Mercoledì, 22 Settembre 2021
Sport Pontedera

U.S. Pontedera: Boschi resta presidente e Giovannini rinnova fino al 2022

Dopo l'annuncio della vendita del club i soci ci ripensano e confermano il loro impegno. Il direttore generale e il segretario Benedetti prolungano il contratto. Due nuovi ingressi nella dirigenza

Il direttore generale Giovannini con il presidente Paolo Boschi

I tifosi del Pontedera possono tirare un sospiro di sollievo e guardare con ottimismo verso il futuro. L'attuale proprietà non cederà il club, anzi, conferma il suo impegno, fa entrare nella dirigenza due nuovi soci e prolunga il contratto al direttore generale Paolo Giovannini fino al 2022.

Solide basi per il futuro di una società che dal 2010 ha fatto letteralmente rinascere il calcio a Pontedera. A ottobre i soci granata avevano annunciato la cessione del club a titolo gratuito, ma in questi mesi (anche per assenza di soggetti interessati a rilevare la maggioranza) c'è stato un ripensamento e l'attuale dirigenza ha deciso di andare avanti. Il presidente Paolo Boschi ha annunciato che resterà alla guida del Pontedera, insieme a tutti gli attuali soci. “La situazione è cambiata - dice Boschi - e oggi io, i soci e l'intero staff siamo qui a confermare il nostro impegno per proseguire la nostra avventura”. La prima mossa è stata quella di proseguire il rapporto con il direttore generale Paolo Giovannini e il segretario Nicola Benedetti: entrambi hanno rinnovato per altri tre anni il proprio contratto, prolungandolo fino al 2022.

La programmazione societaria infatti non poteva prescindere dalla permanenza di Giovannini. Arrivato a Pontedera nel 2012, il direttore ha sempre centrato gli obiettivi posti dalla società e raggiunto traguardi storici per il calcio granata: dalla promozione in Lega Pro Prima divisione del 2013, ai playoff per la Serie B persi contro il Lecce nel 2014, la semifinale di Coppa Italia contro il Cosenza nel 2015 e quella contro l'Alessandria, dove martedì 6 marzo la squadra di Maraia si giocherà l'accesso alla finale.

Il valore aggiunto di Giovannini sta nella sua capacità di individuare i migliori giovani del panorama italiano e valorizzarli a Pontedera, per poi cederli in Serie B o a club più blasonati in Serie C. Un sistema che ormai permette ai granata di affermarsi come una realtà solida nella terza serie nazionale, e questo progetto continuerà nei prossimi anni. “Sono felice per il rinnovo - dice Giovannini - con la società ci eravamo dati tempo fino alla fine del mese per decidere, ma quando l'attuale proprietà mi ha confermato che sarebbe rimasta abbiamo trovato subito l'accordo. Qui mi sento stimato e apprezzato e anche se passeremo qualche momento sportivamente difficile so che l'importante sarà garantire la continuità del progetto”.

Il Pontedera va avanti quindi, e da oggi potrà contare su due nuovi soci: Paolo Pastacaldi, già direttore generale dell'Oltrera, e Simone Di Bella, che rientra in società dopo la parentesi della stagione 2013/14.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

U.S. Pontedera: Boschi resta presidente e Giovannini rinnova fino al 2022

PisaToday è in caricamento