Giovedì, 23 Settembre 2021
/~shared/avatars/33689916259612/avatar_1.img

stefi bond I bonifici superano i rischi

Rank 3.0 punti

Iscritto mercoledì, 5 ottobre 2011

Coronavirus, il professor Menichetti: "Il libero arbitrio ci dice di vaccinarci"

"Menichetti, e sono pronta a dirglielo in faccia invitandolo a chiedere i miei recapiti alla Redazione ( che ne è già in possesso da quando mi sono iscritta qui con NOME E COGNOME REALI e indirizzo) ha detto una sтяоиzата. Una gigantesca sтяоиzата. Il vaccino ad oggi NON È OBBLIGATORIO, pertanto io posso ALLEGRAMENTE, SERENAMENTE E TENERAMENTE INVOCARE LA LIBERA SCELTA di NON FARLO perché questo mio LIBERO ARBITRIO mi viene garantito dalla Costituzione. E non ci deve essere nessun Menichetti che mi fa la paternale contestandomelo. Prego Menichetti di starsene ZITTO E MUTO in religioso rispetto di quanti , come me, hanno LEGITTIMAMENTE scelto di non farsi inoculare nessuna sostanza.
Menichetti, inoltre, è intellettualmente disonesto. Un medico di grande esperienza come lui non può non sapere che esistono da sempre cure per gestire il Covid a domicilio. No, non lo dico io, lo dicono medici che hanno la sua stessa preparazione e anche qualcosa in più: decine e decine di pazienti guariti a casa è quel ‘quid’ che manca a Menichetti.
Cure la cui tempestività garantisce una più alta percentuale di successo, rispetto ai temporeggiatori della ‘vigile attesa’.
Il futuro della medicina, caro Menichetti, sono le cure, non i vaccini."

24 commenti

Prima la chat erotica, poi l'estorsione: denunciata giovane coppia

"Lui sicuramente sposato che va al “Famiglia Day” e non manca mai in Cattedrale la domenica a prendersi l’eucarestia da Benotto.
Se l’estorsione non fosse un odioso reato, avrebbe rappresentato una bella lezione per il nostro patetico mdf."

4 commenti

Vaccino Covid, dal 20 settembre al via la somministrazione della terza dose

"Per gli adolescenti è più pericoloso il vaccino Pfizer del Covid"
Lo sostiene una ricerca Usa, secondo cui il rischio di miocardite per i maschi tra i 12 e i 15 anni (ma non per le femmine della stessa età) è decisamente più alto se ci si vaccina
Francesco Bortoletti
13 settembre 2021 14:57
La ricerca va ancora revisionata dalla comunità scientifica, ma sembra dare ragione alle perplessità espresse da diversi esperti: gli adolescenti di sesso maschile tra i 12 e i 15 anni che godono di buona salute il rischio di venire ospedalizzati per gli effetti collaterali del vaccino Pfizer è più alto di quello che correrebbero se contraessero un'infezione da Covid-19. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università della California. E in qualche modo getta ombre sul via libera dato dall'agenzia Ue del farmaco Ema e da quella Usa e adesso anche del Regno Unito alla vaccinazione alla fascia 12-15 anni.

Stando ai risultati, che si basano su dati medici, per i ragazzi tra i 12 e 15 anni senza patologie pregresse, la probabilità di vedersi diagnosticata una miocardite è da quattro a sei volte superiore rispetto a quella di finire in ospedale con il Covid nei quattro mesi successivi all’inoculazione del vaccino. Molti soggetti che hanno sperimentato questo raro effetto collaterale hanno sviluppato i sintomi entro qualche giorno dalla seconda dose Pfizer, ma una problematica assimilabile a questa è stata osservata anche per il vaccino Moderna. Circa l’86% dei ragazzi colpiti ha avuto bisogno di cure ospedaliere.

Secondo Saul Faust, professore di immunologia pediatrica e malattie infettive all’Università di Southampton (che non fa parte degli autori dello studio), la scoperta parrebbe giustificare l’approccio cauto alla vaccinazione degli adolescenti seguito dalle autorità sanitarie britanniche, che per il momento hanno detto di no al vaccino per gli under 15. Lo scorso luglio, infatti, il Joint Committee on Vaccines and Immunisation (JCVI), il comitato britannico sui vaccini e l’immunizzazione, non ha raccomandato la vaccinazione dei ragazzi in salute nella fascia d’età 12-15, rimbalzando la questione alla direzione del servizio sanitario nazionale che dovrebbe prendere una decisione finale la prossima settimana. Sono invece vaccinabili i ragazzi della stessa età particolarmente vulnerabili al Covid o che vivono con soggetti ad alto rischio.

Nello studio statunitense, che, ribadiamo, ancora non è stato revisionato dalla comunità scientifica, il dottor Tracy Hoeg dell’Università della California e i suoi colleghi hanno analizzato le reazioni avverse ai vaccini anti-Covid nei ragazzi tra i 12 e i 15 anni d’età nel primo semestre del 2021. Gli studiosi stimano che il tasso di miocarditi comparse dopo due dosi di Pfizer ammonta a 162,2 casi per milione per i soggetti di sesso maschile in salute tra i 12 e i 15 anni, mentre per quelli tra i 16 e i 17 la cifra si abbassa a 94 casi per milione. Per le ragazze in salute nelle medesime fasce d’età, invece, il tasso si attesta rispettivamente a 13,4 casi per milione e a 13. Secondo lo studio, al ritmo attuale d’infezione nel Paese, il tasso di rischio di ospedalizzazione per Covid per un adolescente in salute nei 4 mesi successivi al vaccino è di 44 casi per milione.
La stragrande maggioranza delle miocarditi compare dopo la seconda dose del vaccino, e questo, secondo alcuni esperti, potrrebbo portare le autorità sanitarie a consigliare una sola dose per permettere di ridurre ulteriormente il rischio di effetti collaterali senza rinunciare all’immunizzazione, scrive il Guardian. Se da un lato la miocardite in seguito alla vaccinazione è molto rara, sostiene il dottor Faust, dall’altro “potremmo cambiare la prima o seconda dose o combinare diversi vaccini in modo da evitare il rischio”, non appena se ne sarà compresa meglio la fisiologia."

14 commenti

Vaccino Covid, dal 20 settembre al via la somministrazione della terza dose

"Precisamente. Inoltre il 31/12 termina lo stato di emergenza. Vediamo cosa si inventano. La misura è colma. Sono quasi due anni che ci stanno rovinando la vita, interrompendo le nostre attività, portandole alla chiusura e/o al fallimento. Tutto questo non potrà essere perdonato. Abbiamo ormai individuato la falsa opposizione, rivelatasi la peggior collaborazionista del governo. Le prime maschere sono cadute. Ne cadranno altre. Occorre solo resistere e non farsi vaccinare. La lista dei decessi si sta allungando ogni giorno, ma la stampa tirapiedi dei burattinai la occulta per propagandare all’infinito una narrazione del siero come salvezza del mondo."

14 commenti

Coronavirus, il professor Menichetti: "Il libero arbitrio ci dice di vaccinarci"

"Menichetti, e sono pronta a dirglielo in faccia invitandolo a chiedere i miei recapiti alla Redazione ( che ne è già in possesso da quando mi sono iscritta qui con NOME E COGNOME REALI e indirizzo) ha detto una sтяоиzата. Una gigantesca sтяоиzата. Il vaccino ad oggi NON È OBBLIGATORIO, pertanto io posso ALLEGRAMENTE, SERENAMENTE E TENERAMENTE INVOCARE LA LIBERA SCELTA di NON FARLO perché questo mio LIBERO ARBITRIO mi viene garantito dalla Costituzione. E non ci deve essere nessun Menichetti che mi fa la paternale contestandomelo. Prego Menichetti di starsene ZITTO E MUTO in religioso rispetto di quanti , come me, hanno LEGITTIMAMENTE scelto di non farsi inoculare nessuna sostanza.
Menichetti, inoltre, è intellettualmente disonesto. Un medico di grande esperienza come lui non può non sapere che esistono da sempre cure per gestire il Covid a domicilio. No, non lo dico io, lo dicono medici che hanno la sua stessa preparazione e anche qualcosa in più: decine e decine di pazienti guariti a casa è quel ‘quid’ che manca a Menichetti.
Cure la cui tempestività garantisce una più alta percentuale di successo, rispetto ai temporeggiatori della ‘vigile attesa’.
Il futuro della medicina, caro Menichetti, sono le cure, non i vaccini."

24 commenti
  • Commenti generici: 1000 commenti
PisaToday è in caricamento