Vicenza - Pisa: le probabili formazioni | D'Angelo: "Compattezza, fiducia e attenzione. Andiamo a Vicenza per vincere"

Nella trasferta di domani, sabato 31 ottobre, mancherà soltanto Loria (ancora positivo al Coronavirus). L'allenatore nerazzurro chiede ai suoi maggior equilibrio e massima fiducia nei propri mezzi

Vincere: l'unico obiettivo da inseguire nella trasferta di domani, sabato 31 ottobre, sul campo del Vicenza è questo. I nerazzurri nel sesto turno di campionato faranno visita a un'altra compagine che in questo avvio di stagione non è ancora riuscita a conquistare la piena posta in palio. E perciò, probabilmente, assisteremo ad un match parecchio contratto, nel quale la tensione e la paura di sbagliare la faranno da padroni. Il Pisa però ha il dovere di far pesare la maggiore esperienza in categoria (il Vicenza è una neopromossa) e la maggior qualità di molti dei suoi interpreti.

Carica

Nel plotone che è partito alla volta del ritiro veneto che precede la sfida del Menti manca esclusivamente il secondo portiere Leonardo Loria. L'estremo difensore arrivato questa estate non ha ancora superato il Covid-19: il suo tampone non si è ancora negativizzato e quindi deve posticipare il rientro in gruppo. Tutti gli altri elementi dello spogliatoio sono a disposizione di Luca D'Angelo, compreso Siega che martedì scorso non ha preso parte alla sfida di Coppa italia contro la Virtus Entella a causa di una distorsione alla caviglia.

"Veniamo da diversi risultati negativi - spiega D'Angelo - ma posso assicurare che la squadra non ha mai lesinato sull'impegno. E anche domani a Vicenza scenderemo in campo per vincere: non dobbiamo gettare via tutto quello di buono che abbiamo costruito. Le fondamenta per costruire qualcosa di importante ci sono". Il tecnico nerazzurro non risparmia elogi anche per l'avversario: "Composto da giocatori esperti, guidati da un allenatore molto navigato. Non dovremo calare l'attenzione perché potremmo correre dei pericoli".

Riguardo al grande numero di gol incassati in questo avvio di stagione, D'Angelo spiega che "la squadra troppe volte si è allungata in campo per tentare di recuperare lo svantaggio. Questa attitudine in molti frangenti ha causato uno squilibrio punito puntualmente dagli avversari. Più che di errori tattici, quindi, parlerei di interpretazioni sbagliate". Per uscire da questo momento di difficoltà l'allenatore nerazzurro ammette di "non avere la ricetta perfetta. Ma credo che sia sufficiente ritrovare la compattezza granitica dei tempi migliori e avere la massima fiducia nei compagni. Il campionato è ancora molto lungo e abbiamo tutto il tempo di dire la nostra e regalare ai tifosi gioie e soddisfazioni".

Nel 4-3-1-2 che ormai accompagna le uscite del Pisa da inizio stagione potrebbe trovare di nuovo posto dal 1' Luca Vido: il numero 19 potrebbe essere proposto nel ruolo di trequartista, a supporto del tandem composto da Palombi e Marconi. In mezzo al campo Mazzitelli va verso la conferma della maglia di regista, supportato da Gucher e Marin. Ballottaggio sulla corsia destra tra Birindelli e Pisano, in mezzo alla difesa torna Varnier a fare coppia con Caracciolo.

Fame di vittoria

Anche a Vicenza c'è una grande fame di vittorie. I biancorossi, vincitori del Girone B dello scorso campionato di Serie C, hanno raccolto soltanto 2 punti in 4 partite (devono recuperare un match). Di Carlo, tecnico dei veneti, sa che c'è bisogno di "insistere sulla determinazione e sulla concentrazione: la Serie B richiede queste componenti per poter conquistare punti pesanti". "Serve un grande equilibrio - prosegue - perché questo campionato non concede alibi né seconde occasioni. Non nego che i miei ragazzi hanno una grande voglia di vincere, però se non ci siamo ancora riusciti significa che dobbiamo fare ancora meglio" sottolinea Di Carlo.

Il tecnico biancorosso può contare sull'intera rosa: conferma per il 4-4-2, con il ballottaggio tra Rigoni e Cinelli in cabina di regia. In attacco invece Longo e Gori lottano per accaparrarsi il posto accanto a Meggiorini.

L'arbitro e le curiosità della partita

La sfida del Menti verrà disputata da Lorenzo Maggiorni di Lecco: un arbitro che porta decisamente fortuna al Pisa. Con lui in campo i nerazzurri hanno sempre vinto: contro il Pontedera in Serie C, contro la Cremonese in Coppa Italia e sempre contro i grigiorossi nello scorso campionato (3-4 allo Zini). La squadra di Luca D'Angelo non vince in trasferta dal 29 giugno, quando fu capace di sbancare il Picco di Spezia con la doppietta di Marconi.

Inoltre i nerazzurri non chiudono una gara esterna senza reti al passivo da oltre un anno: il 1 settembre 2019 a Castellammare di Stabia la seconda di campionato finì 2-0 grazie alle reti di Gucher e Marconi. Il Vicenza, per contro, complice anche la sospensione del campionato di Serie C della scorsa stagione, non centra un successo dal 23 febbraio: 1-3 sul campo del Cesena. L'unico acuto ufficiale messo a referto da quel momento è il 3-2 in Coppa Italia contro la Pro Patria dello scorso 30 settembre.

Il Pisa giocherà sul prato del Menti per la quindicesima volta nella sua storia. L'ultimo incrocio riporta alla mente ricordi poco piacevoli: il 12 marzo del 2017 il Pisa, avanti nel punteggio fino all'86' con il gol di Manaj, si fece ribaltare dal pareggio di Ebagua e dal rigore di Urso a tempo scaduto. Una sconfitta che spalancò le porte di una crisi irreversibile per la squadra guidata da Gattuso, che si avviò verso la retrocessione in Serie C. L'ultimo successo è stato firmato invece da Castillo, Kutuzov e Rajczi: nel 2007 i nerazzurri di Ventura si imposero 3-1. Nel complesso il Vicenza ha vinto 7 volte contro le 4 del Pisa; i pareggi sono 3.

Le probabili formazioni

Vicenza (4-4-2): Grandi; Bruscagin, Padella, Cappelletti, Beruatto; Nalini, Rigoni, Pontisso, Dalmonte; Meggiorini, Gori. All. Di Carlo

Pisa (4-3-1-2): Perilli; Lisi, Varnier, Caracciolo, Pisano; Marin, Mazzitelli, Gucher; Vido; Marconi, Palombi. All. D'Angelo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento