Martedì, 28 Settembre 2021
Sport

Pisa-Spal: le probabili formazioni | D'Angelo: "Emozionato di ritrovare i nostri tifosi"

Tutto pronto per il debutto dei nerazzurri in Serie B. Il tecnico nerazzurro si affiderà alla vecchia guardia. Quasi 4mila i tagliandi staccati

Si inizia a fare finalmente sul serio. Domenica 22 agosto, alle 20.30, all'interno dell'Arena Garibaldi risuonerà il fischio d'inizio del torneo cadetto: i nerazzurri ospiteranno la Spal nella prima giornata, di fronte a circa 4mila spettatori. Tanti sono i biglietti venduti per la partita che segna il ritorno dei tifosi 'in massa' allo stadio: la capienza degli impianti è fissata al 50% e, di fatto, gli unici settori che presenteranno un colpo d'occhio minore saranno la Tribuna superiore e la Curva Sud destinata agli ospiti. Luca D'Angelo tiene a battesimo l'avvio del campionato con la prima conferenza stampa pre-gara, in cui tocca tutti i temi più importanti e attuali.

Emozione per il debutto

Il tecnico abruzzese vive il quarto esordio in campionato alla guida della truppa nerazzurra, il terzo in fila in Serie B: "Un momento particolarmente delicato. Perché c'è l'emozione di muovere il primo passo, la voglia di fare bene fin da subito e il timore di incappare in un passo falso". "Sarà un torneo complesso - prosegue D'Angelo - nel quale affronteremo tanti avversari forti. Le squadre retrocesse dalla Serie A hanno un tasso tecnico molto alto, insieme al Monza, al Lecce e alla Ternana: una neopromossa con ambizioni di primato". Secondo l'allenatore nerazzurro "il Pisa deve come sempre lavorare a testa bassa. Il primo obiettivo rimane la conferma della categoria. Poi vediamo cosa succederà".

In relazione al primo avversario del campionato, D'Angelo sottolinea "l'incertezza sui valori che si vedranno in campo. Servirà sicuramente tanta intensità da parte nostra, perché nonostante i cambiamenti apportati alla rosa è un valore che è rimasto alla base della nostra idea di gioco. La Spal è un'ottima formazione che ha trovato la giusta stabilità societaria dopo l'arrivo di Tacopina". "I nuovi innesti - spiega D'Angelo - si stanno ambientando e integrando molto velocemente all'interno dello spogliatoio e dei meccanismi di gioco. Complessivamente il gruppo sta molto bene: abbiamo lavorato con concentrazione e anche fisicamente stiamo raggiungendo la giusta brillantezza".

L'ultimo pensiero del tecnico è per il ritorno del pubblico sui gradoni dell'Arena Garibaldi: "La Curva Nord non entrerà ma ci aspetterà all'uscita dell'hotel e ci scorterà fino allo stadio. Una volta lì dentro ritroveremo finalmente una parte della nostra gente. Non vedo l'ora di sentire nuovamente sulla pelle le emozioni che soltanto la nostra gente sa regalare. Ciascuno a modo suo, tutto il pubblico saprà spingerci al massimo". I nerazzurri dovrebbero confermare l'impianto tattico visto nelle prime uscite della stagione, con un 4-3-1-2 nel quale il terminale offensivo di riferimento sarà Lucca. Accanto a lui graviteranno Sibilli e Marsura, con Cohen ancora in panchina. In mezzo al campo le tre maglie saranno assegnate a Gucher, De Vitis e Marin; la retroguardia invece sarà composta da Berra, Hermannsson, Caracciolo e Birindelli. Nicolas tra i pali.

"Pisa forte, ma anche noi vogliamo vincere"

Pep Clotet, arrivato nel corso dell'estate sulla panchina della Spal, non si nasconde: "Il Pisa ha migliorato molto la rosa rispetto alla passata stagione. Ha fatto un mercato attento e mirato a colmare le lacune dello scorso campionato. Gioca bene, è una squadra che ama il palleggio e contro la quale servirà molta intensità per non andare in difficoltà". Anche la Spal ha cambiato molto rispetto alla scorsa annata, soprattutto in virtù di alcune difficoltà finanziarie risolte con l'acquisto del club da parte dell'italo-americano Joe Tacopina, che ha rilevato la società dalle mani della famiglia Colombarini.

Il modulo di riferimento del tecnico spagnolo è la difesa a 4 e il centrocampo a 3, con varianti da applicare in relazione alla condizione degli attaccanti. Il grande colpo del mercato è l'ingaggio di Marco Mancosu: il capitano del Lecce si è trasferito a titolo definitivo a Ferrara ed è già pronto per scendere in campo dall'inizio domani sera, nella posizione di mezza punta. Al centro dell'attacco il giovane Lorenzo Colombo, arrivato in prestito dal Milan.

L'arbitro e le curiosità della partita

Il primo direttore di gara del campionato sarà Giacomo Camplone di Pescara, Con lui il Pisa non ha mai perso: nei sei precedenti ha messo insieme 3 vittorie e 3 pareggi. Debutterà anche il Var sul terreno dell'Arena: il responsabile sarà Marco Serra di Torino, coadiuvato da Stefano Alassio di Imperia. Quella di domani sera sarà anche la prima partita in cui il Pisa potrà fregiarsi ufficialmente della sigla societaria Sporting Club. Il club di via Battisti infatti ha perfezionato l'iter burocratico, arrivando a rientrare in pieno possesso del titolo originario, quello della fondazione del 1909.

Il Pisa ospita la Spal per la 27° volta nella sua storia: il bilancio complessivo evidenzia 12 successi dei nerazzurri, 7 ferraresi e 8 pareggi. Nell'ultima gara ufficiale disputata all'Arena Garibaldi gli uomini di D'Angelo asfaltarono gli avversari con un secco 3-0 firmato da Marsura, Mazzitelli e Siega.

Le probabili formazioni

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Berra, Hermannsson, Caracciolo, Birindelli; Gucher, De Vitis, Marin; Sibilli; Marsura, Lucca. All. D'Angelo

Spal (4-2-3-1): Thiam; Tripaldelli, Vicari, Coccolo, Dickmann; Viviani, Esposito; Di Francesco, Mancosu, Seck; Colombo. All. Clotet

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa-Spal: le probabili formazioni | D'Angelo: "Emozionato di ritrovare i nostri tifosi"

PisaToday è in caricamento