menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pisa - Reggiana: le probabili formazioni | Molti assenti e tanti acciaccati: sfida insidiosa contro gli emiliani

Fuori Benedetti, Masucci, Masetti e Sibilli. In dubbio Mazzitelli, Varnier e Belli. Nel frattempo il club ha ufficializzato l'acquisto di Giuseppe Mastinu

Si torna all'Arena Garibaldi e si punta la vittoria, per allontanare i malumori della sconfitta di sette giorni fa a Chiavari e per riprendere il cammino che porta velocemente alla salvezza. Sabato 30 gennaio alle ore 16 i nerazzurri ospiteranno la Reggiana, in una sfida che ha tutte le caratteristiche dello scontro diretto. Gli avversari, a differenza del Pisa, vengono da una vittoria che ridato entusiasmo a tutto l'ambiente.

Formazione incerottata

Tante assenze in casa nerazzurra. La lista è popolata da Sibilli, Masetti e Masucci (infortunati) e dallo squalificato Benedetti. Acciaccati, invece, Belli, Varnier e Mazzitelli. Ma Luca D'Angelo non si piange addosso: "Sfideremo una formazione rinforzata dal mercato, che ha una grande identità di gioco e di spirito. Per questo motivo servirà un ottimo Pisa per avere la meglio della Reggiana".

"Arriviamo alla sfida con grande convinzione, nonostante le assenze e un meteo inclemente negli ultimi giorni" sottolinea il tecnico nerazzurro. "Sappiamo che sta per iniziare un tour de force - continua - ma abbiamo diverse alternative per ciascun ruolo e tutti saranno fondamentali nel nostro percorso". Uno dei giocatori che sicuramente potrà godere di un po' di spazio è Davide Marsura: "Ha recuperato il gap di condizione col resto del gruppo e potrà darci una grande mano. Insieme a lui anche Quaini potrà trovare tanto spazio, perché è il classico regista di centrocampo".

Il tecnico nerazzurro riserva un pensiero anche al nuovo proprietario della società: "Alexander Knaster ci ha trasmesso grande voglia di fare bene e tanta ambizione. Ci auguriamo di potergli dedicare la prima vittoria. E colgo anche l'occasione per salutare affettuosamente Enzo Ricci, che in tutti questi anni non ha mai mancato di farci sentire il suo appoggio e la sua vicinanza".

Ritrovato entusiasmo

La Reggiana è tornata a sorridere dopo aver conquistato un solo punto in otto gare. Da metà dicembre a una settimana fa, i granata hanno inanellato un pareggio (0-0 a Empoli) e ben sette sconfitte (5 delle quali in serie). Il 2-1 rifilato al Vicenza nel turno precedente, quindi, rappresenta una vera svolta psicologica per il gruppo guidato da Max Alvini. Il tecnico di Fucecchio può contare anche un tris di innesti che ha alzato il tasso tecnico del gruppo.

Dal Frosinone è arrivato il centravanti Ardemagni, dal Benevento è approdato a Reggio Emilia il mediano Del Pinto e, infine, dall'Hellas Verona è giunto in Emilia il trequartista Laribi. Tre acquisti propedeutici anche al cambio di modulo con il quale la Reggiana proverà a centrare la salvezza. Accantonato il 3-5-2, che aveva palesato eccessive fragilità in fase difensiva, Alvini ha virato con decisione verso il 4-3-1-2.

L'arbitro e le curiosità della partita

La sfida sarà diretta dallo stesso arbitro presente nella gara di andata: Daniele Paterna di Teramo. Il fischietto abruzzese nel settembre scorso fu contestato a causa delle decisioni prese in occasione di due contatti molto dubbi nell'area emiliana. In entrambi i casi Soddimo venne atterrato, ma Paterna non fischiò il penalty. Con lui in campo, il Pisa non ha mai vinto: oltre al pareggio di un girone fa, i nerazzurri hanno raccolto un altro segno 'X' (0-0 col Piacenza) e una sconfitta in Serie C.

I nerazzurri in casa hanno una serie aperta di cinque gare senza sconfitte: sono tre le vittorie centrate da inizio dicembre, condite da due pareggi. Lontano dal Mapei Stadium la Reggiana è, invece, la seconda difesa più perforata del torneo. Al primo posto c'è proprio il Pisa con 22 gol al passivo, e a quota 20 troviamo i granata.

I precedenti ufficiali all'Arena fra le due formazioni sono 29: l'ultimo incrocio è andato in scena il 20 settembre 2014 in Serie C (0-0). Il bilancio pende dalla parte del Pisa: 16 vittorie nerazzurre contro i 6 successi della Reggiana, i pareggi sono 7. In Serie B le due squadre non si affrontano dal 10 gennaio 1993: la rete di Sacchetti nel secondo tempo consentì agli emiliani di conquistare la vittoria.

Un Mastinu per l'attacco

Roberto Gemmi e Giovanni Corrado mettono a segno un altro colpo importante in entrata, dopo gli innesti di Gori e Marsura. Dallo Spezia, a titolo definitivo, arriva l'attaccante mancino classe 1991 Giuseppe Mastinu. Abile a partire da destra per convergere sul suo piede forte, Mastinu sa disimpegnarsi molto bene anche come trequartista. All'occorrenza può agire anche come mezzala. Ha firmato un contratto che lo legherà al nerazzurro fino a giugno 2023.

Le probabili formazioni

Pisa (4-3-1-2): Perilli; Pisano, Meroni, Benedetti, Lisi; Gucher, De Vitis, Marin; Vido; Marconi, Palombi. All. D'Angelo

Reggiana (4-3-1-2): Cerofolini; Gyamfi, Rozzio, Ajeti, Libutti; Pezzella, Muratore, Del Pinto; Radrezza; Ardemagni, Mazzocchi. All. Alvini

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento