Giovedì, 24 Giugno 2021
Sport

Pisa - Savona 2-0| Re Umberto decide la gara

Come lo scorso anno, con una rete per tempo, il Pisa piega il Savona: la firma sul match è di un doppio Eusepi

Foto di Alessandro Scatà

Dopo il pari di Rimini, il Pisa reagisce e torna alla vittoria. La gara contro il Savona è infatti propizia per la squadra cittadina, che si impone 2-0 grazie alla doppietta di un ispirato Eusepi, adesso definitivamente sbloccato. Una partita comunque non semplice, dove l’avversario dice la sua uscendo a testa alta dall’Arena Garibaldi: il poco cinismo dei liguri è una delle chiavi di lettura del match, che agevola indubbiamente la verve del Pisa.  

Una prova a tratti non molto entusiasmante, che a ogni modo consente alla truppa di mister Gattuso di consolidare il secondo posto in classifica con 51 punti, in attesa che si giochi domani la gara tra Spal e Maceratese; niente da fare per il Savona, che, con la quarta sconfitta nelle ultime cinque gare, rimane fanalino di coda.

LA PARTITA. Inedito schieramento quello col quale si presenta il Pisa. Mister Gattuso decide di varare un 4-3-1-2 con Varela e Makris subito titolari, il primo nelle vesti di trequartista alle spalle del tandem Cani-Eusepi e il secondo in cabina di regia, supportato da Verna e Ricci sulle fasce. Meno sorprendente la difesa che si posiziona davanti a Bindi, formata da Crescenzi e Polverini centrali e Avogadri e Fautario ad agire sugli esterni.

Modulo speculare per il Savona, che rinuncia però ad alcuni titolari. Mister Riolfo si affida a Falcone tra i pali, una difesa inedita composta da Placido, Cabeccia, Zigrossi e Vannucci e un centrocampo invece già noto, dove agiscono i soliti Bationo, Taddei e Lulli. Coppia d’attacco inaspettata con Dell’Agnello (preferito a Cocuzza) e Morra, supportati da Palumbo sulla trequarti

PRIMO TEMPO. Pronti via e Bindi è costretto a sporcarsi guantoni per deviare in angolo il primo tiro del Savona - Palumbo dalla distanza - che prova a schiacciare il Pisa nella propria area: ai nerazzurri servono alcuni minuti per fare quadrato, ma la punizione di Ricci, allontanata in angolo, da coraggio alla squadra che comunque non sfrutta, in un serie di corner, qualche disattenzione difensiva ligure.

Al 18’ non sbaglia però la ripartenza Varela, rapido nello sfruttare l’errore del centrocampo biancoblù, e portarsi sul fondo e a rimettere in mezzo per Eusepi, che non fallisce l’occasione che porta il Pisa in vantaggio. Da quel momento calano i ritmi di una frazione di gioco che finisce per condensarsi nei primi 20’, anche se sul finale qualche brivido si registra. Al 34’ il Savona sfiora il pari: Morra si porta in area e, da posizione defilata, si gira e calcia verso lo specchio della porta, dove trova un attento Bindi che in due tempi salva il risultato. Sul finale, al 42’, Cani non riesce a servire Eusepi, dopo aver rubato palla a un disattento Bationo.

SECONDO TEMPO. Nella ripresa ancora protagonista in negativo Bationo, che al 2’ atterra in area il nerazzurro Fautario: l’arbitro non ha dubbi, assegna il rigore, e sul dischetto si porta Eusepi che firma la doppietta personale portando il Pisa sul 2-0. Mister Riolfo, in tutta risposta, da forza fresca in attacco inserendo Cocuzza al posto di Dell’Agnello: non cambia il modulo del Savona, ma più sprint offensivo si percepisce, è il momento di giocarsi il tutto per tutto.

E’ però una mossa che di concreto non da niente, ma anzi, al 13’ è il Pisa che sfiora il tris, evitato solo grazie a un provvidenziale intervento di Lulli che chiude in angolo anticipando Varela a pochi passi dalla porta avversaria. Successivamente, al 20’, è proprio Cocuzza, servito da Vannucci, a fallire di poco l’incornata che avrebbe potuto accorciare le distanze: la sfera termina di poco a lato. 

Il Savona però non molla, cerca di accorciare le distanze, sfruttando una calante tensione dei nerazzurri, che fanno anche arrabbiare mister Gattuso per il calo di concentrazione. Al 36’ il neo entrato Rondanini prova ad accorciare le distanze con un tiro dalla distanza che cambia la traiettoria proprio negli ultimi metri, ma la traversa salva il Pisa.  

Ci sono successivamente un paio di buone occasioni sui piedi di Cocuzza, ma niente che impensierisca seriamente l’estremo difensore Bindi. Termina quindi 2-0 in favore del Pisa la sfida dell’ “Arena Garibaldi”, con un Pisa che dimostra di dover ancora migliorare, ma che comunque ha cuore e grinta.

PISA - SAVONA 2-0

PISA (4-3-1-2): Bindi; Avogadri (21’ st Golubovic), Crescenzi, Polverini, Fautario; Verna, Makris, Ricci; Varela (26’ st Peralta); Çani, Eusepi (31’ st Montella).  A disp: Brunelli, Lisuzzo, Sanseverino, Forgacs, Provenzano, Di Tacchio, Rozzio. All: Gattuso

SAVONA (4-3-1-2): Falcone; Placido (33' st Rondanini), Cabeccia, Zigrossi, Vannucci; Bationo, Taddei, Lulli; Palumbo; Dell'Agnello (4’ st Cocuzza), Morra. A disp: Cincilla, Lebran, Negro, Steffè, Clematis, Gagliardi, Tassi, Romney, Pasqualini, Bonavia. All: Riolfo

ARBITRO: Federico Dionisi de L’Aquila, assistenti: Pasquale Capaldo di Napoli e Domenico Campitelli di Termoli

RETI: 18' pt e 3' st (rig.) Eusepi (P)

NOTE: ammoniti: Cani (P), Zigrossi (S), Crescenzi (P). Angoli: 3-9. Recupero: 3' + 3'. Spettatori: 5281

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa - Savona 2-0| Re Umberto decide la gara

PisaToday è in caricamento