Pisa - Monza 1-1 | Cuore nerazzurro, Marconi trascina il Pisa contro la corazzata brianzola

Il bomber nel finale di gara riacciuffa il Monza in una partita che rispecchia l'andamento dell'avvio di stagione del Pisa. Occasioni, una traversa, ma è servita la zampata del centravanti per conquistare il pareggio

Lo specchio dell'avvio di stagione del Pisa è l'andamento della sfida con il Monza: i nerazzurri fanno la partita, collezionano tre nitide occasioni nella prima parte del match e vengono puniti alla prima vera azione degli avversari. La serata sembra volgere al peggio quando anche la meraviglia di Lisi sbatte all'incrocio dei pali, ma se c'era bisogno di una risposta sul piano caratteriale e dell'organizzazione da parte degli uomini di D'Angelo, questa è arrivata. Tenacia, cattivera e voglia: l'appuntamento con la vittoria è rimandato, il terzo pareggio in quattro partite porta il Pisa a quota 3. Ma il morale si è risollevato.

E' un primo tempo di livello, vibrante e coinvolgente nonostante si vada al riposo sullo 0-0. Il Monza scende in campo per imporre gioco, ritmo e fisico, ma è il Pisa che costruisce le migliori occasioni. Prima Palombi, Lisi e Gucher misurano i riflessi di Sommariva dal limite dell'area, e poi è Marconi che all'altezza del dischetto sfiora il vantaggio con una girata al volo. Alla mezz'ora il Monza si presenta con più convinzione dalle parti di Perilli, che è bravissimo a deviare in corner la rasoiata di Frattesi e la bordata di Barillà. Ma il finale della prima frazione porta ancora la firma nerazzurra: Palombi raccoglie il suggerimento di Mazzitelli ma non riesce ad angolare abbastanza, con Sommariva che blocca il rasoterra a terra. E prima dell'intervallo i due centravanti dialogano: sponda di testa di Palombi, zampata di Marconi e palla a lato di centimetri. E come accade quasi sempre nel calcio, la doccia fredda è dietro l'angolo e si materializza all'alba del secondo tempo. I brianzoli si affacciano per la prima volta nell'area nerazzurra e siglano il vantaggio con Frattesi: rasoterra imparabile per Perilli. Il Pisa accusa il colpo e fatica a creare i presupposti per il pareggio. E quando Lisi dal limite dell'area pesca l'incrocio dei pali tanti fantasmi calano sull'Arena Garibaldi. Ma la squadra di Luca D'Angelo ha un cuore enorme un centravanti che fa la differenza in Serie B: Marconi risolve una mezza mischia nell'area lombarda con un destro chirurgico che si spenge all'angolino. Il pareggio ridà vigore ai nerazzurri per l'assalto dei dieci minuti finali ma il Monza, seppur piegato dalla fatica, resiste e protegge la porta.

La partita

A capofitto nel campionato, senza tregua e nonostante l'epidemia di coronavirus continui a picchiare piuttosto duro. D'altronde, basta scorrere la lista delle assenze tra le fila del Monza per capire la reale portata che questa variabile può recitare nel torneo. E poi ci sono le problematiche più 'tradizionali', come quelle che il Pisa si è ritrovato ad affrontare nei giorni scorsi dopo la batosta di Salerno: una sconfitta pesante da metabolizzare e mettersi alle spalle rapidamente per riprendere la marcia.

Niente da fare per Luca Vido: il bomber ha provato fino all'ultimo ma il fastidio muscolare è ancora forte. E quindi il numero 19 non si accomoda neppure in panchina: al suo posto debutta dal 1' Palombi al fianco di Marconi, supportati da Gucher schierato nell'insolita posizione di trequartista. Conferma anche per Mazzitelli in mezzo al campo e in difesa torna Varnier dopo la quarantena post Nazionale. Tante assenze anche nel Monza, dove però spicca la presenza di Kevin Prince Boateng in attacco accanto a Finotto.

Schermaglie tattiche nel primo quarto d'ora con il Monza che cerca di imporre il maggiore tasso tecnico e il Pisa che risponde con attenzione e cattiveria agonistica. E infatti le prime tre conclusioni portano la firma di giocatori nerazzurri: Palombi, poi Lisi e Marconi dal limite dell'area non trovano i pali difesi da Sommariva. Sembra una gara opposta rispetto a quella di tre giorni fa a Salerno: stasera sono i nerazzurri che attendono l'errore degli avversari per distendersi in profondità sfruttando le sponde di Marconi e il dinamismo di Gucher, Palombi e Siega.

Al 25' un'azione tambureggiante del Pisa si esaurisce con la bella girata di Marconi nel cuore dell'area brianzola: Sommariva è tagliato fuori ma la palla sibila vicinissima al palo. E due minuti dopo è ancora il bomber che riceve il suggerimento di Lisi ai 16 metri: destro al volo che termina altissimo. Gli uomini di D'Angelo insistono con la loro pressione sulla trequarti biancorossa e al 31' costruiscono l'azione migliore della prima frazione. Mazzitelli al limite imbuca per Palombi che è bravo a stoppare la palla e mettersi davanti al suo marcatore. Poi però il numero 9 non angola abbastanza e Sommariva blocca il rasoterra. Un minuto dopo, dalla parte opposta, ci prova Frattesi col destro a giro: superlativo Perilli a deviare in corner.

Ancora Monza al 38' con una manovra avvolgente che dalla destra si esaurisce con la conclusione di Barillà dal vertice opposta dell'area di rigore: ancora Perilli a smanacciare sulla parte superiore della traversa. Però la seconda occasionissima della serata viene ancora confezionata dal Pisa, che al 43' va ancora a centimetri dal vantaggio. Siega crossa profondo sul secondo palo dove si alza in volo Palombi: la sua sponda trova il tocco di prima di Marconi che non crede ai suoi occhi. La palla sfila sul fondo.

Le squadre tornano in campo con gli stessi interpreti ma la doccia fredda per i nerazzurri è terribile. Boateng e Machin lavorano il pallone sulla trequarti sfruttando un posizionamento non perfetto della difesa: la palla viene allargata a Frattesi che dal limite ha il tempo di prendere la mira e infilare l'incolpevole Perilli. Monza in vantaggio al 46'. I nerazzurri accusano il colpo e ci mettono un po' a ritrovare il giusto assetto in campo. Il Monza gestisce la palla e la pressione poco convinta degli avversari senza grossi affanni, e così D'Angelo corre ai ripari. Nella parte centrale della ripresa entrano Soddimo, Masucci e Marin per dare esperienza e peso alla squadra in campo.

Servirebbe una scintilla per accendere un inizio di stagione bagnato dalla sfortuna, ma proprio la dea bendata sembra non sorridere ai nerazzurri. E così al 72' Lisi lascia partire un bolide dalla sinistra che lascia di stucco Sommariva: traversa piena e palla che torna in campo. D'Angelo si gioca le residue sostituzioni gettando nella mischia Alberti in avanti e Pisano sulla fascia destra. All'82' Marin alza la testa dalla zona centrale del campo e scodella in area dove Alberti crea scompiglio. Paletta e Sommariva non si capiscono, la palla rimane a centro area e arriva come un rapace Marconi: palla in buca, 1-1.

Nei cinque minuti di recupero il Pisa tenta il colpaccio con il Monza che sembra sulle gambe rispetto ai nerazzurri. Sono tanti gli uomini del Pisa nella metà campo brianzola, ma non accade di fatto niente di rilevante.

Il tabellino

Pisa - Monza 1-1

Pisa (4-3-1-2): Perilli; Lisi, Varnier, Caracciolo, Birindelli (79' Pisano); Mazzitelli, De Vitis (57' Marin), Siega (68' Soddimo); Gucher (79' Alberti); Palombi (68' Masucci), Marconi. All. D'Angelo

Monza (4-3-1-2): Sommariva; Lepore, Bellusci, Paletta, Lepore; Frattesi (79' Armellino), Barberis, Barillà; Machin (71' Colpani); Boateng (79' D'Errico), Finotto (63' Mota). All. Brocchi

Reti: 46' Frattesi (M), 82' Marconi (P)

Ammoniti: Bellusci (M), Lisi (P), Caracciolo (P), Armellino (M), Pisano (P)

Note: arbitro Marco Piccinini; angoli 1-7 (0-5); recupero 0' e 5'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento