Il Pisa ha perso, evviva il Pisa!

La sconfitta contro la Virtus Entella conferma due aspetti: la Serie B non lascia scampo se non si concretizza quanto prodotto; il Pisa è un gruppo solido che gioca bene e che non si abbatte di fronte alle difficoltà

Robert Gucher in azione - RFotogiornalismo

Poteva significare quinto posto in classifica, con tutto il carico di entusiasmo che ne sarebbe derivato. E invece la partita con la Virtus Entella ha certificato il secondo stop casalingo da inizio stagione, giunto dopo quasi tre mesi dal 2-3 con il quale l’Empoli aveva sbancato l’Arena Garibaldi. I nerazzurri hanno giocato bene, mettendo alle corde i liguri per tutto il secondo tempo, dopo che nel primo la pressione feroce a tutto campo della formazione ospite aveva spento la manovra degli uomini di Luca D’Angelo. Il tecnico abruzzese è stato di parola: nonostante le tantissime assenze (sette) che avevano reso complicata la preparazione del match, non ha snaturato il suo Pisa, proponendo il consueto 4-3-1-2 fatto di trame palla a terra e continua ricerca della profondità e della verticalizzazione.

Da rivedere il gol con il quale la Virtus Entella ha sbloccato il punteggio: Giuseppe De Luca, bloccato nel momento in cui parte il lancio che lo manda in porta, appare effettivamente oltre la linea difensiva nerazzurra. Purtroppo è soltanto una supposizione, poiché fino a che il Var non verrà messo in funzione la Serie B sarà soggetta a questi dubbi. Dopo il guizzo ospite, la seconda frazione è stata un vero e proprio assalto al fortino biancoceleste: nonostante le precarie condizioni di Masucci (uscito anche lui poi per infortunio), la poca brillantezza di Moscardelli e l’assenza pesantissima del totem Marconi a centro area, il Pisa ha stretto d’assedio la porta ligure costringendo Contini a sfoderare i migliori riflessi. Ecco perché è il caso di affermare 'Evviva il Pisa' anche se al triplice fischio del signor Massimi di Termoli è arrivata la sconfitta (il secondo gol dell’Entella, arrivato al 95’, è utile soltanto per le statistiche). I nerazzurri sono vivi e il gruppo è graniticamente compatto attorno ai dettami tecnici del suo allenatore. L’interpretazione delle partite non cambia, sia che la rosa sia in salute e in piena forma, sia che gli infortuni e la sfortuna si accaniscano senza pietà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poteva essere la partita dell’ingresso nei playoff, e invece il Pisa si ritrova nuovamente nella pancia della graduatoria. Sono due le lunghezze che lo distanziano dagli spareggi promozione e tre quelle dai playout: al tirar delle somme, quindi, i nerazzurri sono dove tutti sulla carta si auguravano fossero. Alle porte c’è un’altra partita delicatissima da preparare e da non fallire: la trasferta sul campo del Trapani. Lunedì 16 dicembre, alle ore 21, al 'Provinciale' i nerazzurri si affideranno ancora una volta a capitan Moscardelli: accanto a lui difficilmente si potrà vedere Gaetano Masucci, alle prese con il problema muscolare che lo ha costretto ad alzare bandiera bianca durante il match con l’Entella. L’attacco è veramente ridotto all’osso, vista la contemporanea assenza di Marconi e la scomparsa dai radar di Raul Asencio: il calciatore è ormai ai margini del gruppo per sua stessa scelta. La società a gennaio lo rispedirà a Genova, sponda rossoblu, con lettera di sola andata. In Sicilia quindi toccherà a Fabbro e al giovanissimo Giani tentare di trovare il guizzo vincente insieme a Moscardelli, magari aiutati dagli inserimenti di centrocampisti e difensori, adesso più utili che mai nei calci piazzati. All’orizzonte ci sono, compresa la gara con il Trapani, due scontri diretti molto importanti per la salvezza: contro i siciliani e domenica 22 all’Arena arriverà il Cosenza. Questo Pisa, con un pizzico di fortuna in più, può riuscire a conquistare punti pesanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento