e siglare la prima rete personale dell'anno. Svaria su tutto il fronte offensivo e si concede il lusso di far partire l'azione del 2-0 andando a recuperare palla al limite dell'area nerazzurra.

Marconi 8.5: mostruoso. Potenza, tecnica, intelligenza: il centravanti nerazzurro è in stato di grazia. Il destro a giro dal limite dell'area è una perla di rara bellezza.

All. Taddei 8: il Pisa va che è una meraviglia per gli occhi e per il cuore. Potrebbe essere tutto un grande sogno, ma fino a che la notte dura con queste note dolci della vittoria in sottofondo, non svegliateci. Anche al cospetto di una corazzata, la squadra gira a mille all'ora senza sbandare mai, trovando geometrie e meccanismi perfetti. La corsa dei risultati utili consecutivi continua: siamo arrivati a 26. L'ultima sconfitta risale al 23 gennaio: quasi nove mesi nei quali i nerazzurri hanno asfaltato tutto ciò che si è messo sul loro cammino. Arriveranno tempi duri. E' inevitabile in un campionato durissimo come la B. Ma fino a quel momento non svegliateci.

Travolti

Agazzi 6, Caracciolo 5, Claiton 5, Bianchetti 4.5, Migliore 5.5 (dal 75' Palombi 6), Valzania 4.5, Castagnetti 5, Kingsley 5 (dal 62' Deli 5.5), Mogos 6.5, Ciofani 4.5, Ceravolo 4.5 (dal 56' Soddimo 6.5). 

All. Rastelli 4.5: "abbiamo fatto 25 tiri in porta, di cui 14 dall'interno dell'area di rigore". Sono le parole utilizzate dal tecnico grigiorosso al termine del match per fotografare la prestazione della sua squadra. Probabilmente la furia agonistica e lo strapotere tecnico-tattico dei nerazzurri ha travolto anche la panchina della Cremonese. Troppo molli e forse un pizzico supponenti nella prima mezz'ora, quando il Pisa arriva in porta da tutte le direzioni, i grigiorossi vengono mandati definitivamente al tappeto nell'arco di cinque minuti grazie alla doppietta di Marconi nella ripresa. Il gol di Mogos serve soltanto a rendere meno amara una serata nerissima.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 19 e 20 ottobre

Torna su
PisaToday è in caricamento