Trapani - Pisa 1-3 | Uragano nerazzurro in Sicilia: conquistata Trapani

Partita condizionata dal vento fortissimo: Pinato apre la strada, Moscardelli dipinge un capolavoro. Pettinari riapre i conti. Nella ripresa ancora il capitano sigilla la vittoria con la doppietta personale

Ci sono voluti tre mesi e mezzo, ma finalmente il Pisa è tornato a sorridere lontano dall'Arena Garibaldi. I nerazzurri (in tenuta verde) nella serata più complicata da inizio stagione a causa delle moltissime assenze, sbancano con personalità e coraggio il 'Provinciale' di Trapani, rifilando tre gol a una diretta concorrente per la salvezza. La squadra di D'Angelo vola a 23 punti, mettendo quattro lunghezze tra sé e la zona playout e irrompendo nella griglia playoff. L'1-3 finale porta il sigillo di Davide Moscardelli: il capitano, schierato come unico riferimento offensivo, si regala una notte da campione segnando una doppietta: il primo gol in rovesciata è da far vedere ai nipoti fra qualche anno.

E' un avvio da sogno quello del Pisa, che dopo neanche un giro di lancette si ritrova avanti. Nell'inedito alberto di Natale disegnato da D'Angelo Gucher e Pinato, al rientro dopo la squalifica, agiscono da trequartisti. E proprio l'ex Primavera del Milan si inventa un destro rasoterra chirurgico: il piede forte sarebbe il sinistro, ma il numero 21 indovina un tracciante dal limite che supera Carnesecchi all'angolino basso. Il vento fortissimo che spira sul nordovest della Sicilia mette in difficoltà il Pisa, mentre il Trapani lo sfrutta per riempire di palloni la difesa nerazzurra. Tutte le traiettorie sono rese insidiose dalle raffiche che spirano in faccia a Gori, che ringrazia Gucher per un salvataggio prodigioso sulla riga prima di esibirsi in un riflesso che nega il gol a Pettinari. Come la manovra si sposta sul fronte opposto però i nerazzurri sanno fare male, premendo l'acceleratore sulla corsia mancina dove agiscono Pinato, Lisi e Marin. Quest'ultimo al 18' disegna un cross perfetto sul quale si alza in volo a centro area Moscardelli: rovesciata e palla in buca. Il raddoppio del Pisa smorza gli entusiasmi del Trapani fino al 40', quando i granata tornano a sfruttare con maggior convinzione il fattore climatico. I corner calciati in serie nell'area nerazzurra trovano altri due salvataggi di Gucher prima della zampata di Pettinari che in mischia riapre i giochi poco prima dell'intervallo. Il secondo tempo si apre con il Pisa che nel giro di un minuto misura la porta di Carnesecchi sfruttando il vento a favore: prima Gucher chiama il portiere siciliano alla deviazione sulla punizione, dal seguente corner Benedetti centra l'incrocio dei pali. Il Trapani rispetto alla prima frazione gioca palla a terra e prova a sfruttare il dinamismo e la classe di Biabiany, che sfiora il pareggio all'ora di gioco. Il francese piomba sulla ribattuta di Gori sul destro di Taugourdeau dal limite, ma trova la reazione prodigiosa del portiere nerazzurro e poi il muro di Aya sulla riga di porta. Dal gol fallito al gol subito: Lisi galoppa sulla sinistra, arriva sul fondo e serve Moscardelli a centro area, che di sinistro sigla la sua doppietta personale. I padroni di casa stavolta accusano parecchio il colpo e creano soltanto un pericolo con il pallonetto di Moscati che smarca Evacuo in area di rigore ma in posizione defilata. Il centravanti di casa prova comunque a concludere ma trova ancora la facile risposta di Gori.

La partita

Il Pisa, dopo lo sbarco, tenta anche di conquistare la Sicilia. A Trapani i nerazzurri affrontano un avversario diretto per la corsa alla salvezza e lo fanno conoscendo i risultati di tutte le altre concorrenti per il medesimo traguardo. Il posticipo della sedicesima giornata di Serie B sul sintentico del 'Provinciale' si preannuncia infuocato: sia i padroni di casa che gli uomini di D'Angelo vengono da una sconfitta e intendono riprendere la marcia verso l'obiettivo stagionale. Il Pisa però è costretto a farlo con moltissime assenze, due su tutte che mettono il tecnico abruzzese di fronte a scelte obbligate in attacco: torneranno infatti a gennaio i due interpreti principali della linea avanzata, Michele Marconi e Gaetano Masucci.

In virtù di ciò i nerazzurri scendono in campo con un inedito schieramento a punta sola: Davide Moscardelli agisce come unico punto di riferimento avanzato. In difesa torna Gianmarco Ingrosso al fianco di Benedetti e Aya, posizionandosi sulla corsia laterale destra della linea a quattro, completata a sinistra dal solito Lisi. In mezzo al campo la diga è composta da Marin, De Vitis e Verna, con Pinato e Gucher schierati nell'insolita posizione di trequartisti. Nessuna sorpresa nello schieramento siciliano: mister Baldini conferma il 4-3-3, ma cambia qualche interprete rispetto alle ultime uscite. In avanti c'è Nzola a completare il tridente con Evacuo e Pettinari, e in mezzo al campo Corapi vince il ballottaggio con Colpani. In difesa infine si registra il debutto dal 1' del neoacquisto Strandberg, pescato tra gli svincolati.

Neanche si fa in tempo a dare il via al cronometro e commentare il vento fortissimo che spira in faccia a Stefano Gori che il Pisa sblocca il risultato. De Vitis apre per Lisi sulla sinistra, il terzino appoggia a Pinato al limite dell'area e il centrocampista calcia di destro. Il suo rasoterra va diretto all'angolino opposto: Carnesecchi è superato imparabilmente, i nerazzurri sono avanti dopo un minuto. I padroni di casa reagiscono sfruttando anche il vento a favore, alzando numerosi palloni e conquistando due corner in serie. Sul secondo la palla va direttamente in porta: Gori è superato ma c'è Gucher appostato bene e allontana il pericolo. Il Pisa fatica a prendere le misure alle traiettorie impazziete del pallone e al 12' ringrazia i prodigiosi riflessi di Gori: cross di Moscati, Aya sbaglia il tempo e favorisce l'inserimento di Pettinari. Il suo tocco a botta sicura trova la spalla e poi la presa dell'estremo difensore nerazzurro.

Proprio quando la sfida sembra farsi durissima, il campione tira fuori il coniglio dal cilindro. Il Pisa attacca nuovamente sulla sinistra con il terzetto Lisi-Pinato-Marin: il romeno disegna un cross perfetto a centro area, dove Moscardelli si alza in volo e lascia partire un missile in rovesciata che si insacca di nuovo all'angolino destro. Al 18' il Pisa è avanti 0-2. Il Trapani accusa il colpo e impiega qualche minuto stavolta prima di tornare a premere nella m età campo del Pisa. Ingrosso nella posizione di terzino destro è in ovvie difficoltà e proprio dalla sua parte arriva l'occasione siciliana al 27', quando Corapi smarca Pettinari. L'attaccante punta De Vitis e lascia partire un rasoterra che taglia l'area piccola senza trovare nessun tocco: Evacuo è in ritardo e il pericolo sfuma. Gradualmente però anche il Trapani inizia a risentire delle condizioni climatiche: la manovra granata, sia palla a terra che alta, è fortemente infastidita dal vento e quindi ricorre ai calci piazzati collezionando quattro angoli in serie. Al 44' il Trapani alza un campanile in area pisana che carambola sul destro di Evacuo: Aya sostituisce Gori nei pressi della porta, e sulla ribattuta Nzola e Taugordeau si infastidiscono a vicenda senza riuscire a calciare a rete. Ma i padroni di casa insistono e nei tre corner calciati prima dell'intervallo trovano altri due salvataggi sulla riga di porta di Gucher e poi il gol che riapre il conto: la mischia furibonda che si innesca di fronte a Gori viene risolta dalla zampata di Pettinari. Si va negli spogliatoi sull'1-2.

La seconda frazione si apre con un'altra novità legata alle condizioni del terreno di gioco: oltre al vento, che continua a spirare fortissimo, i padroni di casa hanno la brillantissima idea di annaffiare come se non ci fosse un domani l'area di rigore di Stefano Gori. Il portiere nerazzurro si ritrova a giocare praticamente in un acquitrino. Per non correre pericoli il Pisa parte forte e costringe Carnesecchi alla deviazione in corner sulla punizione calciata da Gucher dai 20 metri. Dalla bandierina va ancora l'austriaco che pesca Benedetti a centro area: il centrale salta e colpisce il secondo l'incrocio dei pali. La prima metà del secondo tempo comunque si rivela povera di contenuti tecnici di rilievo: il Trapani incontra le difficoltà trovate dal Pisa prima dell'intervallo senza trovare i giusti meccanismi nella manovra. D'Angelo richiama Ingrosso e lancia in campo Birindelli con l'intenzione di sfruttare i metri lasciati dalla difesa granata. Però al 64' dal nulla i padroni di casa si imbattono nuovamente in un Gori formato Spiderman: prima vola sul destro di Taugourdeau, poi sulla respinta si getta sui piedi di Biabiany, che viene stoppato successivamente anche da Aya.

I nerazzurri non si lasciano intimorire dalla voglia del Trapani di riequilibrare il match e al 67' trovano la doppietta di Davide Moscardelli. Lisi si invola sulla sinistra servito da De Vitis, svernicia Candela e crossa forte rasoterra: a centro area irrompe il capitano con il suo mancino per il terzo gol del Pisa. Il segno lasciato dal capitano sulla partita è la standing ovation che l'intero 'Provinciale' gli tributa al momento della sostituzione con Fabbro. La partita però non è finita e lo dimostra Evacuo all'80', quando scatta sul filo del fuorigioco sul suggerimento di Moscati. Il centravanti granata è in posizione defilata ma prova comunque a calciare: ancora Gori decisivo. Più passano i minuti, però, più anche la spinta nervosa del Trapani si affievolisce e il Pisa riesce a tenere a bada gli avversari.

Le pagelle

Il tabellino

Trapani - Pisa 1-3

Trapani (4-3-3): Carnesecchi; Grillo, Scognamillo, Strandberg, Candela; Taugourdeau, Corapi (63' Colpani), Moscati; Nzola (46' Biabiany), Evacuo, Pettinari. All. Baldini

Pisa (4-3-2-1): Gori; Ingrosso (62' Birindelli), Benedetti, Aya, Lisi; Marin, De Vitis (84' Siega), Verna; Pinato, Gucher; Moscardelli (72' Fabbro). All. D'Angelo

Reti: 1' Pinato (P), 18' Moscardelli (P), 47' Pettinari (T), 67' Moscardelli (P)

Ammoniti: Ingrosso (P), Scognamillo (T), Verna (P), Grillo (T), Birindelli (P), Colpani (T), Fabbro (P), Gucher (P)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Note: arbitro Federico Dionisi; angoli 9-3 (7-0); recupero 3' e 4'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 28 anni in un incidente in moto in autostrada

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Ragazza investita a Marina di Pisa: arrestato il pirata della strada

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • In arrivo piogge e temporali in Toscana: emessa allerta meteo

  • Coronavirus in Toscana: sei nuovi casi, due a Pisa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento