Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cinque cose da sapere su chiesa della Spina

Ecco alcune cose che forse non sapevate sulla piccola chiesa gotica di Pisa

1. Il nome 

Fu costruita nel 1230, su commissione della famiglia Gualandi (quelli della torre del Conte Ugolino), e consacrata a Santa Maria di Pontenovo perché sorgeva accanto all’omonimo ponte crollato nel XV secolo. Il nome Santa Maria della Spina le è stato assegnato da nel 1333 quando è stata portata qui la preziosa reliquia.

2. La Spina

La Spina farebbe parte della corona di spine con cui Cristo fu incoronato prima della crocifissione; non è una scheggia della Croce, come molti erroneamente pensano. Nel XIX secolo, la reliquia è stata trasferita nella chiesa di Santa Chiara dove tutt’ora si trova.

3. Il trasloco

Originariamente, la chiesa si trovava al livello del fiume Arno e negli anni fu soggetta a numerosissimi interventi di restauro dovuti al cedimento del terreno e alla vicinanza del fiume Arno sulle cui sponde era stata edificata. Dopo l'unità d'Italia ne fu deciso lo smantellamento e la ricostruzione dove fosse più stabile e sicura. I lavori iniziarono nel 1871 e terminarono nel 1875. Questo intervento spostò di alcuni metri verso est, e più in alto il tempio. Tuttavia nello smontaggio ci furono estese distruzioni di materiali marmorei e nella ricostruzione sostanziali modifiche alla primitiva struttura: furono alzate di circa un metro le pareti, inseriti alcuni gradini, le statue furono restaurate male o sostituite, e la sagrestia edificata a sbalzo sul fiume non fu mai ricostruita. 

4. I decori

Alla decorazione dell’esterno e dell’interno della chiesa di Santa Maria della Spina, hanno partecipato vari scultori e maestri quali Lupo di Francesco, Giovanni di Balduccio, Andrea Pisano e i figli Nino e Tommaso. Notevole è il tabernacolo con la Madonna col Bambino e i due Angeliattribuiti a Giovanni Pisano.

5. l’interno

L’interno è semplice (caratteristica del gotico) e senza affreschi; ma potrete trovarci la bellissima Madonna della Rosa (di Andrea e Nino Pisano) e il tabernacolo di Stagio Stagi del 1534 in cui originariamente era conservata la Spina della corona di Cristo. Nella chiesa c’era anche la Madonna del Latte, che ora si trova nel Museo Nazionale di San Matteo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Cinque cose da sapere su chiesa della Spina

PisaToday è in caricamento