Progetto Mura: affidato il restauro di un altro tratto

I lavori prevedono interventi nei pressi del Giardino Scotto e della Cittadella. Presentato intanto alla Fondazione Pisa, per richiedere un ulteriore finanziamento, il progetto per il recupero del Bastione del Barbagianni 

Si è conclusa la procedura per l'affidamento dei lavori di recupero e restauro dei tratti est ed ovest del Progetto Mura. Ad aggiudicarsi la gara, per la quale erano pervenute 12 offerte, è stata la ditta Pro.Mu. Restauri Artistici Srl di Viterbo. Si tratta di un investimento da 461mila euro, di cui 366mila finanziati dalla Fondazione Pisa. "La gara - spiega l'assessore ai Lavori pubblici Andrea Serfogli - è stata affidata entro la fine del 2017, così come previsto dall'accordo con la Fondazione Pisa. Nei prossimi giorni verrà montato il cantiere con l'avvio ufficiale dei lavori. Per concludere il restauro abbiamo tempo fino a giugno 2019 ma il nostro obiettivo è quello di completare i lavori entro al fine del 2018".

I tratti di Mura oggetto del nuovo intervento sono principalmente due: quello del Giardino Scotto che si affaccia sul Lungarno Fibonacci e quello della Cittadella, sia nel tratto lungo via Bonanno dietro agli Arsenali Repubblicani, che in quello lungo via Terzanaia, sul Lungarno di fronte alla Cittadella. E’ previsto inoltre un intervento di bonifica e di messa in sicurezza del Bastione San Giorgio, vicino al Campo Abetone.

L'intervento di restauro

Il progetto prevede interventi di restauro conservativo e consolidamento sui tratti delle cortine murarie, realizzati secondo i principi del restauro dei monumenti, con il criterio generale di minimizzare le integrazioni ed eventuali modifiche delle strutture murarie, privilegiando materiali naturali, quali pietre, laterizie, legno, ferro e calce naturale riutilizzando completamente il materiale antico presente e con tecniche tradizionali.
In particolare nel tratto del Lungarno Fibonacci l’intervento riguarda la rimozione della vegetazione infestante, il consolidamento ed il ripristino della sommità della struttura muraria, e la messa in sicurezza del paramento murario.

Nel tratto del Lungarno di via Terzanaia l’intervento riguarda il tratto di mura urbane davanti al Lungarno, in parte ricostruite dopo l’ultimo conflitto, con interventi per la rimozione della vegetazione infestante, la messa in sicurezza ed il ripristino del camminamento in quota esistente, oltre a interventi di consolidamento e ripristino del paramento murario.

Nel tratto di Via Bonanno è prevista l’eliminazione delle alberature che sono a ridosso delle mura, che danneggiano le strutture murarie della sommità, la rimozione della vegetazione infestante, il ripristino e consolidamento della sommità delle mura, il consolidamento degli attuali merli e la messa in sicurezza del paramento murario.

Infine nel Bastione San Giorgio l’intervento riguarda l’eliminazione della vegetazione infestante dai paramenti murari, la bonifica dei locali del bastione con l’eliminazione di elementi impropri, e la messa in sicurezza dei vani interni del Bastione, compresa la realizzazione di infissi esterni.

Bastione Barbagianni e Torre San Giorgio

Oltre a questo nuovo lotto di lavori è stato intanto redatto e presentato alla Fondazione Pisa, per richiedere un ulteriore finanziamento, il progetto teso al recupero del Bastione del Barbagianni e al restauro del tratto di mura comprese tra via Garibaldi e lo stesso Bastione. "Un progetto - prosegue ancora Serfogli - del valore di 750mila euro che contiamo di mandare a gara nella primavera del 2018 e che prevede anche il completamento e la funzionalizzazione del Bastione del Barbagianni e della Torre di San Giorgio".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il carrello pieno alle casse automatiche pagano un solo articolo: arrestati

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 12 e 13 ottobre

  • Supermercati: nuovo punto vendita Conad a Santa Croce sull'Arno

  • Incidente tra due auto e un camion all'ingresso della Fi-Pi-Li

  • Lutto a Pisa: è morto l'ex sindaco Oriano Ripoli

  • La pizza di Luca D'Auria riconosciuta dal Gambero Rosso

Torna su
PisaToday è in caricamento