Aeroporto: partiti i lavori per l'ampliamento del terminal

Via alla 'fase 0' che prevede una serie di interventi per decongestionare e rendere più fluido il traffico dei passeggeri all'interno dello scalo

Sono partiti nei giorni scorsi i lavori per l'ampliamento del terminal dell'aeroporto Galilei. E' quanto ha reso noto Gina Giani, amministratore delegato di Toscana Aeroporti, a margine della conferenza stampa che si è svolta ieri, mercoledì 11 aprile, allo scalo pisano per presentare le tre nuove rotte che Ryanair ha lanciato da e per la città della Torre per il 2018

"La fase 0 dei lavori - ha detto la Giani - terminerà a luglio e riguarderà l’ampliamento del gate 'extra Schengen' in cui verranno raddoppiate, sia in arrivo che in partenza, le aree ad uso del passeggero. Verranno inoltre potenziate le postazioni di controllo dei passaporti con l’inserimento di due dispositivi a sistema di lettura automatica. I lavori hanno lo scopo di decongestionare e rendere più fluido il traffico dei passeggeri". Si tratta del primo passo del piano di sviluppo aeroportuale "che dovrà portare l'infratruttura - ha proseguito la Giani - ad essere in grado di ospitare un traffico di 7,5 milioni passeggeri l'anno".

La notizia arriva insieme all'annuncio, da parte di Ryanair, principale vettore dello scalo, di nuovi investimenti su Pisa che, almeno per il momento, sembrerebbero allontanare il timore di una 'migrazione' del colosso dei voli low-cost dal Galilei in favore dell'aeroporto di Firenze. "La pista di Peretola? Vedremo se il progetto andrà in porto. Al momento Pisa è il nostro principale partner in Toscana. Il Galilei - ha detto John F. Alborante, sales & marketing manager Italia di Ryanair - è stato il primo aeroporto italiano ad ospitare un volo della nostra compagnia, ormai 20 anni fa. Un impegno che dunque va avanti da tempo e che continuerà anche in futuro. In quest'ottica stiamo definendo con Toscana Aeroporti tutti i dettagli del nuovo accordo che verrà stipulato a breve dalle due società". 

I numeri forniti dalla compagnia prevedono di movimentare, nel 2018, 3,3 milioni di passeggeri sul solo scalo pisano. "Le nuove rotte presentate - ha proseguito la Giani - confermano l'impegno di quello che è il nostro partner principale. Se Ryanair continua ad investire su Pisa significa che la città ha ancora margini di sviluppo da questo punto di vista". Nessuna risposta invece, da parte della Giani, alla domanda fatta da alcuni giornalisti che chiedevano di sapere se Toscana Aeroporti stesse o meno parlando con lo scalo di Bologna nell'ottica di un potenziamento dei collegamenti e dei servizi tra l'aeroporto bolognese e quello di Firenze. Un potenziamentro che potrebbe avere ripercussioni anche sullo scalo pisano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si ferma ad un distributore e si masturba 'di fronte' ad una donna che fa rifornimento

  • Meteo, quando arriva la neve in pianura

  • "Elicotteri da guerra nella fabbrica di Ospedaletto": Rebeldia contro Leonardo Spa

  • Donna scomparsa a Volterra: trovata morta in fondo alle Balze

  • Lotterie: vinto un milione di euro a Pisa

  • Scontro tra due auto: muore 70enne

Torna su
PisaToday è in caricamento