rotate-mobile

Ristorante bersagliato dai furti in centro a Pisa: "Undici in tre anni, siamo stanchi"

Matteo Gavini, proprietario del ristorante Il Mercante, racconta il grande disagio che subisce da tempo

La media è inquietante: quasi quattro furti subiti all'anno, dal 2020 a oggi. Un ritmo devastante che rischia di mettere in ginocchio il locale situato nel cuore del centro storico cittadino, in via Mercanti. Matteo Gavini, proprietario del ristorante Il Mercante, lo spiega con amarezza: "Il problema della sicurezza lo stiamo vivendo sulla nostra pelle. Undici 'visite sgradite' in pochi anni sono veramente troppe. Le ultime due, poi, non hanno fatto altro che acuire la sensazione di essere stati presi di mira".

Perché nel giro di appena quattro notti le porte del locale sono state forzate ben due volte. La prima tra domenica 2 e lunedì 3 aprile, la seconda tra mercoledì 5 e giovedì 6. In entrambi i casi il malvivente è stato immortalato nella sua azione dalle videocamere di sorveglianza e nella prima effrazione addirittura è stato ripreso mentre richiudeva con cura il portone d'ingresso, una volta che l'allarme era entrato in funzione. Un gesto che da Gavini è stato sottolineato con amara ironia sulla pagina Facebook del ristorante: "Pisa, 3 Aprile 2023. Entra per rubare ma richiude la porta. Grazie, non ci sono più i ladri di una volta".

Il bottino è stato fortunatamente magrissimo, perché nella cassa non c'erano che pochissimi spiccioli. Ma la sensazione di insicurezza, precarietà e costante preoccupazione non fa che crescere nel proprietario del locale e tra i dipendenti. La dinamica degli ultimi due furti è molto chiara: il ladro è riuscito a introdursi nel ristorante aprendo agilmente la porta laterale della cucina che dà su via Battichiodi. Un punto 'cieco' per illuminazione e passaggio dei controlli delle forze dell'ordine nei pattugliamenti notturni del centro. Tutto si è svolto nel giro di pochissimi minuti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Ristorante bersagliato dai furti in centro a Pisa: "Undici in tre anni, siamo stanchi"

PisaToday è in caricamento