menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pisa - Vicenza: le probabili formazioni | D'Angelo: "Abbondanza di alternative in ogni reparto. Serve continuità di risultati"

Contro il Vicenza potrebbe esserci il debutto dal 1' di Mastinu dietro alle due punte. Rimangono out per infortunio soltanto Masucci e Sibilli

Da una parte una classifica più che positiva, che evidenzia un divario di ben sei lunghezze sulla zona calda dei playout. Dall'altra la consapevolezza che nulla può essere dato per scontato. Perché il campionato di Serie B è così: basta distrarsi un attimo che la china inizia a salire e arrivare in vetta senza accusare crisi di crampi o inaspettati cedimenti può diventare molto difficile. Luca D'Angelo e i suoi uomini lo sanno bene e così, dopo aver superato indenni le grandi tappe 'dolomitiche' contro tre big del torneo, si apprestano a un mini ciclo di 'grandi classiche' da capitalizzare al massimo. Il primo appuntamento è domani, sabato 27 febbraio (ore 14), in casa con il Vicenza.

Abbondanza di scelte

La truppa nerazzurra praticamente è al completo: rimangono fuori dai convocati i lungo degenti Masucci e Sibilli. Entrambi gli attaccanti ne hanno ancora per un mesetto, ma il recupero procede senza intoppi. Per il resto, lo spogliatoio è al gran completo e pronto a lanciarsi in una nuova miniserie molto importante per il cammino nerazzurro. "Ci attendono tre partite in una settimana - spiega Luca D'Angelo - ma sono sereno perché ho la possibilità di poter scegliere tra molte alternative". La preparazione si è svolta con serenità e concentrazione, "i ragazzi sanno che ci sarà la possibilità per tutti di dare una mano. Il Vicenza che affronteremo domani ha un buon organico, molto esperta e dal grande impatto fisico".

Il tecnico del Pisa non si fida dell'atteggiamento attendista dei veneti, "perché in questo campionato non ci sono formazioni che scendono in campo esclusivamente per non perdere. Ma io guardo in casa nostra: il Pisa sta bene, attraversa un buon momento di forma e abbiamo tutte le capacità per colpirli". Poi l'allenatore abruzzese allontana anche la tentazione di fare calcoli sulla classifica: "Non ne ho mai fatti e non inizierò adesso. La squadra sa che possiamo ragionare esclusivamente di partita in partita, senza fare tabelle. La gara più importante adesso è quella col Vicenza: ad Ascoli e Pordenone penseremo al momento opportuno".

Un ragionamento più applicabile invece è quello dell'impiego degli uomini: "Ruoteremo i titolari perché con i ritmi attuali è praticamente impossibile giocare tre gare intere in una settimana. Riguardo ai nuovi arrivati, sicuramente Beghetto era il più pronto. Infatti ha giocato spesso da titolare. Marsura e Mastinu invece venivano da periodi di inattività più o meno lunghi: anche loro nelle prossime tre partite torneranno molto utili.

Solidità e organizzazione

Il Vicenza è una formazione molto quadrata. Gli uomini di Di Carlo, insieme all'Empoli, sono la squadra che ha totalizzato più pareggi: 12. Dopo aver vissuto praticamente metà stagione con il 4-4-2, da gennaio il tecnico ha virato sul 4-3-1-2, trovando immediato giovamento nei risultati. Fino alla sedicesima giornata, infatti, i biancorossi avevano ottenuto 3 vittorie, 7 pareggi e ben 5 sconfitte. Dopo il passaggio al nuovo schieramento tattico il rendimento è migliorato: 2 vittorie, 5 pareggi e 2 sconfitte.

I biancorossi vengono dal buon pareggio in rimonta, in casa, con la Spal: sotto 0-2 all'intervallo, nella ripresa è arrivato il 2-2 e almeno un paio di occasioni non sfruttate per la vittoria finale.

L'arbitro e le curiosità della partita

La sfida sarà diretta da Federico Dionisi de L'Aquila: con lui il Pisa non ha mai perso. Il bilancio complessivo è di 3 vittorie e 2 pareggi. Il Pisa in casa non perde da 9 turni: l'ultima, e finora unica, battuta d'arresto interna è il 4-1 incassato dal Cittadella il 28 novembre. Per contro, però, anche il successo manca da qualche settimana: Pisa - Reggiana 1-0 del 30 gennaio. Dopo la vittoria sugli emiliani sono arrivati i pareggi con Frosinone, Salernitana ed Empoli.

Il Vicenza invece lontano da casa ha fatto vedere le cose migliori del suo campionato fino a oggi, raccogliendo 15 punti in 12 partite. Nelle ultime due gare lontano dal Menti ha messo insieme 4 punti: vittoria a Pordenone e pareggio in casa della Salernitana.

Il bilancio complessivo delle sfide ufficiali all'Arena Garibaldi è in perfetta parità: 5 vittorie per parte e 5 pareggi. I nerazzurri non battono il Vicenza dal 1994: 1-0 in Serie B, rete vincente di Roberto Muzzi. Dopo il Pisa ha ottenuto un pareggio nella stagione 2007-08 (1-1) e due sconfitte consecutive: 0-2 nel 2008 e 0-1 nel 2016.

Le probabili formazioni

Pisa (4-3-1-2): Gori; Birindelli, Varnier, Caracciolo, Lisi; Gucher, Quaini, Mazzitelli; Mastinu; Vido, Marconi. All. D'Angelo

Vicenza (4-3-1-2): Grandi; Bruscagin, Cappelletti, Padella, Beruatto; Agazzi, Pontisso, Vandeputte; Dalmonte; Meggiorini, Lanzafame. All. Di Carlo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento