rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Sport Santa Croce sull'Arno

Santa Croce sull'Arno, 'racchette' del futuro a raccolta sulla terra rossa

Appuntamento con il tennis delle giovani promesse dal 10 al 17 maggio. La cittadina del cuoio si appresta a ospitare infatti circa 250 atleti di 40 Paesi. Molti nomi del tennis che conta sono passati dall'impianto santacrocese

Le grandi promesse del tennis mondiale sfileranno anche in questa primavera a Santa Croce sull’Arno, dove dal 10 al 17 maggio è in programma la 36° edizione del torneo internazionale giovanile 'Città di Santa Croce' Mauro Sabatini, considerato uno tra i primi 10 tornei juniores su scala mondiale per la prestigiosa storia e l’alto livello tecnico.

In un panorama under 18 divenuto molto selettivo ed articolato, il torneo del Cerri (esclusiva prova italiana di 'grade' 1) sembra sempre più legittimare la propria mission, che è poi quella di presentare in anteprima al pubblico toscano e d’Italia le 'racchette' del futuro. Non è un caso che, dopo aver visto passare dai propri campi 11 futuri n.1 ATP e WTA (Muster, Rios, Kuerten, Kafelnikovm, Hingis, Mauresmo, Cljister, Ivanovic, Safina, Wozniacki, Azarenka), il torneo santacrocese abbia avuto anche l’onore di 'battezzare' nel 2006 la promessa azzurra Camila Giorgi (nuova top 60 del ranking rosa dopo la finale di Katowice e capace di battere la russa Maria Sharapova ad Indian Wells), ma anche i debutti di due giovani star del tennis femminile, la canadese Eugenie Bouchard (ora n.18 al Mondo, vittoriosa poche settimane fa su Venus Williams) e la svizzera Belinda Bencic (che dopo aver trionfato a Santa Croce 2013 ed essere stata incoronata campionessa mondiale juniores lo scorso anno, si è tolta lo sfizio di superare nel torneo di Charleston la nostra Sara Errani).

Ma nei 35 anni di questa autentica passerella di enfant prodige del tennis, meritano anche di essere ricordati i nomi dell’argentina Gabriela Sabatini (per lei vittoria nel 1984), del britannico Andy Murray (semifinali nel 2003), ed anche dei nostri eroi di Davis Cup Fabio Fognini e Andreas Seppi, che sul ‘rosso’ del Cerri non andarono rispettivamente oltre un terzo turno e un primo turno nel 2003 e nel 2000, a conferma del valore tecnico della competizione.

Con l’edizione 2014, sponsorizzata Cassa di Risparmio di San Miniato, Tecnopel, Tuscania, Industria Conciaria, Nick Winters, Klf, Tecnokimica, Morellino e Hi-Led, la cittadina del cuoio si appresta a ospitare circa 250 atleti di 40 Paesi. Oltre che a Santa Croce alcune gare dei primi turni si disputeranno sui campi del CT Pontedera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Croce sull'Arno, 'racchette' del futuro a raccolta sulla terra rossa

PisaToday è in caricamento