Differimento dei versamenti dei contributi fiscali per i soggetti ISA

Per le imprese interessate dagli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) è stata prorogata la scadenza per il versamento del Diritto Annuale 2020

Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 giugno 2020, è stata disposta la proroga dei versamenti dei contributi fiscali per i soggetti interessati dagli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) che possono ora essere effettuati entro il 20 luglio 2020 senza maggiorazione, oppure dal 21 luglio al 20 agosto 2020 maggiorando le somme da versare dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo.
La proroga, come chiarito dalla circolare del Ministero dello Sviluppo Economico dello scorso 9 luglio, si applica anche al versamento del diritto annuale per l'anno 2020. I soli contribuenti soggetti agli ISA avranno quindi tempo per pagare il tributo fino al 20 luglio 2020, ovvero 20 agosto 2020 con maggiorazione dello 0,40%.
Il termine di pagamento del diritto annuale per le imprese che non rientrano nelle casistiche individuate dalla norma, è invece scaduto il 30 giugno scorso, tuttavia possono ancora regolarizzare la loro posizione effettuando il versamento entro il 30 luglio 2020 con la maggiorazione dello 0,40%.

Cosa sono gli ISA

Gli ISA, che di fatto hanno sostituito gli studi di settore, sono uno strumento di compliance, introdotto con il Decreto Legge n. 50 del 24 aprile 2017; si tratta nella fattispecie di indicatori di affidabilità fiscale basati su dati relativi a più anni, utili a dimostrare e verificare la normalità e la coerenza della gestione aziendale o professionale. Il contribuente, tramite l’applicazione degli ISA, può verificare in fase dichiarativa, il proprio grado di affidabilità fiscale in base al posizionamento su una scala di valori da 1 a 10 (dove 10 corrisponde al punteggio di massima affidabilità). In relazione ai diversi livelli di affidabilità fiscale sono riconosciuti conseguentemente alcuni benefici stabiliti dalla norma, come ad esempio l’esonero da controllo o da alcune scadenze.

Per qualsiasi informazione o per il calcolo del diritto annuale è possibile consultare il sito internet della Camera di Commercio di Pisa nella sezione dedicata o contattare l’ufficio al numero 050-512.321/243.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento