Sabato, 16 Ottobre 2021
Sport

Ac Pisa 1909: organizzazione al top per un futuro da protagonisti

Nel corso della presentazione del nuovo assetto societario, la conferma da parte del presidente di alcuni passi futuri che sottolineano un concetto indispensabile per il Pisa: l'organizzazione. La squadra al lavoro per la trasferta di Vicenza. Sabato 11 marzo nuova manifestazione della tifoseria contro i daspo

'Organizzazione': è questa la parola magica che da circa tre mesi funge da stella polare della società AC Pisa 1909. Giuseppe Corrado, e con lui gli altri soci proprietari del 100% delle quote del club, non vogliono lasciare niente al caso. La cura dei particolari per l’imprenditore piemontese è la strada maestra che porterà ai futuri successi dei colori nerazzurri. La presentazione del nuovo organigramma della società, in uno stile asciutto e conciso, ha confermato che il nuovo corso nerazzurro è iniziato con degli ottimi auspici.

LA SOCIETA’ ED IL FUTURO. Poche parole e molti fatti. Nella mattinata di ieri, presso il San Ranieri Hotel, il presidente Giuseppe Corrado ha illustrato i quadri dirigenziali alla città. Colpiscono le figure altamente specializzate inserite in ruoli chiave della gestione ordinaria del club, come Raffaella Viscardi in qualità di consigliera finanziaria ed amministrativa. O come Antonio Cifaldi a capo dell’area delle risorse umane e dell’organizzazione. Pisa finalmente ha una società all’avanguardia anche dal punto di vista gestionale ed organizzativo, come mai probabilmente aveva avuto fino ad oggi.

Giuseppe Corrado ha anche confermato l’appoggio fondamentale che dovrà arrivare dalle istituzioni, dall’imprenditoria e dal territorio di Pisa e provincia. Il Pisa si dovrà trasformare in un’azienda 'di sistema', capace di generare valore da ogni sua componente.

Uno degli elementi sui quali già dai prossimi mesi la società nerazzurra punterà forte è il settore giovanile. Rientrano anche in quest’ottica le nomine di Luca Giannini a responsabile del settore giovanile e di Raffaele Ferrara in qualità di responsabile dell’area tecnica. Dovranno lavorare insieme per rendere competitivo un ramo che troppo spesso nelle passate gestioni è stato abbandonato a se stesso, destinato a morire. La partecipazione alla prossima edizione della Viareggio Cup – che prenderà il via nel prossimo week end – costituisce un punto di partenza in questo senso.

Il presidente ha confermato inoltre che da aprile, salvo ostacoli al momento inesistenti, si potrà dare il via anche ad una collaborazione concreta con l’amministrazione comunale riguardo ai progetti di ammodernamento e riadeguamento dell’Arena Garibaldi.

LA SQUADRA. Il gruppo agli ordini di mister Gattuso ha risentito positivamente della nuova gestione societaria. L’organizzazione trasmessa dall’alto è arrivata fin dentro allo spogliatoio, dove adesso non manca più nulla per centrare l’obiettivo stagionale. Gli otto risultati utili consecutivi sono la dimostrazione che anche dal punto di vista tecnico, oltre che umano, la rosa nerazzurra ha tutte le potenzialità per raggiungere la salvezza.

La sfida nel clima infuocato del 'Paolo Mazza' di Ferrara ha sottolineato l’ottima condizione psico-fisica di Mannini e compagni. Ancora una volta la truppa nerazzurra ha fatto vedere di esaltarsi in partite agonisticamente esasperate. Domenica pomeriggio, 12 marzo, a Vicenza ne andrà in scena un’altra. La società veneta infatti ha dimezzato i prezzi dei tagliandi dei settori locali, per favorire il maggior afflusso possibile di pubblico ad una partita che può rappresentare il crocevia stagionale sia per i biancorossi che per i nerazzurri. Al 'Romeo Menti', ore 17.30, Vicenza e Pisa si sfidano per la salvezza.

Il Pisa in Veneto dovrà fare sicuramente a meno di Mannini (squalificato per raggiunta somma di ammonizioni) e Tabanelli. La sorte si è accanita sullo sfortunato centrocampista, che contro la Spal ha rimediato la frattura di una costola, e dovrà restare fuori per altri 30 giorni circa.

LA PROTESTA DEI TIFOSI. La Curva Nord ha chiamato nuovamente a raccolta la città. Sabato 11 marzo, alle 16.30, è stata indetta una nuova protesta contro i daspo emessi dalla Questura di Firenze. Dal comunicato dei gruppi organizzati si apprende che le diffide notificate, e quindi effettive, sono salite a 25, a fronte di soli 6 archiviati o annullati. Perciò la Curva ha richiesto ancora una volta l’appoggio del resto della tifoseria per una manifestazione che faccia sentire ancora una volta l’unione della città contro dei provvedimenti ritenuti ingiusti e sproporzionati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ac Pisa 1909: organizzazione al top per un futuro da protagonisti

PisaToday è in caricamento