Reggiana - Pisa 2-2 | Occasioni ed errori: i nerazzurri impattano al Mapei Stadium

Svarione difensivo in occasione del primo gol della Reggiana. Poi Caracciolo e Vido ribaltano il risultato, ma nella ripresa i padroni di casa acciuffano il pareggio

Un pari, come tredici mesi fa: contro il Benevento era il Pisa a recitare da neopromosso, al Mapei Stadium questa sera invece è toccato ai nerazzurri bagnare l'esordio cadetto della Reggiana. Il risultato finale è lo specchio più o meno fedele di quanto accaduto nell'arco dei 95': meglio i padroni di casa per intensità e agonismo, il Pisa ha messo in mostra a sprazzi una qualità di gioco nei singoli e collettiva di tutto rispetto. Da rivedere però alcune amnesie difensive che, come nel caso di entrambi i gol emiliani, possono costare molto caro.

I nerazzurri partono bene e provano ad imporre fin dall'inizio il loro gioco. Soddimo reclama per un rigore che, visto in diretta, appare solare, ma non per l'arbitro che lascia correre. E dopo due giri di lancette la Reggiana rifila la più classica delle docce fredde a Gucher e compagni: la retroguardia nerazzurra legge male un lancio lungo dei granata, che si presentano con Mazzocchi libero di battere a rete. Perilli non riesce a respingere e la Reggiana è in vantaggio. Gli uomini di D'Angelo si scuotono dopo aver incassato tre corner e alcune azioni interessanti dei padroni di casa e pescano il pareggio prima della mezz'ora con il tuffo di Caracciolo che corregge in rete il cross di Gucher. Il Pisa aumenta i giri del motore, migliora la qualità della manovra e protesta per un rigore ancora più netto di quello precedente (protagonista sempre Soddimo). Ma riesce comunque a riscuotere i frutti del suo gioco prima dell'intervallo con la bella combinazione tra Marconi e Vido. Il centravanti sale in cielo e spizza alle sue spalle per il compagno che brucia due difensori prima di scaraventare in gol il raddoppio. Nella ripresa il Pisa prova a contenere i padroni di casa senza però riuscire a pungere dalle parti di Cerofolini. La Reggiana non si fa prendere dalla frenesia e rincorre il pareggio con intensità e grande organizzazione. Caracciolo e Varnier raddoppiano gli sforzi per rintuzzare le folate granata, ma non possono nulla sul corner di Voltan che pesca il terzo tempo a centro area di Martinelli, che pareggia al 78'. I padroni di casa sembrano averne di più, entrambe le squadre si allungano in preda alla fatica e i ribaltamenti di fronte si susseguono, senza però occasioni vere e proprie.

La partita

Si fa sul serio. La situazione di emergenza provocata dal Coronavirus la fa ancora da padrona, i tifosi sono ancora molto lontani dal poter tornare sugli spalti (mille persone, diciamocelo, sono una miseria. Ma di più adesso non si può concedere), il calciomercato 'disturberà' le squadre per un'altra settimana. Ma per almeno 90' gli occhi di tutti saranno puntati sul rettangolo verde: il Pisa torna in campo per giocare la prima giornata del campionato di Serie B targato 2020-21. Lo fa al Mapei Stadium sfidando la Reggiana, neopromossa piena di entusiasmo e di sogni.

La linea di continuità con il recentissimo passato è forte, al punto che D'Angelo tira dritto con il 4-3-1-2 nel quale Soddimo ha il compito di innescare la coppia offensiva composta da Vido e Marconi. In mezzo al campo la regia è affidata a Marin, supportato da Gucher e Siega. Sugli esterni Lisi ha il compito di galoppare, Pisano invece deve dedicare un occhio più attento alla fase difensiva consegnata al tandem Caracciolo-Varnier. La Reggiana risponde con un 3-5-2 nel quale spicca Mazzocchi al centro dell'attacco e Voltan nella posizione di ibrida mezzala e trequartista.

Il Pisa cerca di far valere la sua maggiore esperienza fin dall'inizio e già al 5' reclama per un episodio dubbio nell'area emiliana. Soddimo sfugge al suo diretto marcatore ed entra in area dalla riga di fondo: sterzata e contatto con un difensore della Reggiana, l'arbitro lascia correre. La Reggiana non si lascia spaventare e tre minuti dopo mette la freccia su un errore di reparto dei nerazzurri. Mazzocchi si i mbuca, Perilli rimane indeciso sull'uscita e il numero 10 infila di potenza in rete. Gli uomini di D'Angelo accusano il colpo e la Reggiana, invece, sulle ali dell'entusiasmo conquista due corner costringendo i nerazzurri a difendere.

I padroni di casa giocano bene, controllano la manovra con grande personalità e il Pisa si vede soltanto quamdo riesce a recuperare la palla in mezzo al campo. Ci prova di nuovo con Soddimo che calcia col sinistro dal limite, senza trovare però la porta. La squadra di D'Angelo si affida ai suoi uomini di maggiore caratura per uscire da una situazione negativa e prima della mezz'ora proprio due di questi giocatori rimettono in sesto il risultato. Cross di Gucher in un'area di rigore rimasta affollata dopo un corner, Caracciolo si distende in tuffo e spedisce la testa sul palo lontano: 1-1.

L'inerzia adesso sembra di nuovo pendere dalla parte del Pisa, che reclama un altro rigore al 27': Soddimo entra di nuovo in area e viene toccato da Muratore da dietro. Il penalty stavolta sembra solare ma non per Paterna, che lascia correre ancora una volta sbagliando due volte: o c'è il rigore, o c'è l'ammonizione per simulazione. Adesso però i nerazzurri sono padroni del campo e con merito siglano il raddoppio al 36' sfruttando la simbiosi tra Marconi e Vido. Il numero 31 sale in cielo per spizzare di testa il lancio di Perilli: la palla scorre verso la porta granata, Vido brucia due difensori e impallina Cerofolini: 1-2.

Il secondo tempo si apre con il Pisa ancora avanti: Vido fa la sponda per Marin, che con un rasoterra dal limite va vicino al terzo gol. La Reggiana ci mette più intensità per tentare di creare i presupposti per il pareggio, e il Pisa è costretto a chiudersi nei suoi ultimi venti metri per proteggere la porta di Perilli. Kirwan a sinistra e Zampano a destra spingono a tavoletta, serve il miglior Varnier per respingere il diagonale di Mazzocchi. Con il palleggio rasoterra però i nerazzurri creano sempre qualche grattacapo alla difesa emiliana, come quando Birindelli (entrato per Pisano) e Vido sulla destra vanno vicino al tiro.

I granata proseguono nella loro rincorsa al pareggio, che trovano al 68' su calcio d'angolo: Martinelli in terzo tempo è libero di fulminare Perilli per il 2-2. D'Angelo non ci sta a pareggiare il match e chiude la gara con tre attaccanti puri in campo: Siega lascia il posto a Palombi, con Gucher che viene sostituito da Mazzitelli. Proprio Palombi all'83' si distende in profondità per raccogliere il lancio di Birindelli: uno sguardo in mezzo, dove Marconi si fionda sul rasoterra ma viene anticipato di un soffio da Espeche.

Nei minuti finali le due squadre inevitabilmente si allungano, con la condizione fisica che scarseggia e la fatica che chiede il conto. Sembra averne di più la Reggiana, che in attacco schiera una coppia di elementi freschi (Marchi e Cambiaghi) che con la loro rapidità mettono in affanno Caracciolo e Varnier.

Il tabellino

Reggiana - Pisa 2-2

Reggiana (3-5-2): Cerofolini; Espeche, Martinelli, Gyamfi; Kirwan, Voltan (78' Ajeti), Radrezza (89' Pezzella), Muratore, Zampano (58' Lunetta); Zamparo (58' Marchi), Mazzocchi (78' Cambiaghi). All. Alvini

Pisa (4-3-1-2): Perilli; Lisi, Caracciolo, Varnier, Pisano (62' Birindelli); Siega (77' Palombi), Marin, Gucher (77' Mazzitelli); Soddimo (62' De Vitis); Marconi, Vido (71' Masucci). All. D'Angelo

Reti: 7' Mazzocchi (R), 24' Caracciolo (P), 36' Vido (P), 68' Martinelli (R)

Ammoniti: Gucher (P), Radrezza (R), Zampano (R), Pisano (P), Martinelli (R)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Note: arbitro Daniele Paterna; angoli 7-4 (3-2); recupero 1' e 4'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Covid, estetisti e parrucchieri restano aperti: "In questi mesi prova di grande affidabilità e serietà"

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento