Sport

Pisa - Lucchese: le probabili formazioni | Pazienza: "Lo spirito della squadra è quello giusto. Domani servirà la stessa cattiveria"

Il tecnico nerazzurro è pienamente soddisfatto del percorso del suo spogliatoio. Contro la Lucchese oltre alle assenze di Birindelli, Ingrosso e Lisi potrebbero aggiungersi anche altre assenze, dovute a diversi acciacchi da valutare

Sarà sicuramente una domenica ricca di emozioni quella che attende i tifosi nerazzurri: domani, 25 febbraio, il Pisa ospiterà all'Arena Garibaldi la Lucchese. Si giocherà così il 50° 'derby del Foro' in terra pisana della storia: una partita che dovrà darci l'auspicata conferma sull'ulteriore maturazione del gruppo di Michele Pazienza. I nerazzurri dopo la rocambolesca vittoria sarda con l'Arzachena di sei giorni fa, sono chiamati a ripetere il successo per mettere ancora più pressione al Livorno capolista ed al Siena secondo, distanti rispettivamente 4 e 2 punti.

Assenze in difesa e diversi acciaccati

Il Pisa dovrà andare alla ricerca dell'ottavo risultato utile consecutivo senza due pedine fondamentali del girone di ritorno: non saranno infatti della partita né Birindelli né Lisi, appiedati dal giudice sportivo. Inoltre mancherà anche Ingrosso, pilastro della difesa dall'inizio del campionato, per il problema alla spalla accusato domenica scorsa. Pazienza dovrà così rivedere metà del pacchetto arretrato, dovendo scegliere se affidarsi alla sicurezza (Mannini) o alla freschezza della gioventù (Setola). La squadra però ha lavorato comunque con un grande entusiasmo, come conferma il tecnico: "Per la mole di gioco proposta abbiamo meritato la vittoria. Ci hanno creduto fino alla fine, attraversando dieci minuti di black out che ci hanno fatto rischiare parecchio".

"Di qui alla fine giocheremo partite molto pesanti. Quello con la Lucchese sarà un derby, ma per il resto sarà una gara come le altre che rimangono". L'allenatore nerazzurro non si fida della classifica della Lucchese, che vale di più dei punti finora ottenuti. "Dovremo giocare con lo stesso spirito avuto con il Prato e l'Arzachena. Le partite finiscono al 95', e mai prima". Pazienza chiede ai suoi ragazzi anche quel pizzico di carattere e spregiudicatezza in più mostrati nelle ultime uscite, "perché soltanto così ci potremo avvicinare al nostro obiettivo".

Passando agli aspetti di campo, Pazienza spiega che Petkovic è pienamente recuperato, ma al momento non ha ancora riacquisito completamente la serenità: tra i pali per cui sarà ancora la volta di Voltolini. Mannini invece dovrebbe spuntarla su Setola per il ruolo di terzino destro, aprendo le porte per una maglia da titolare a Giannone sull'esterno offensivo al posto di Lisi. Al netto delle assenze certe, inoltre, ci sono anche altri giocatori che non sono al massimo della condizione. L'allenamento di rifinitura di oggi pomeriggio, e le valutazioni dello staff medico saranno decisive per la lista dei convocati e di chi potrebbe giocare. "Chiunque scenderà in campo, comunque, lo farà per ottenere il massimo - commenta Pazienza - il gruppo che ho a disposizione ha dei valori umani altissimi".

"In assoluto abbiamo l'obiettivo di realizzare cose straordinarie nel girone di ritorno, migliorandoci costantemente. Con i ragazzi ci siamo posti questo traguardo al rientro dalla pausa invernale, e siamo determinati ad arrivarci".

Per l'orgoglio rossonero

Dopo la strepitosa stagione appena trascorsa, conclusasi con la sconfitta nei quarti di finale dei playoff per la promozione in B, la Lucchese quest'anno sta faticando molto di più sia in campo che fuori. Se di qua dal Foro il cielo, a livello societario, è sereno come non mai, dall'altra parte della galleria le nubi grigie e minacciose non hanno mai abbandonato la città del 'garbo'. Il club rossonero non naviga in buone acque, dovendo fare fronte praticamente ogni mese a difficoltà di pagamento degli stipendi e delle ritenute. Il Ds Obbedio (ex Pisa da giocatore) e mister Lopez si stanno impegnando realmente al limite del possibile per dare normalità e tranquillità allo spogliatoio e, di riflesso, all'ambiente. Ma oltre alle problematiche extra campo, anche dal rettangolo verde sono arrivati troppi grattacapi.

La 'Pantera' arriverà a Pisa reduce dallo scialbo pareggio interno (0-0) con il Cuneo. Gli attuali 27 punti collocano la squadra al quartultimo posto, in piena lotta playout. La tifoseria ha chiesto ai giocatori una prova di orgoglio sul prato dell'Arena Garibaldi, con la speranza che possa fungere anche da viatico per il finale di campionato. La formazione rossonera ormai punta con decisione al mantenimento della categoria senza passare per gli spareggi, e domani andrà alla ricerca almeno di un punto. Mister Lopez disporrà i suoi uomini con il consueto 3-5-2, per mettere in difficoltà il Pisa con un centrocampo folto e muscolare. La Lucchese proverà ad affondare soprattutto con gli esterni, sfruttando la corsa di Nolè e Cecchini nelle ripartenze. Proprio in virtù degli spazi che i nerazzurri potrebbero concedere, mister Lopez sta valutando l'inserimento di Shekiladze in attacco al fianco di Fanucchi, con Del Sante leggermente sfavorito.

L'arbitro e alcune curiosità statistiche della partita

Il 'derby del Foro' è stato affidato al signor Alessandro Prontera della sezione di Bologna. Il fischietto emiliano è uno dei direttori di gara più esperti ed affidabili di tutto il panorama della terza serie, trovandosi a disputare la sua quinta stagione consecutiva in questa categoria. Curiosamente però per Prontera quello di domani sarà il debutto assoluto con il Pisa, mentre con la Lucchese si registrano due precedenti, entrambi dello scorso campionato: sconfitta ad Alessandria e vittoria interna con la Carrarese.

Il Pisa arriva alla sfida forte dei sette risultati utili consecutivi e dei 15 punti finora ottenuti nel girone di ritorno. In casa le vittorie di fila sono tre, ed i nerazzurri sono determinati ad allungare questa striscia. Fra le mura amiche la squadra di Pazienza vanta il secondo miglior andamento, dietro al Livorno, con sole 7 reti incassate in 12 gare. La Lucchese invece giunge all'appuntamento con il derby in uno stato di forma disastroso. La vittoria manca agli uomini di Lopez dal 18 novembre (2-1 in casa dell’Arzachena): dopo sono arrivati soltanto 4 pareggi e 6 sconfitte. Lontano dal 'Porta Elisa' la Lucchese ha racimolato soltanto 13 punti, frutto di 3 vittorie, altrettanti pareggi e ben 7 sconfitte.

Come già anticipato, quello di domani sarà il 50° scontro diretto fra le due società sul prato dell'Arena. Il primo incontro andò in scena il 30 novembre 1913 nel campionato di Prima Categoria Toscana (vittoria rossonera), e venne disputato ininterrottamente fino al 1964 in Prima Divisione, e poi in Serie C e anche Serie B. Principalmente però il derby è stato giocato in terza serie: sono addirittura 26 i precedenti in questo campionato, a fronte dei 9 incontri in Serie B. L'ultima sfida venne decisa da una doppietta di Varela nel secondo tempo: era il 29 novembre 2015, ed il Pisa si impose 2-1. La Lucchese invece non sbanca l'Arena Garibaldi dal 6 aprile 2005 (1-2), ed in generale vanta una tradizione decisamente negativa in terra pisana. Il bilancio complessivo infatti parla di 26 vittorie nerazzurre, a fronte delle 9 rossonere, con 14 pareggi.

Le probabili formazioni

Pisa (4-2-3-1): Voltolini; Filippini, Sabotic, Carillo, Mannini; Gucher, Izzillo; Di Quinzio, Negro, Giannone; Masucci. All. Pazienza

Lucchese (3-5-2): Albertoni; Capuano, Bertoncini, Espeche; Nolè, Arrigoni, Mingazzini, Buratto, Cecchini; Fanucchi, Shekiladze. All. Lopez

Pisa probabile formazione 25 febbraio 2018-2

Lucchese probabile formazione 25 febbraio 2018

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa - Lucchese: le probabili formazioni | Pazienza: "Lo spirito della squadra è quello giusto. Domani servirà la stessa cattiveria"

PisaToday è in caricamento