Ospedale di Volterra, il Sindaco: "Non raggiunti gli obiettivi minimi previsti"

Intervento del primo cittadino in merito all’incontro di venerdì in Regione sul monitoraggio dell'accordo sull'Ospedale di Volterra

"A distanza di otto mesi dalla firma del protocollo, che la sola Volterra non ha avallato, si è constatato che nemmeno gli obiettivi minimi, in termini di interventi da fare, sono stati raggiunti". Così il sindaco di Volterra Marco Buselli in merito all’incontro di ieri mattina, venerdì 7 settembre, in Regione per il monitoraggio dell'accordo sull'Ospedale di Volterra, richiesto dalla Cgil e su cui era intervenuto criticamente il comune di Volterra a più riprese.

Presenti, oltre all'assessore regionale Stefania Saccardi, i vertici dell'Asl, il primario dell'area chirurgica di Volterra e Pontedera, i sindacati, il sindaco di Montecatini Val di Cecina e quello di Volterra. "Difficile parlare di un successo - prosegue il sindaco Buselli riferendosi all'incontro - ma alcuni aspetti e spunti operativi validi sono comunque emersi dalla discussione. Iniziamo ad analizzare la situazione. Se da una parte è stato evidenziato un aumento dell'attività ambulatoriale chirurgica complessa, dall'altra sia il numero degli interventi chirurgici, che quello degli interventi ortopedici, è diminuito. Si è però aperta la possibilità, di cui è stata investita l'Asl da parte della Regione, di aprire subito, per l'abbattimento delle liste di attesa, anche al perimetro esterno all'area vasta di riferimento. Questo sarebbe molto importante. Ho rimarcato che si debba mantenere il livello di complessità degli interventi, comunque sancito anche nell'accordo, per poter garantire al meglio la gestione dell'urgenza quando si presenta".

"Siamo invece fermi al palo - prosegue Buselli - con l'automedica di notte al Pronto Soccorso. Non c'è stata alcuna formazione, perchè l'Asl ci ha detto che mancano ancora i due infermieri che dovrebbero essere dedicati a questo servizio, in grado di chiudere il cerchio sulla gestione del Pronto Soccorso anche di notte. L'azienda e la Regione si sono impegnate a reperirli, mentre invece la Blsd h24 a Saline di Volterra è finalmente operativa. Ho espresso soddisfazione anche per l'accordo sull'assistenza pediatrica, chiedendo che adesso si apra un confronto sulle ore che rimangono ancora scoperte. Sull'area medica ho chiesto di fare una riflessione profonda, perchè, avendo impostato tutti gli Ospedali sul principio dell'intensità delle cure, decapitare il posto letto di terapia intensiva e i tre di subintensiva, significherebbe togliere qualsiasi riferimento all'alta intensità di cura, lasciando solo la media e la bassa. Come pure tagliare posti letto in area chirurgica e ortopedica, se si vogliono abbattere le liste di attesa, sarebbe un controsenso. Ma anche sui tagli ai posti letto, la direzione aziendale ha affermato che non sono all'ordine del giorno".

"Infine - conclude il sindaco - abbiamo avuto assicurazioni sulla Rems a Volterra, ma l'assessore ci ha confermato che l'idea di decurtare i posti, da parte di qualcuno c'era stata. Credo che a questo punto, anche su questo tema, si debbano accelerare tutte le procedure che i tempi della gara consentono e che si debba affrontare il tema dell'Ospedale alla luce del fatto che nello stesso presidio convivono anche Inail, Auxilium Vitae e la Rems, che ne fanno a tutti gli effetti un complesso unico".

Potrebbe interessarti

  • Sos pancia gonfia: le cause e i rimedi naturali più efficaci

  • Mantenere puliti i capelli: le abitudini più comuni da evitare

  • Come pulire e igienizzare i bidoni della spazzatura

  • Calli e duroni che dolore! I consigli per gli inestetismi dei piedi

I più letti della settimana

  • Tutti con gli occhi al cielo: arriva l'eclissi di Luna

  • Scooter contro auto: muore 18enne

  • Trovato cadavere in un'auto con un coltello nel petto

  • All'ospedale Cisanello il metabolismo si studia in una stanza

  • Morto in scooter a 18 anni: la polizia cerca un possibile testimone chiave

  • "Ero al pronto soccorso", ma non era vero: 36enne torna ai domiciliari

Torna su
PisaToday è in caricamento