Sport

Pisa - Pistoiese 3-3 | Gol ed emozioni: al 94' i nerazzurri gettano clamorosamente al vento la vittoria

Prima frazione pirotecnica, con ben quattro reti segnate in mezz'ora. Nel secondo tempo il Pisa gioca ad una porta sola, ma ad un secondo dalla fine un errore di Petkovic consegna agli ospiti un pareggio ingiusto

Tempo di derby in casa nerazzurra. Tempo di debutti ufficiali, e di prime volte all'Arena Garibaldi. Il Pisa alle 16.30 scende in campo per chiedere strada (e provare ad acciuffare tre punti vitali) alla Pistoiese, nel derby valido per la 12° giornata del Girone A di Serie C. Michele Pazienza vivrà la sua prima gara con i gradi di allenatore sul petto. Dopo le due gare vissute da tecnico 'ad interim' della truppa nerazzurra, la dirigenza dello Sporting Club ha deciso di affidargli definitivamente lo spogliatoio. Sul terreno zuppo d'acqua a causa della fittissima piogga caduta senza soste durante l'intera mattinata, Mannini e compagni proveranno a conquistare la vittoria ed l'undicesimo risultato utile consecutivo per proseguire nella rincorsa al primo posto.

La partita

Mister Pazienza deve correre ai ripari a causa delle assenze dell'ultimo minuto nel pacchetto difensivo: out i due centrali Carillo e Ingrosso, e disposizione con una linea a quattro praticamente obbligata. Dentro quindi Birindelli, Sabotic, Lisuzzo e Birindelli. Capitan Mannini scala nella linea dei mediani, al fianco di Gucher e De Vitis. Dietro all'ariete Eusepi giostrano infine Masucci e Negro, per un 4-3-2-1 che in fase offensiva può diventare anche un 4-3-1-2. 

Paolo Indiani invece non sconfessa il suo impianto tattico di base, schierando gli arancioni con un 3-5-1-1 coperto, pronto a sfruttare gli spazi nelle ripartenze. Davanti alla promessa azzurra Zaccagno giostreranno Zullo, Mulas e Rossini. Diga centrale costituita da Quaranta, Vrioni e Luperini, con Regoli e Minardi a presidiare le fasce laterali. Dietro all'unica punta Zappa si muove Hamlili.

La partita prende il via sotto un cielo plumbeo, e su un terreno fortemente appesantito dalla pioggia battente che è scesa con violenti scrosci sin dalla mattina su Pisa. Pronti-via, ed i nerazzurri vanno sotto dopo una sanguinosa palla persa da Filippini in mezzo al campo, che apre la ripartenza arancione guidata da Zappa. La punta allarga per Vrioni, che riceve palla sullo spigolo sinistro dell'area di rigore, e lascia partire un rasoterra precisissimo che muore nell'angolino opposto. Al 4' vantaggio della Pistoiese all'Arena Garibaldi. La partita è bellissima in avvio, e vive immediatamente il secondo sussulto. Masucci guida la carica, si guadagna un angolo su una bella azione personale, e di testa riesce a riportare in parità il parziale. E' l'8', Negro raccoglie la ribattuta corta della difesa arancione sulla sua battuta, e pennella dalla destra una parabola perfetta che Masucci, in mezzo all'area, spedisce sotto all'incrocio dei pali.

Il Pisa prende coraggio dal pareggio, e al 11' reclama a gran voce per un penalty. Gucher sventaglia sulla fascia sinistra per lo scatto di Mannini. Il capitano brucia sul tempo Quaranta ed entra in area: il difensore lo tampona vistosamente da dietro, il numero 7 nerazzurro crolla a terra, ma il signor Mei lascia correre senza accordare la massima punizione. E' soltanto la prova per il raddoppio, che si concretizza al 14' con un'azione simile, che si sviluppa però sulla fascia destra. Birindelli offre un pallone prezioso a Negro alle spalle della difesa arancione: l'attaccante dal fondo vede arrivare di gran carriera Mannini in mezzo all'area, e lo assiste con un lob dolce. Il capitano di piattone insacca sul palo più lontano con un rasoterra lento ma inesorabile: parziale ribaltato dopo un solo quarto d'ora.

Sabotic però nella zona destra del pacchetto difensivo nerazzurro soffre le sovrapposizioni di Vrioni e Zullo: la Pistoiese attacca prevalentemente in quella porzione di campo, mettendo in mostra un palleggio coraggioso e propositivo. Al 23' ci pensa Petkovic ad offrire una palla gol pazzesca agli arancioni, dando eccessiva confidenza al pallone con i piedi. La pressione di Hamlili in area è vincente, e riesce a sradicargli la sfera consegnandola ancora a Vrioni. La conclusione del numero 8 stavolta è chiusa dalla chiusura di Lisuzzo e dello stesso portiere serbo. Dopo questo brivido i nerazzurri riescono a sistemarsi meglio in campo, limitando al minimo sindacale la manovra pistoiese. Masucci, Negro ed Eusepi sulla trequarti ospite riescono a giostrare la sfera con grande rapidità, senza però riuscire a trovare il suggerimento finale vincente.

Dal nulla però la Pistoiese pesca il pareggio al 36', capitalizzando al massimo un rimpallo fortunato. Regoli raccoglie la respinta di Sabotic, e dal limite di prima intenzione scaglia  un rasoterra ancora imprendibile per Petkovic. Tutto da rifare per i nerazzurri, puniti non appena hanno calato leggermente i giri del loro motore. Inoltre il Pisa per la prima volta in stagione subisce due reti nella stessa partita. Si va all'intervallo con questo punteggio, ingiusto per quanto fatto vedere dai nerazzurri in termini di gioco e voglia di costruire occasioni da gol. Brava la Pistoiese a sfruttare al massimo le due incertezze, insolite, commesse dalla retroguardia guidata da Lisuzzo.

I nerazzurri scendono in campo nella seconda frazione determinati a tornare in vantaggio, e colgono un palo clamoroso al 48'. Mannini si guadagna una punizione sul lato corto dell'area arancione. La battuta di Negro è per Filippini, appostato al limite: il mancino del terzino sinistro trova la risposta poco convinta di Zaccagno, che lascia la palla nella disponibilità di Lisuzzo. Il centrale da posizione defilata calcia a botta sicura, ma trova il palo. Il pallino del gioco è stabilmente in mano alla squadra nerazzurra, con la Pistoiese che si abbassa sistematicamente nella propria metà campo, lasciando i soli Zappa e Vrioni ad infastidire la difesa del Pisa. Masucci e Negro sono nel vivo della manovra, entrando in quasi tutte le azioni palla a terra della squadra. La difesa predisposta da Indiani però riesce a reggere l'urto nei primi venti minuti del secondo tempo.

Il Pisa continua a spingere a testa bassa, mettendo in mostra un tasso tecnico di gran lunga superiore agli avversari. Al 67' tutta l'Arena grida al gol, ma l'errore di Eusepi è incredibile. Negro lavora un ottimo pallone al limite, servendo nello spazio De Vitis, tutto solo sulla destra. Il cross rasoterra del centrocampista taglia l'area piccola, e deve esoltanto essere spinto in rete. Ma né Masucci (in leggero ritardo) né Eusepi - tocco sballato sulla riga di porta - riescono a chiudere l'azione. Si intensificano i contatti, con la Pistoiese che inizia ad accusare lo sforzo fisico e ricorre alle maniere forti per fermare le folate offensive del Pisa, senza che però il signor Mei sventoli alcun cartellino giallo.

I nerazzurri anche nei minuti finale provano a portare l'assedio alla porta difesa da Zaccagno, sfiorata all'84' da una rasoiata di Gucher dai venti metri. Trascorrono soltanto sessanta secondi, e la difesa arancione capitola al termine di un'azione insistita di De Vitis ed Eusepi. Il centrocampista serve il centravanti con un tocco a scavalcare la difesa, la palla balla in mezzo a due rimpalli e termina nuovamente sul destro dell'ex Latina. Il numero 30 dall'area piccola non sbaglia, e di potenza conclude nell'angolino basso: 3-2 ed Arena Garibaldi che si trasforma in una polveriera. Le emozioni, purtroppo, non sono finite. Nell'ultima punizione conquistata, la Pistoiese riesce a sfruttare il terzo svarione del Pisa. Petkovic esce al limite dell'area provando a bloccare la sfera, ma nel traffico perde il controllo. Zullo, di spalle alla porta, si inventa una rovesciata incredibile che va a finire beffardamente sotto la traversa, siglando così il 3-3 finale.

Le pagelle

Il tabellino

Pisa - Pistoiese 3-3

Pisa (4-3-2-1): Petkovic; Filippini, Lisuzzo, Sabotic, Birindelli (53' Zammarini); Mannini, Gucher, De Vitis; Masucci (87' Maltese), Negro (70' Di Quinzio); Eusepi. All. Pazienza

Pistoiese (3-5-1-1): Zaccagno; Mulas, Rossini, Zullo; Regoli, Quaranta, Vrioni (69' Ferrari), Luperini, Minardi; Hamlili; Zappa (75' Surraco). All. Indiani

Reti: Vrioni (Pt) 4', Masucci (Pi) 8', Mannini (Pi) 14', Regoli (Pt) 36', De Vitis (Pi) 85', Zullo (Pt) 94'

Ammoniti: Regoli (Pt), Filippini (Pi), Eusepi (Pi)

Note: arbitro Andrea Mei; angoli 4-4 (2-2); recupero 0' e 4'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa - Pistoiese 3-3 | Gol ed emozioni: al 94' i nerazzurri gettano clamorosamente al vento la vittoria

PisaToday è in caricamento